“I Was Living Like Scarface”

I costi ridicoli della guerra in Afghanistan rivelati in nuovi documenti e testimonianze

“Santo cielo, vivevo come Scarface… a volte pagavo dai 300 ai 400.000 dollari a settimana fino a 5 milioni di dollari a settimana. Tutto in contanti». Matthew Hoh, Capitano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti ed ex funzionario del Dipartimento di Stato

WASHINGTON — Il conflitto in Afghanistan, almeno per gli Stati Uniti, sembra essere finito. Ammettendo essenzialmente la sconfitta, gli aerei americani stanno battendo una frettolosa e ignominiosa ritirata da Kabul, con immagini del ritiro che hanno una sorprendente somiglianza con quelle della caduta di Saigon 46 anni prima.

Mentre i talebani completano la loro conquista, molti americani si chiedono di cosa si trattasse. Per cosa e per cosa gli Stati Uniti hanno speso più di 2 trilioni di dollari? Uno studio recentemente pubblicato dall’Ispettore Generale Speciale per la Ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR) – un ente governativo degli Stati Uniti – mette a nudo lo spreco e la corruzione dell’intera faccenda, tracciando parallelismi con famose satire come “Catch 22” e “MAS H.” Intransigente nella sua franchezza, il rapporto di 124 pagine delinea l’incompetenza, la venalità e l’oscura assurdità dell’intera impresa. “Quando guardi quanto abbiamo speso e cosa abbiamo ottenuto per questo, è sbalorditivo”, ha ammesso un amministratore senior del Dipartimento della Difesa a SIGAR nel 2015.

Il Congresso ha fondato SIGAR nel 2008 per fornire una supervisione neutrale e obiettiva sulla gestione dei programmi di ricostruzione afghani da parte degli Stati Uniti. Il nuovo rapporto è l’ultima – e forse la più critica – di 13 offerte annuali che analizzano gli sforzi degli Stati Uniti nel paese.

Cattive metriche

In nessun momento gli Stati Uniti hanno controllato veramente tutto l’Afghanistan. Ma i funzionari di Washington volevano vedere risultati quantificabili. In una regione in cui le truppe americane erano a malapena in grado di lasciare le loro basi senza essere attaccate, il “denaro speso” divenne uno dei pochi parametri concreti che i comandanti potevano riferire con precisione. Come ha concluso il rapporto:

Perversamente, poiché era la cosa più facile da monitorare, la quantità di denaro spesa da un programma diventava spesso la misura più importante del successo. Un funzionario dell’USAID ha detto di SIGAR: “The Hill(ary) chiedeva sempre: “Hai speso i soldi?”… Non ho sentito molte domande su quali fossero gli effetti.

I budget del programma sono stati enormemente ampliati, spesso nonostante le obiezioni dell’USAID e di altri sul campo, i quali sostenevano che inondare il paese di dollari non era veramente conquistare i cuori e le menti, ed era una strategia dispendiosa e inefficace.

Non c’era alcun incentivo a riferire su eccessi finanziari, frodi o abusi e quasi nessuna supervisione su dove stessero effettivamente andando i soldi. Anche appaltatori, ONG e altri che erano a bordo dell’apparentemente infinito treno del sugo hanno taciuto mentre si riempivano le tasche di miliardi di dollari di denaro pubblico.

MintPress ha parlato con una persona che era stata una parte centrale di questa bizzarra storia. Matthew Hoh era un capitano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e un funzionario sia del Dipartimento della Difesa che del Dipartimento di Stato, trascorrendo quasi 12 anni nell’esercito e nel governo degli Stati Uniti concentrandosi su Iraq e Afghanistan. Nel 2009, si è dimesso dalla sua posizione nel Dipartimento di Stato nella provincia di Zabul, in Afghanistan, per la politica degli Stati Uniti nel paese. “Il modo per dimostrare che stavi facendo il tuo lavoro era spendere soldi”, ha detto Hoh a MintPress, continuando:

“Il denaro speso a livello istituzionale è stato un metro di successo. In qualche modo nelle menti dei leader politici degli Stati Uniti, in Iraq e in Afghanistan, i dollari spesi equivalevano a cose in costruzione e un’efficace controinsurrezione [contro i talebani]… Ma i talebani stessi stavano prendendo i soldi! I talebani stavano facendo i lavori di costruzione. Era assolutamente pazzesco!”

Matthew Hoh

Finanziare il nemico

A questo punto, gli Stati Uniti avevano effettivamente perso il controllo dell’Afghanistan. Un ufficiale ha detto a Hoh che controllava solo l’area “fin dove arrivano le mie mitragliatrici e i talebani controllano tutto il resto”. In tal caso, perché i talebani non hanno invaso nessuna delle reti di piccole basi statunitensi in tutto il paese? Uno dei motivi era che avevano paura della potenza aerea degli Stati Uniti. Ma un fattore altrettanto importante, sosteneva Hoh, era che gli avamposti della NATO distribuivano milioni di dollari in contanti a società e gruppi locali come parte della loro missione: somme enormi in un paese in cui la maggioranza vive con meno di 2 dollari al giorno. “I talebani stavano facendo un sacco di soldi con questi avamposti”, esclamò Hoh, “e tutti sapevano esattamente dove stavano andando i soldi!”

Combattenti talebani detengono armi americane in un posto di blocco precedentemente presidiato dalle truppe statunitensi a Kabul, 17 agosto 2021. Foto | AP

Anche se questo potrebbe sembrare inverosimile per un laico, l’idea che gli Stati Uniti stessero pagando direttamente i talebani è un fatto consolidato da oltre un decennio, l’ultimo rapporto SIGAR rileva che Washington ha “comprato” la cooperazione degli insorti, rendendo i talebani “subappaltatori non ufficiali del governo degli Stati Uniti”.

“Stiamo parlando di una fontana di denaro che i talebani sono stati felici di prendere. Che l’abbiano preso direttamente o che fosse il cugino del comandante talebano a essere l’appaltatore, non importa. L’assurdità di tutto questo – e tutti sapevano che stava succedendo!” esclamò.

Inondare l’Afghanistan di contanti

Nel tentativo di conquistare cuori e menti, le forze statunitensi iniziarono a spendere ingenti somme di denaro in progetti di ricostruzione e sociali. Eppure il denaro speso era molto più di quanto l’Afghanistan potesse assorbire in modo produttivo e ha continuato a crescere al punto che le agenzie americane non avevano modo di erogarlo e controllarlo efficacemente. Questo sistema di contanti ha anche creato reti diffuse di corruzione che hanno sostenuto un numero enorme di persone, tra cui molte a Washington.

Come ha spiegato lo studio SIGAR, il presupposto alla base dell’intera strategia era che i comuni afghani fossero la fonte della corruzione e che l’aumento della spesa avrebbe ridotto le frodi nel tempo. Solo dopo anni di questa strategia gli Stati Uniti si sono resi conto che era l’enorme iniezione di liquidità stessa a causare i problemi. Ma, “piuttosto che rivedere le loro ipotesi quando i progressi si sono rivelati sfuggenti, i funzionari statunitensi hanno concluso che sarebbe stato meglio sfruttare la scorciatoia aggiungendo ancora più soldi” – una decisione che potrebbe portare alcuni a mettere in discussione le motivazioni dei funzionari.

Inondare il paese di denaro ha prodotto una miriade di conseguenze economiche negative impreviste, facendo sembrare alcuni luoghi città della corsa all’oro. Tale era la velocità e l’ambizione degli sforzi di ricostruzione nella provincia di Helmand, ad esempio, che gli insegnanti locali hanno lasciato il lavoro per diventare lavoratori a giornata per salari migliori, lasciando i bambini nei guai.

Un uomo riposa all’ombra di macchinari distrutti venduti dall’esercito americano a una discarica, fuori dalla base aerea di Bagram. Rahmat Gul | AP

Hoh, che era stato mandato in Iraq per svolgere essenzialmente la stessa funzione, non aveva mai visto niente di simile. “Santo cielo, vivevo come Scarface… a volte pagavo dai 300 ai 400.000 dollari a settimana fino a 5 milioni di dollari a settimana. Tutto in contanti”, ha detto.

Avevo 50 milioni di dollari in contanti. Il massimo che abbia mai avuto a un certo punto è stato di 24 milioni di dollari in mano, in banconote da 100 dollari, seduto nelle casseforti della mia camera da letto. E non c’era quasi nessuna supervisione. Una volta che abbiamo firmato quei soldi dal caveau a Baghdad, toccava a me come documentare che i soldi sono stati spesi e dove sono andati a finire… Non avevo alcun obbligo. Letteralmente. Non sto scherzando. Nessuna guida e nessun obbligo di fornire documentazione su dove sia andato a finire quel denaro”.

Nessuna svista

Poiché le forze statunitensi non potevano viaggiare liberamente in Afghanistan, avventurandosi raramente ben oltre le loro basi, furono in gran parte costrette a prendere in parola gli appaltatori afgani. Ciò ha comportato il taglio degli angoli e la lavorazione scadente che diventavano la norma, poiché gli afgani non avevano alcun incentivo a produrre lavoro di qualità. SIGAR ha notato un caso particolarmente imbarazzante in cui gli Stati Uniti hanno pagato 2,4 milioni di dollari per un nuovo complesso che non avrebbero mai potuto utilizzare, poiché era stato costruito al di fuori del perimetro di sicurezza della base per cui era stato commissionato.

Fare soldi con l’ignoranza americana è diventata un’operazione relativamente sofisticata, con un’organizzazione con sede a Kandahar che fornisce persino agli appaltatori immagini falsificate di progetti falsi, pieni di geotag fraudolenti incorporati nelle fotografie digitali, aiutando le aziende locali a truffare USAID. Come ha detto a SIGAR l’ex ambasciatore in Afghanistan Ryan Crocker, “Il punto finale del fallimento per i nostri sforzi non è stata un’insurrezione. Era il peso della corruzione endemica”.

Il fiasco del papavero

Il traffico di eroina è esploso sotto la sorveglianza degli Stati Uniti. Nel 2001, l’anno dell’invasione, l’Afghanistan ha prodotto solo 185 tonnellate di droga. Tuttavia, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, tale numero è salito a oltre 9.000 tonnellate entro il 2017. Il boom ha trasformato l’Afghanistan nel primo vero narco-stato al mondo, secondo il professor Alfred McCoy, autore di “The Politics of Heroin: CIA Complicity in the Global Drug Trade”.

Il commercio ha coinvolto quasi tutti al potere, incluso il fratello del presidente afghano Hamid Karzai, Ahmed Wali, tra i più grandi e famigerati boss della droga nel sud del paese.

I tentativi di schiacciare la produzione di oppio spesso fallirono comicamente. Gli agricoltori locali hanno ricevuto denaro per non piantare papaveri. Ma spesso prendevano semplicemente i soldi e piantavano il raccolto altrove, all’insaputa degli americani. Quindi, venivano contemporaneamente pagati per piantare e pagati per non piantare.

Marines americani conducono una pattuglia a fianco di un campo di papaveri in Boldak, Afghanistan il 5 aprile 2010. Foto | DoD

Gli Stati Uniti hanno anche spesso pagato ingenti somme di denaro ai signori della guerra afgani per distruggere i campi di papaveri. Tuttavia, i capi locali – che coltivavano da soli il raccolto – avrebbero semplicemente distrutto i campi dei loro rivali e raccolto i soldi, lasciandosi entrambi arricchiti e in una posizione dominante per controllare ulteriormente il commercio nella loro zona.

Un esempio notevole di ciò è l’uomo forte locale Gul Agha Sherzai, che ha sradicato i raccolti dei suoi concorrenti nella provincia di Nangarhar (pur lasciando intatto il suo nella provincia di Kandahar). Ma tutto ciò che gli Stati Uniti hanno visto è stato un politico locale apparentemente impegnato a debellare il traffico illegale di droga. Perciò lo inondarono di denaro e altri privilegi. “Abbiamo letteralmente dato al ragazzo $ 10 milioni in contanti per aver eliminato la sua concorrenza”, ha detto Hoh. “Se dovessi scrivere un film su questo, direbbero ‘Questo è troppo inverosimile. Nessuno ci crederà. Niente è così folle o stupido’. Ma è così”.

In guerra con la verità

La verità, notava l’antico drammaturgo greco Eschilo, è sempre la prima vittima in guerra. E l’Afghanistan è un ottimo esempio di questo fenomeno. La pubblicazione degli Afghanistan Papers nel 2019 ha mostrato che c’era stato un tentativo lungo anni di ingannare deliberatamente il pubblico sul conflitto, con funzionari che condividevano costantemente cifre e valutazioni eccessivamente ottimistiche che sapevano essere false, il tutto nel tentativo di mantenere il occupazione in corso.

Il rapporto SIGAR descrive in dettaglio come “[e] enorme pressione per dimostrare i progressi al Congresso e al popolo americano e afghano hanno distorto i sistemi di responsabilità in macchine di spin”, condannando la gestione “assolutamente disonesta” della guerra e concludendo che “[l] qui era poco appetito per valutazioni oneste su cosa funzionasse e cosa no. “Al popolo americano è stato mentito”, ha concluso John Sopko, l’ispettore generale speciale della SIGAR.

Gli Stati Uniti hanno migliorato le cose?

Immagini di persone disperate che fuggono dall’avanzata apparentemente inarrestabile dei talebani hanno inondato le reti televisive occidentali e i feed di notizie sui social media, con esperti ben pagati che si sono torti le mani su come un tale ritiro non debba mai più ripetersi, che stiamo abbandonando i nostri alleati e come tutti i nostri un buon lavoro in tutto il paese sarà presto annullato.

Tuttavia, è importante valutare in modo sobrio le condizioni in cui viene lasciato l’Afghanistan. Mentre le cose andavano tutt’altro che bene prima dell’invasione guidata dagli Stati Uniti, i sondaggi condotti dalle organizzazioni americane mostrano che l’Afghanistan è il posto più triste della terra. Lo zero percento degli intervistati ha affermato di essere “fiorente” rispetto all’85 percento che ha affermato di “soffrire”, quando gli è stato chiesto da Gallup nel 2019. E mentre la guerra è stata un buon affare per alcuni, il presidente Ashraf Ghani – che è fuggito dal paese come non appena le truppe americane se ne sono andate, hanno recentemente ammesso che il 90% della popolazione viveva con meno di 2 dollari al giorno.

Un soldato americano osserva il corpo di un presunto combattente talebano ucciso in un attacco missilistico della coalizione a Kandahar,
10 ottobre 2010. Rodrigo Abd | AP

Sull’Afghanistan Papers, Medea Benjamin, collaboratrice di MintPress News e fondatrice del gruppo contro la guerra CODEPINK, ha scritto:

La debacle in Afghanistan è solo un caso di una politica degli Stati Uniti fondamentalmente viziata con conseguenze a livello mondiale. I nuovi quasi-governi installati dal “cambio di regime” degli Stati Uniti in un paese dopo l’altro si sono dimostrati più corrotti, meno legittimi e meno in grado di controllare il territorio della loro nazione di quelli che gli Stati Uniti hanno distrutto.

Prima dell’ascesa dei talebani (che, tra l’altro, derivavano gran parte del loro potere dal denaro e dalle armi statunitensi che affluivano ai mujaheddin antisovietici), la metà degli studenti universitari afgani erano donne, così come il 40% dei medici del paese, il 70% dei suoi insegnanti e il 30% dei suoi dipendenti pubblici.

Nonostante tutti i discorsi sul progresso dei diritti delle donne e dell’istruzione nel Paese, oggi, in metà delle province afgane, meno del 20% degli insegnanti sono donne (e in molti questo numero è inferiore al 10%). Solo il 37% delle ragazze sa anche leggere (contro il 66% dei ragazzi), secondo Human Rights Watch.

La paura della sicurezza personale nel paese è aumentata praticamente ogni anno in Afghanistan dal 2005, raggiungendo oggi i massimi storici. Centinaia di migliaia di persone hanno perso la vita e 5,9 milioni di persone hanno abbandonato le proprie case. Solo nel 2018, gli afgani hanno presentato 1,17 milioni di denunce alla Corte penale internazionale, dettagliando i resoconti delle atrocità di tutti i gruppi, comprese le forze statunitensi.

Uccidere ed organizzare un omicidio

Pertanto, è dolorosamente chiaro che ci sono molti perdenti in questo conflitto. Ma c’erano anche chiari vincitori. Anche perdere le guerre fa guadagnare, e gran parte di quel denaro è andato a società private o semi-private che popolano i sobborghi di Washington, D.C.

Hoh ha affermato che c’era corruzione e furto tra i funzionari americani e afghani. Gli affari non sono stati documentati, spesso completati solo con una stretta di mano, e spesso non c’è una traccia cartacea per spiegare dove sono finiti tutti questi soldi. “Ma gran parte di questo era solo legale”, ha detto, osservando che il 40% del denaro “per gli aiuti” stanziato per l’Iraq e l’Afghanistan non ha mai nemmeno lasciato gli Stati Uniti, andando verso commissioni di gestione e consulenza per l’appaltatore principale.

Uno di questi gruppi è Creative Associates International, una ONG a scopo di lucro che ha ricevuto contratti per un valore di 449 milioni di dollari in Afghanistan, incluso uno per ricostruire il sistema educativo del paese attorno a un modello privatizzato. Creative Associates ha ridisegnato il curriculum afghano, eliminando dai libri di testo qualsiasi menzione degli ultimi decenni della storia del paese (compresi i talebani). “Non puoi comprare quel tipo di controllo del pensiero, a meno che tu non abbia qualche centinaio di milioni”, ha scritto un educatore americano.

Perché litighiamo

Sulla scia degli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti ei loro alleati erano originariamente entrati in Afghanistan per catturare Osama Bin Laden, al quale si diceva che i talebani avessero precedentemente fornito rifugio. Sottostimato all’epoca era che i talebani si erano offerti di consegnarlo a un paese terzo se gli Stati Uniti avessero fornito prove che lo collegassero agli attacchi terroristici.

La missione degli Stati Uniti è lentamente passata dall’annientare al-Qaeda all’opporsi ai talebani, al punto che, quando Bin Laden è stato ucciso nel 2011 (in Pakistan), si parlava poco di far uscire gli Stati Uniti dall’Afghanistan. Evidenziare il fenomeno del mission creep è il fatto che nella prima bozza del documento sulla strategia militare per l’Afghanistan del 2009 degli Stati Uniti, non si fa menzione di al-Qaeda, perché la NATO riteneva che il gruppo “non fosse più un problema”.

Mentre il presidente Joe Biden è stato elogiato e condannato in egual misura per la sua decisione di rimuovere le truppe dal paese, si è preoccupato di chiarire che questa non era una rinuncia alla violenza, dicendo:

Oggi una minaccia terroristica si è metastatizzata ben oltre l’Afghanistan. Al-Shabab in Somalia, al-Qaeda nella penisola arabica, al-Nusra in Siria, ISIS che tenta di creare un califfato in Siria e Iraq e che stabilisce affiliati in più paesi dell’Africa e dell’Asia. Queste minacce meritano la nostra attenzione e le nostre risorse”.

“Abbiamo sviluppato capacità antiterrorismo oltre l’orizzonte che ci consentiranno di tenere gli occhi fissi sulle minacce dirette agli Stati Uniti nella regione e di agire rapidamente e con decisione se necessario”

Pertanto, è chiaro che la Casa Bianca non ha imparato le lezioni che gli attivisti contro la guerra speravano di avere. Con Washington che punta sempre di più su Cina e Russia, i costi esorbitanti in Afghanistan potrebbero sembrare bassi rispetto a qualsiasi guerra futura che rimpicciolisca questa in scala.

Foto caratteristica | Un soldato dell’esercito nazionale afgano, a sinistra, fuma come un soldato dell’esercito americano della Charlie Company, seduto accanto a lui a Camp Khogyani, 5 agosto 2015. Massoud Hossaini | AP

Alan MacLeod è Senior Staff Writer per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017, ha pubblicato due libri: Bad News From Venezuela: Twenty Years of Fake News e Misreporting and Propaganda in the Information Age: Still Manufacturing Consent, oltre a una serie di articoli accademici.


https://www.sigar.mil/pdf/lessonslearned/SIGAR-21-46-LL.pdf


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI

Una opinione su "“I Was Living Like Scarface”"

  1. è incredibile pensare a tutto questo denaro speso per alimentare fondamentalmente dei terroristi, con tutti i problemi che il mondo ha avuto , soprattutto negli ultimi anni. Spesso si rimane sbalorditi di fronte a certe verità…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: