La vitamina D e l’Omega-3 prevengono le malattie autoimmuni

Source: February 19, 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [> Fact Checked <]

Le malattie autoimmuni, in cui il tuo sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane, sono in aumento da circa quattro decenni e ora stanno aumentando a un tasso compreso tra il 3% e il 9% all’anno, a livello globale.

La storia in breve
  • Uno studio pubblicato su BMJ ha scoperto che l’integrazione con vitamina D e grassi omega-3 potrebbe ridurre significativamente il rischio di sviluppare una malattia autoimmune, tra cui artrite reumatoide, psoriasi, malattie della tiroide e altro, man mano che invecchi
  • I partecipanti hanno assunto quotidianamente vitamina D3 (2.000 UI), grassi omega-3 (1.000 milligrammi) o un placebo e sono stati seguiti per più di cinque anni
  • L’integrazione di vitamina D per cinque anni, con o senza grassi omega-3, ha ridotto del 22% le malattie autoimmuni
  • L’integrazione di grassi Omega-3 con o senza vitamina D ha ridotto il tasso di malattie autoimmuni del 15%
  • Per coloro che assumevano sia la vitamina D che i grassi omega-3, il rischio di malattie autoimmuni è diminuito di circa il 30% e quando i partecipanti hanno assunto vitamina D per almeno due anni, il rischio di malattie autoimmuni è diminuito ancora di più, del 39%
  • Per una salute ottimale, non è sufficiente aumentare solo gli omega-3: devi anche ridurre gli omega-6, in particolare l’acido linoleico da oli “vegetali” o di semi

Le malattie autoimmuni, in cui il tuo sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane, sono in aumento da circa quattro decenni e ora stanno aumentando a un tasso compreso tra il 3% e il 9% all’anno, a livello globale.1 Come una delle principali cause di morte tra le donne , e la terza principale causa di morbilità nei paesi industrializzati,2 i ricercatori hanno ipotizzato che la colpa possa essere di fattori ambientali e dietetici.

“La genetica umana non è cambiata negli ultimi decenni”, ha detto al Guardian James Lee, uno scienziato del Francis Crick Institute di Londra. “Quindi qualcosa deve cambiare nel mondo esterno in modo da aumentare la nostra predisposizione alle malattie autoimmuni”.3

I cambiamenti nei livelli di vitamina D e omega-3 potrebbero essere tra questi e uno studio pubblicato su The BMJ suggerisce che l’integrazione con questi composti potrebbe ridurre significativamente il rischio di sviluppare una malattia autoimmune, tra cui artrite reumatoide, psoriasi, malattie della tiroide e altro, man mano che invecchi.4


La vitamina D e gli Omega-3 riducono il rischio di malattie autoimmuni

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, Harvard Medical School, hanno utilizzato i dati dello studio sulla vitamina D e omega-3 (VITAL), che ha coinvolto 25.871 partecipanti di età pari o superiore a 50 (uomini) o 55 (donne) e più anziani, per indagare se la vitamina D e l’omega -3 grassi di origine marina riducono il rischio di malattie autoimmuni.

I partecipanti hanno assunto quotidianamente vitamina D3 (2.000 UI), grassi omega-3 (1.000 milligrammi) o un placebo e sono stati seguiti per più di cinque anni. Hanno auto-segnalato tutte le malattie autoimmuni che sono state diagnosticate durante il periodo di studio e coloro che assumevano vitamina D e/o omega-3 avevano un rischio inferiore.

“L’integrazione di vitamina D per cinque anni, con o senza acidi grassi omega-3, ha ridotto le malattie autoimmuni del 22%, mentre l’integrazione di acidi grassi omega-3 con o senza vitamina D ha ridotto il tasso di malattie autoimmuni del 15% (non statisticamente significativo), ” hanno scritto i ricercatori.5

Per coloro che assumevano sia la vitamina D che i grassi omega-3, il rischio di malattie autoimmuni è diminuito di circa il 30%.6 Inoltre, quando i partecipanti hanno assunto vitamina D per almeno due anni, il rischio di malattie autoimmuni è diminuito ancora di più, del 39%.7

Il coinvolgimento della vitamina D nell’infiammazione e nelle risposte immunitarie sia acquisite che innate può spiegare perché sembra utile per prevenire le malattie autoimmuni.8 I recettori della vitamina D sono presenti in quasi tutte le cellule del sistema immunitario umano, inclusi monociti/macrofagi, cellule T, cellule B , cellule natural killer e cellule dendritiche.

La vitamina D ha molteplici azioni sul sistema immunitario, incluso il potenziamento della produzione di peptidi antimicrobici da parte delle cellule immunitarie, la riduzione delle citochine pro-infiammatorie dannose e la promozione dell’espressione delle citochine antinfiammatorie.9 Allo stesso modo, i grassi omega-3 acido eicosapentaenoico (EPA) e docosaesaenoico acido (DHA) inibisce la produzione della proteina C-reattiva e delle citochine infiammatorie e sono noti per aiutare a risolvere l’infiammazione.10

L’autrice dello studio, la dott.ssa Karen Costenbader, direttrice del programma lupus presso il Brigham and Women’s Hospital, ha spiegato che i risultati sono così potenti che ora può rispondere a una delle domande più comuni dei suoi pazienti: “Quali vitamine o integratori consigliate?” Ha detto:11

“Questa era una domanda a cui io e i miei colleghi abbiamo deciso di rispondere nello studio ausiliario sulla prevenzione delle malattie autoimmuni nello studio VITAL.

Ora, quando i miei pazienti, colleghi o amici me lo chiedono, posso indicare i risultati della nostra ricerca, che suggeriscono che per le donne di età pari o superiore a 55 anni e per gli uomini di età pari o superiore a 50 anni, gli acidi grassi omega-3 marini (olio di pesce) 1000 mg al giorno e 2000 UI di vitamina D al giorno – le dosi utilizzate in VITAL – portano a una riduzione del 22% di tutte le malattie autoimmuni con vitamina D e una riduzione del 15% con l’integrazione di olio di pesce in 5,3 anni di follow-up randomizzato.


Nella prova, questi integratori erano di grado prescritto e sono stati sottoposti a rigorosi test di qualità. Erano sicuri e ben tollerati e non è stato riscontrato alcun aumento degli eventi avversi”
.


I bassi livelli di Omega-3 e vitamina D peggiorano gli esiti di COVID

Garantire livelli ottimali di omega-3 e vitamina D è una mossa intelligente per la salute che ridurrà il rischio di numerose malattie, non solo di malattie autoimmuni. Il COVID-19 è tra questi. Uno studio pubblicato nel gennaio 2021 ha valutato l’indice omega-3 di 100 individui e lo ha confrontato con i loro risultati COVID-19.12

L’indice omega-3 è una misura della quantità di EPA e DHA nelle membrane dei globuli rossi (RBC). Il tuo indice è espresso come percentuale del totale degli acidi grassi RBC. L’indice omega-3 è stato convalidato come indicatore stabile a lungo termine del tuo stato di omega-3 e riflette i livelli tissutali di EPA e DHA.

Un indice di omega-3 superiore all’8%13 è associato al rischio più basso di morte per malattie cardiache, mentre un indice inferiore al 4% ti pone al rischio più elevato di mortalità per malattie cardiache. Tuttavia, può anche essere predittivo degli esiti di COVID-19.

Dopo aver separato i campioni di sangue dal quartile più alto a quello più basso, hanno scoperto che c’era un solo decesso – un uomo di 66 anni che era stato ricoverato con ordine di non rianimare – nel gruppo in cui l’indice omega-3 misurava 5,7 % o superiore. All’interno degli altri tre quartili, un totale del 17% dei pazienti è morto.

Rispetto all’età avanzata, i ricercatori hanno scoperto che il rischio di morte per COVID-19 negli individui che avevano livelli più bassi di acidi grassi omega-3 era predittivo almeno quanto l’avere 10 anni in più. Per quanto riguarda la vitamina D, in una meta-analisi di due set di dati, è stata trovata una forte correlazione tra il tasso di mortalità per SARS-CoV-2 e il livello di vitamina D, tale che la mortalità è diminuita significativamente una volta che i livelli di vitamina D hanno raggiunto 30 ng/mL.14

Inoltre, i ricercatori hanno notato che “la nostra analisi mostra che la correlazione per i set di dati combinati interseca l’asse a circa 50 ng/mL, il che suggerisce che questo livello ematico di vitamina D3 può prevenire qualsiasi mortalità in eccesso”.15 Avere un livello inferiore a 20 ng/ml è stato associato a un rischio di morte 19.12 volte più alto e “la maggior parte dei casi di COVID-19 con stato di vitamina D insufficiente e carente è morta”, hanno aggiunto.16


Importante anche per la salute del cuore

Gli Omega-3 e la vitamina D sono due attori importanti in un cuore sano, che si aggiungono ai molti motivi per cui non vuoi essere carente. Credo fermamente che un test dell’indice omega-3 sia uno degli screening annuali più importanti di cui tutti hanno bisogno ed è un predittore del rischio di malattie cardiache più importante dei livelli di colesterolo.

In effetti, una ricerca supportata dal National Institutes of Health suggerisce che un test omega-3 è un buon predittore della salute generale e della mortalità per tutte le cause.17,18 Lo studio ha misurato l’indice omega-3 in 2.500 partecipanti e ha scoperto che quelli con l’indice omega-3 più alto presentava minori rischi di problemi cardiaci e minore mortalità totale. I livelli di colesterolo, tuttavia, non erano correlati in modo simile.

“Quando i livelli di colesterolo sierico di base sono stati sostituiti con l’indice Omega-3 negli stessi modelli multivariabili”, ha affermato l’autore principale William Harris, Ph.D., “il primo non era significativamente associato a nessuno dei risultati monitorati mentre il quest’ultimo era correlato a quattro dei cinque risultati valutati.”19

La vitamina D svolge anche un ruolo nelle malattie cardiache, poiché migliora la circolazione e può essere utile per l’ipertensione. Inoltre, grazie ai suoi effetti sulla funzione endoteliale, la vitamina D può anche aiutare a migliorare o prevenire insufficienza cardiaca, infarto, vasculopatia, ictus e diabete.20


Perché ridurre gli Omega-6 è così importante

Integrare con grassi omega-3, o aumentare l’assunzione di cibi ricchi di omega-3, è importante, ma non è sufficiente per raggiungere una salute ottimale. Questo perché la maggior parte degli americani consuma così tanti grassi omega-6 che sta sbilanciando completamente l’importante rapporto omega-6/omega-3.

Il tuo rapporto tra omega-6 e omega-3 dovrebbe essere di circa 1 a 1 o forse fino a 4 a 1, ma semplicemente aumentare l’assunzione di omega-3 non sarà sufficiente per contrastare il danno causato dagli omega-6 eccessivi . Hai davvero bisogno di ridurre al minimo l’omega-6 per evitare che si verifichino danni.

Gli oli di semi lavorati industrialmente, spesso indicati come “oli vegetali”, sono alla radice del problema. L’acido linoleico è l’acido grasso primario presente in questi acidi grassi polinsaturi (PUFA) e rappresenta circa l’80% della composizione di acidi grassi degli oli vegetali. L’acido linoleico guida le malattie croniche perché, una volta ossidato come nella maggior parte degli alimenti trasformati, degenera in metaboliti ossidati dell’acido linoleico (OXLAM).

Gli OXLAM sono citotossici, genotossici, mutageni, cancerogeni, aterogenici e trombogeni,21 quindi ridurli è la chiave per proteggere la tua salute e raccogliere tutti i benefici che gli omega-3 hanno da offrire.

Idealmente, considera di ridurre l’acido linoleico (LA) a 2 o 3 grammi al giorno, che è vicino a quello che i nostri antenati usavano prima che tutte queste condizioni di salute croniche, tra cui obesità, diabete, malattie cardiache e cancro, si diffondessero. Ciò significa eliminare tutti i seguenti oli:

SoiaMaisCanola
CartamoGirasoleArachidi

Altri cibi ad alto contenuto di LA includono patatine fritte in olio vegetale, condimenti per insalate e salse commerciali, praticamente tutti gli alimenti trasformati e qualsiasi fast food fritto, come le patatine fritte. Come bonus aggiuntivo, anche eliminare i fast food e gli alimenti trasformati è fondamentale per ridurre i disturbi autoimmuni. È stato recentemente suggerito, ad esempio, che i cambiamenti nei nostri microbiomi causati dalle diete da fast food stiano scatenando malattie autoimmuni.22

Il messaggio da portare a casa è questo: oltre ad aumentare i tuoi omega-3, devi anche ridurre i tuoi omega-6, in particolare l’acido linoleico dagli oli di semi.


Di quanta vitamina D hai bisogno?

È possibile ottimizzare i livelli di vitamina D tramite un’esposizione solare sensibile, e questo è l’ideale, peché è sempre più riconosciuto che ci sono molti vantaggi nell’esposizione al sole anche oltre alla vitamina D. Tuttavia, se questa non è un’opzione per te a causa di posizione o stile di vita, potrebbe essere necessaria un’integrazione giornaliera di vitamina D3 fino a 10.000 unità per raggiungere un livello di vitamina D compreso tra 40 e 60 ng/mL.

I dati degli studi D*Action di GrassrootsHealth suggeriscono che il livello ottimale per la salute e la prevenzione delle malattie è compreso tra 60 ng/mL e 80 ng/mL, mentre il limite per la sufficienza sembra essere di circa 40 ng/mL. In Europa, le misurazioni che stai cercando sono rispettivamente da 150 a 200 nmol/L e 100 nmol/L.

L’unico modo per valutare se potresti aver bisogno di integrare e quanto prenderne, tuttavia, è testare il tuo livello, idealmente due volte l’anno – all’inizio della primavera e all’inizio dell’autunno – quando il tuo livello è al suo punto più basso e al picco , rispettivamente. Se segui la via degli integratori, assicurati che l’assunzione di vitamina D sia bilanciata con altri nutrienti, inclusa la vitamina K2 (per evitare complicazioni associate all’eccessiva calcificazione nelle arterie), calcio e magnesio.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "La vitamina D e l’Omega-3 prevengono le malattie autoimmuni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: