COVID-19 — Estendere la sorveglianza e il Panopticon

Danielle L. Couch Priscilla Robinson, Paul A. e Komesaroff

https://link.springer.com/article/10.1007/s11673-020-10036-5

Astratto

La sorveglianza è una funzione fondamentale di tutti i sistemi sanitari pubblici. Le risposte alla pandemia COVID-19 hanno implementato le tradizionali risposte di sorveglianza della salute pubblica, come il tracciamento dei contatti e la quarantena, e hanno esteso queste risposte con l’uso di varie tecnologie, come l’uso di dati sulla posizione dello smartphone, reti di dati, braccialetti alla caviglia, droni, e analisi dei big data.
Applicando la nozione di panopticon di Foucault (1979), con il suo duplice focus sulla sorveglianza e l’autoregolamentazione, come la forma preminente di controllo sociale nelle società moderne, esaminiamo i crescenti livelli di sorveglianza attuati durante questa pandemia e il modo in cui le persone hanno partecipato, ed esteso, questa sorveglianza, autoregolamentazione e controllo sociale attraverso l’uso dei media digitali. Si prende in considerazione il modo in cui tale sorveglianza può servire ai bisogni di salute pubblica e/o agli interessi politici e se il rapido dispiegamento di questi ampi meccanismi di sorveglianza rischia di normalizzare queste misure in modo che diventino più accettabili e quindi radicate dopo il COVID-19.

Parole chiave COVID19. Salute pubblica . Sorveglianza. Panopticon. Foucault. Smartphone. Droni

  • D. L. Couch (*) Monash Rural Health, Monash University, 26 Mercy Street, Bendigo, Victoria 3550, Australia e-mail: danielle.couch@monash.edu
  • P. Robinson School of Psychology and Public Health, La Trobe University, Bundoora 3086, Australia e-mail: priscilla.robinson@latrobe.edu.au
  • P. A. Komesaroff Centre for the Study of Ethics in Medicine and Society, Building 1, 270 Ferntree Gully Road, Notting Hill, Victoria 3168, Australia e-mail: paul.komesaroff@monash.edu
  • P. A. Komesaroff The Alfred, Monash University, Commercial Road, Melbourne 3004 Victoria, Australia

Introduzione

Molta copertura mediatica e un più ampio discorso sociale hanno presentato la pandemia COVID-19 come “senza precedenti”, ma per certi versi non è così. Nel corso della storia, focolai di malattie hanno devastato l’umanità, producendo effetti profondi e duraturi, che occasionalmente hanno portato anche al collasso delle civiltà. Ciò che è senza precedenti nella pandemia COVID-19 è il diverso tipo e la portata della sorveglianza che è stata implementata in risposta ad essa. In questo articolo esaminiamo vari esempi di questa sorveglianza in relazione alla nozione di Panopticon di Foucault (1979) e consideriamo le implicazioni attuali e future.

Sorveglianza e Panopticon di Foucault

Il riformatore sociale inglese del diciottesimo secolo e filosofo utilitarista Jeremy Bentham progettò il panopticon, una prigione circolare o rotonda con una sala di ispezione al centro in modo che “un funzionario in piedi o seduto sul punto centrale, avesse il potere di iniziare e concludere un sondaggio dell’intero stabilimento in un batter d’occhio “(Bentham, citato in Steadman 2012, 4). Foucault ha utilizzato il concetto sottostante come metafora del regime disciplinare che prevale nella società moderna, in cui la forma chiave di controllo sociale è passata dallo spettacolo, che prevaleva nelle società premoderne, alla sorveglianza (Foucault 1979). Il panopticon consente di esercitare il potere disciplinare attraverso l’osservazione gerarchica, l’esame e il giudizio normalizzante (Foucault 1979). In molti contesti, inclusi la medicina e la salute pubblica, il regime di potere è onnipervadente: i pochi osservano i molti, intraprendendo la sorveglianza utilizzando “metodi di fissaggio, divisione, registrazione” in tutta la società (Foucault 1979, 305).

Come forma di controllo sociale, questa sorveglianza panottica onnipresente contribuisce alla sensazione di essere sotto sorveglianza continua, e così in risposta a questo gli individui diventano i propri agenti di sorveglianza rispettando le aspettative e le convenzioni normative senza dover essere effettivamente sotto sorveglianza. Le persone partecipano volentieri a questa sorveglianza. In questo modo la sorveglianza panottica è un apparato di disciplina che rende l’esercizio del potere più efficiente ed efficace – è una forma sottile di coercizione (Foucault 1979), e così il potere è emanato in modo invisibile e inapparente, permeando tutti gli aspetti della vita sociale. L’auto-sorveglianza e la disciplina in questi modi sono diventate la fonte primaria di controllo sociale nella società moderna. In relazione alla salute, vediamo questa auto sorveglianza riflessa e incorporata in espressioni comuni come “prendersi cura di sé”, “tenere d’occhio il proprio peso”, “guardare cosa si mangia”, “osservare il limite di velocità” e ” guardando l’assunzione di liquidi (o alcol) “(Couch et al. 2016, 62).

Foucault ha utilizzato una precedente pandemia, lo scoppio della peste, per dimostrare come sono sorte le moderne forme di governo e sorveglianza:

… la peste ha dato origine a progetti disciplinari … un’organizzazione in profondità di sorveglianza e controllo, un’intensificazione e una ramificazione del potere … i malati della peste sono stati coinvolti in una meticolosa partizione tattica in cui le differenziazioni individuali erano gli effetti costrittivi di un potere che si moltiplicava, si articolava e si suddivideva … (Foucault 1979, 198)

La nozione di Foucault di sorveglianza panottica è stata praticamente applicata a vari problemi di salute pubblica e fornisce un quadro utile per considerare le risposte di sorveglianza durante la pandemia COVID-19.

Sorveglianza e COVID-19

La sorveglianza è una funzione fondamentale di tutti i sistemi sanitari pubblici. Nel corso della pandemia COVID-19 sono state applicate molte tecniche di sorveglianza standard, tra cui tracciamento dei contatti (Organizzazione mondiale della sanità 2017), studi di sieroprevalenza globale (Vogel 2020), tampone nasofaringeo selettivo di casi, contatti e popolazione generale, e test di acque nere per frammenti virali (Mallapaty 2020).

Oltre a questi metodi tradizionali, COVID-19 ha visto lo sviluppo di una serie di nuove tecniche di sorveglianza. È stata ideata una moltitudine di app per smartphone per migliorare il monitoraggio dei sintomi e il tracciamento dei contatti. I poteri di emergenza sono stati ampiamente adottati e le attività di sorveglianza della polizia, dell’esercito e del governo per garantire che le persone rispettino le restrizioni COVID-19 sono state notevolmente estese. Di seguito è riportato un elenco parziale di ulteriori forme di sorveglianza recentemente introdotte:

  • Regno Unito e Stati Uniti: COVID Symptom Study (inizialmente chiamato COVID Symptom Tracker), un’app per il monitoraggio dei sintomi sviluppata da King’s College London, Massachusetts General Hospital e Zoe Global Ltd che ha raccolto dati da 2.450.569 individui nel Regno Unito e 168.293 negli Stati Uniti tra il 24 marzo e il 21 aprile 2020 (Menni et al.2020).
  • Australia: BeatCOVID19Now, un’app per il monitoraggio dei sintomi che raccoglie dati anonimi che possono essere condivisi con autorità sanitarie e ricercatori e può identificare i cluster geografici di diffusione del COVID-19 (Slezak e Timms 2020; Swinburne University of Technology 2020).
  • Australasia: FluTracking, un sito web esistente incentrato sul monitoraggio dei sintomi influenzali in Australia e Nuova Zelanda, che incorpora nuove domande per monitorare COVID-19 (Università di Newcastle, Hunter New England Population Health e Hunter Medical Research Institute 2020).
  • Singapore: TraceTogether, uno strumento di tracciamento dei contatti promosso come mezzo per “proteggere noi stessi … i nostri cari e … la nostra comunità” (Governo di Singapore 2020).
  • Australia: COVIDSafe, un’app di tracciamento dei contatti promossa per fornire al governo la fiducia necessaria per “trovare e contenere rapidamente i focolai” per consentire l’allentamento delle restrizioni “pur mantenendo gli australiani al sicuro” (Governo australiano 2020).
  • Israele: approvate misure per consentire al servizio di sicurezza interna Shin Bet di accedere ai dati del cellulare per ripercorrere i movimenti di individui infetti (ABC News 2020b).
  • Taiwan: utilizzo dei dati di localizzazione del telefono cellulare per geofence persone, erigendo un “recinto elettronico” per informare la polizia se le persone violano i requisiti di quarantena (Lee 2020).
  • Hong Kong: cinturini da polso collegati a un’app per smartphone per garantire il rispetto delle misure di auto-quarantena, notificando alle autorità se un individuo lascia la propria abitazione senza autorizzazione (Saiidi 2020).
  • Australia e Stati Uniti: braccialetti alla caviglia da utilizzare quando le persone non rispettano i requisiti di quarantena o di autoisolamento (Kallingal 2020; Hendry 2020).
  • Cina: mappatura e rilevamento industriale cooptato e riproposto da droni per intraprendere la gestione della folla e il rilevamento delle malattie, incorporando altoparlanti, obiettivi zoom ad alta definizione, luci di inondazione, sensori termici e getti di spray chimici per la dispersione di disinfettanti su larga scala (Liu 2020). Secondo quanto riferito, i droni sono stati usati per interrompere i giochi di mah-jong e avvicinare le persone per strada, con una donna anziana che ha consigliato: “Sì zia, questo drone ti sta parlando. Non dovresti camminare senza indossare una maschera. Faresti meglio a tornare a casa e non dimenticare di lavarti le mani “(D’Amore 2020).
  • Western Australia: droni schierati dalla polizia in luoghi pubblici per garantire che le persone si esercitino a prendere le distanze nel rispetto delle regole del governo (Rimrod e McNeill 2020).
  • Italia: i droni sarebbero utilizzati dalla polizia per misurare la temperatura delle persone senza il loro consenso (The Star 2020).
  • A livello globale: in risposta ai problemi di privacy, Google e Apple hanno rilasciato un’app che decentralizza i dati raccolti localizzando il contactatching sui dispositivi stessi piuttosto che tramite un computer server controllato centralmente (Kelion 2020).

Oltre a queste risposte, i ricercatori e le aziende del settore privato hanno utilizzato COVID-19 per promuovere sia le tecnologie di sorveglianza esistenti che quelle nuove in fase di sviluppo, come un sistema di scansione automatica della febbre che opera tramite telecamere a circuito chiuso per valutare le temperature degli individui nella folla (Daly 2020). Sono in fase di sviluppo nuovi droni pandemici che vanno anche oltre, utilizzando un “sensore specializzato e un sistema di visione artificiale in grado di monitorare la temperatura, la frequenza cardiaca e respiratoria, nonché rilevare le persone che starnutiscono e tossiscono nella folla, negli uffici, negli aeroporti, nelle navi da crociera … e altri luoghi in cui gruppi di persone possono … riunirsi ”(Gibson 2020, ¶ 1). Le aziende tecnologiche globali hanno presentato i loro dati di posizione aggregati come un servizio per aiutare ad affrontare i problemi di COVID-19: Google ha i suoi Community Mobility Reports (Google 2020) e Facebook ha i suoi Data for Good che pubblica mappe giornaliere sui movimenti della popolazione (Jin e McGorman 2020).

Estendere il Panopticon?

L’emergenza sanitaria COVID-19 ha prodotto livelli di sorveglianza senza precedenti. L’accettazione di questo nuovo regime disciplinare rafforzato è stata ottenuta sulla base di appelli sull’importanza della salute e dell’assistenza sanitaria e sui timori di infezione e morte che colpiscono gli individui e le loro famiglie. La preponderanza di questi appelli e paure potrebbe aver ridotto il controllo e le domande sia sulla necessità di un panopticon avanzato e onnipervasivo sia sulle sue implicazioni a lungo termine.

La costruzione del sistema è stata stimolata dai governi e sostenuta da esperti di sanità pubblica, e ha integrato altri metodi di raccolta e sorveglianza dei dati sviluppati nel settore privato, in alcuni casi originariamente per altri scopi. Collettivamente, è ora possibile accedere a vaste quantità di dati. Sebbene i dettagli specifici possano variare a seconda dei paesi e delle culture, abbiamo assistito a cambiamenti estesi e notevolmente uniformi. Coerentemente con la descrizione di Foucault (1979) di come la peste abbia consentito un maggiore controllo sociale, durante il COVID-19 abbiamo assistito a un simile processo sistematico e sottostante.

I nuovi regimi di sorveglianza possono essere considerati esemplificativi di una forma di “biosorveglianza” che integra aspetti della sorveglianza della salute pubblica con tecniche che impiegano l’uso di big data precedentemente riservati al mantenimento della sicurezza statale e nazionale (Lee 2019). Prima dell’avvento di COVID-19, erano state sollevate preoccupazioni circa la mancanza di trasparenza su come gli algoritmi dei big data sono stati sviluppati e applicati e su come i pregiudizi incorporati in questi algoritmi possono esacerbare le disuguaglianze e le vulnerabilità razziali e socioeconomiche (Hacker e Petkova 2017; Gianfrancesco et al.2018). La natura e la portata del potere esercitato attraverso l’analisi dei big data, l’identità di coloro per conto dei quali tale potere è stato esercitato e di chi, se qualcuno, erano responsabili, è stato oggetto di esame (Couldry e Powell 2014); queste preoccupazioni sono ancora più rilevanti ora con l’introduzione di molteplici nuove forme di sorveglianza.

Una delle questioni chiave sollevate sulla sorveglianza tramite app per smartphone è stata la potenziale violazione della “privacy”, in risposta alla quale sono state fornite garanzie sulla protezione dei dati e sull’anonimato. Studiosi precedenti hanno notato che i dati molto ricchi derivati ​​dalla sorveglianza focalizzata sulla posizione possono essere impiegati per trarre inferenze di natura profondamente intrusiva (Clarke e Wigan 2011; Michael e Clarke 2013). Anche il potenziale utilizzo di tali dati contro persone già vulnerabili, come i sopravvissuti alla violenza domestica, i cui autori di abusi possono accedere e utilizzare i dati di localizzazione delle app di tracciamento dei contatti tramite l’accesso fisico o spyware al loro telefono (WESNET 2020) può essere di grande importanza, così come lo è il pericolo di uso improprio da parte di altri, come i criminali informatici che comunemente prendono di mira i dati relativi alla salute per le attività del mercato nero (Ablon et al.2014). Tuttavia, sosteniamo che, sebbene la privacy sia una questione importante e una preoccupazione per molti, rispetto alle altre preoccupazioni sollevate da queste tecnologie, la violazione della privacy è una questione relativamente minore. Siamo interessati alle più ampie questioni culturali che sono in gioco – del modo in cui l’epidemia di COVID-19 viene utilizzata per introdurre quello che potrebbe emergere come un sistema di controllo sociale senza precedenti per portata e potere.

Foucault ha fatto riferimento alle “guardie alle porte, al municipio e in ogni quartiere” poco appariscenti e invisibili che “assicurano la pronta obbedienza del popolo” (Foucault 1979, 196). Abbiamo imparato a convivere con le “guardie” sotto forma di microregimi di potere associati ai costumi e alle ideologie quotidiane e allo spiegamento della ragione, della conoscenza, della sessualità e di molte altre pratiche sociali. In aggiunta a questi ora abbiamo droni, cinturini da polso e braccialetti alla caviglia, smartphone, microchip, sensori termici e molte altre tecnologie per sorvegliare la nostra biometria, i nostri comportamenti e i nostri movimenti. Originariamente installate per scopi benefici dai governi che agiscono in bella vista, queste nuove tecniche di sorveglianza sono state accettate attivamente ed entusiasticamente da molti, sebbene ci siano casi in cui ci sono preoccupazioni per i tassi di utilizzo e le app sono state rese obbligatorie (Al Jazeera News 2020; ABC News 2020a) o ci sono sforzi del governo attraverso strategie e raccomandazioni per rendere l’uso delle app pseudo-volontario e quindi obbligatorio in vigore (Greenleaf 2020).

Non c’è nulla di segreto nel sistema di sorveglianza onnipervadente ora in vigore. In effetti, la sua stessa vistosità e la sua dipendenza dalla partecipazione attiva degli individui ad essa soggetti garantisce quella che Foucault chiamava la loro “propria sottomissione” (Foucault 1979), imposta attraverso l’autocontrollo interiorizzato e pratiche di autodisciplina. La conoscenza raccolta dalla massa di dati e il potere che fluisce senza soluzione di continuità da essa genera conformità alle norme prescritte (Pylypa 1998) e pratiche abituali che emergono rapidamente. Ciò che una volta sembrava alieno viene rapidamente incorporato nel banale grigiore della quotidianità. Lavarsi le mani, mantenere la distanza fisica, nuovi modi di salutare di persona, un senso di repulsione o di pericolo associato al contatto personale, indossare maschere per il viso, i protocolli e le buone maniere associati a riunioni Zoom, feste virtuali e professionisti in linea le conferenze, integrate con la già consolidata dipendenza dai telefoni cellulari e dai social media, sono solo i segni superficiali di un processo di organizzazione e controllo più profondo, più insidioso e approfondito. Sarà solo con il tempo che i micro effetti più dettagliati sulle nostre vite affettive personali, sulle nostre interazioni sociali casuali e intime, sui nostri sensi del sé diventeranno più chiaramente evidenti.

Le nuove forme di potere altamente raffinate e perfezionate sono stabilizzate, amplificate ed estese attraverso notizie e social media, film, musica e altre forme di cultura popolare, dove le persone guardano le esperienze degli altri di COVID-19 e quindi partecipano alla promozione dei messaggi dimostrando la propria conformità e incoraggiando anche gli altri a conformarsi (Couch et al. 2015).

La promozione dell’uso di app di tracciamento dei contatti e la diffusione di massa e la complicità con hashtag dei social media come #lockitdown, #stayathome, #covidiot e così via tramite Twitter e altre forme di diffusione delle informazioni incoraggiano cittadini ben governati. “L’ispezione funziona incessantemente” con queste modalità di sorveglianza onnipresenti e multiformi e di partecipazione e supporto del pubblico. “Lo sguardo è vigile ovunque” (Foucault 1979, 195). Lo sguardo è il governo; è il settore privato; sono i social media; sono app nei nostri telefoni e droni nel cielo; sono le storie nelle notizie; sono i nostri amici online. In questo modo, i luoghi del potere sono inesorabilmente diffusi e attivati ​​nella società.

Oltre lo “Stato di eccezione”

La massiccia risposta della sorveglianza durante la pandemia COVID19 si è verificata in uno “stato di eccezione”.

C’è stata un’insolita estensione del potere dei governi, ed i diritti delle persone sono stati diminuiti o rifiutati nel processo di rivendicazione di questa estensione del potere (Agamben 2005). Il vero potere, ed i suoi probabili effetti duraturi, non si riferiscono agli ovvi “stati di emergenza” emanati attraverso meccanismi legali validi e dichiarati apertamente. Piuttosto, sono le trasformazioni più profonde e insidiose delle nostre abitudini personali, delle risposte affettive e delle interazioni quotidiane che portano la sua vera forza. Come per tutti gli stati di eccezione, esiste il rischio, o addirittura una probabilità, che le strutture di nuova costituzione persistano – non le leggi e le normative ma i modi di vivere sociali e culturali, i comportamenti e le risposte emotive e psichiche incorporate. La pandemia COVID-19 ha rafforzato e giustificato il passaggio a forme più intense e penetranti di cultura della sorveglianza. È probabile che questo processo avrà impatti culturali, politici ed economici di lunga durata e rimodellerà fondamentalmente le strutture delle società che emergono e le nostre vite affettive personali. La normalizzazione della sorveglianza estesa pone rischi e solleva interrogativi che dovrebbero diventare oggetto di un dialogo critico e continuo.

Ringraziamenti

Grazie alla dott.ssa Christina Malatzky per i suoi utili commenti su una prima bozza. Conformità agli standard etici Conflitto di interessi Gli autori dichiarano l’assenza di conflitti di interesse rispetto alla paternità e/o alla pubblicazione di questo articolo.

References

Una opinione su "COVID-19 — Estendere la sorveglianza e il Panopticon"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: