E se fosse una nuova piccola era glaciale invece del riscaldamento globale?

La piccola era glaciale é un periodo della storia climatica della Terra che, pur senza una totale convergenza degli studi, va dalla metà del XIV alla metà del XIX secolo in cui si registrò un brusco abbassamento della temperatura media terrestre. Per l’entità dell’intervallo temporale interessato non può dunque essere propriamente assimilata ad un’era geologica (ossia centinaia di milioni di anni). La PEG, climatologicamente parlando, è considerata una fase stadiale dell’attuale periodo interglaciale.

wikipedia

del Dr. Theodor Landscheidt

Istituto Schroeter per la ricerca sui cicli di attività solare
Klammerfelsweg 5, 93449 Waldmuenchen, Germania
Prima pubblicazione: 2003
Utilizzo dell’articolo: dicembre 2016

Astratto:

L’analisi dell’attività variabile del sole negli ultimi due millenni indica che, contrariamente alle speculazioni dell’IPCC sul riscaldamento globale causato dall’uomo fino a 5,8° C entro i prossimi cento anni, un lungo periodo di clima fresco con la sua fase più fredda intorno al 2030 essere atteso. È dimostrato che i minimi nel ciclo di Gleissberg di 80-90 anni di attività solare, in coincidenza con periodi di clima freddo sulla Terra, sono costantemente collegati a un ciclo di 83 anni nel cambiamento della forza rotatoria che guida il movimento oscillatorio del sole intorno al centro di massa del sistema solare. Poiché è possibile calcolare il corso futuro di questo ciclo e le sue ampiezze, si può vedere che il minimo di Gleissberg intorno al 2030 e un altro intorno al 2200 sarà del tipo di minimo di Maunder accompagnato da un forte raffreddamento sulla Terra. Questa previsione dovrebbe dimostrarsi abile in quanto altre previsioni a lungo termine dei fenomeni climatici, basate sui cicli del moto orbitale del sole, si sono rivelate corrette, come ad esempio la previsione degli ultimi tre anni di El Niños prima del rispettivo evento.

Introduzione

Il continuo dibattito sul riscaldamento globale causato dall’uomo ha raggiunto una fase cruciale. Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC), istituito dalle Nazioni Unite e dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), non pubblica più “proiezioni migliori” ben definite dell’aumento della temperatura globale fino al 2100 causato dall’aumento degli accumuli di gas serra in l’atmosfera, ma pubblicizza “trame” per ipotizzare un riscaldamento fino a 5,8° C fino al 2100. Gli editori della rivista Science (2002), tuttavia, commentano il numero crescente di pubblicazioni che indicano la variazione dell’attività solare come un fattore forte nel cambiamento climatico: “Poiché sempre più oscillazioni che corrispondono alla crescita e al calare del sole si manifestano nelle registrazioni del clima passato, i ricercatori stanno prendendo a malincuore il sole sul serio come un fattore del cambiamento climatico. Hanno incluso la variabilità solare nelle loro simulazioni del riscaldamento del secolo scorso. E il sole sembra aver giocato un ruolo fondamentale nell’innescare siccità e ondate di freddo».

Quegli scienziati che stanno “a malincuore” cominciando a riconoscere il ruolo fondamentale del sole nel cambiamento climatico sono convertiti che avevano creduto nel detto dell’IPCC che “la forzatura solare è considerevolmente più piccola delle forze radiative antropogeniche” e il suo “livello di comprensione scientifica è molto basso” , mentre la forzatura da parte di gas serra ben miscelati “continua a godere dei più alti livelli di confidenza” per quanto riguarda la sua comprensione scientifica, cosicché è “improbabile che la forzatura naturale possa spiegare il riscaldamento nella seconda metà del XX secolo”. In realtà, c’è stata una serie di pubblicazioni fin dal 19° secolo e specialmente negli ultimi decenni che hanno fornito prove di forti relazioni solare-terrestre nella meteorologia e nel clima ignorate dai sostenitori del riscaldamento globale causato dall’uomo (Koppen, 1873; Clough, 1905; Brooks; 1926; Scherhag, 1952; Bossolasco et al., 1973; Reiter, 1983; Eddy, 1976; Hoyt, 1979; Markson, 1980; Schuurmans, 1979; Landscheidt, 1981-2001; Bucha 1983; Herman e Goldberg, 1983; Neubauer 1983; Prohaska e Willett, 1983; Fairbridge e Shirley, 1987; Friis-Christensen e Lassen, 1991; Labitzke e van Loon, 1993; Haigh, 1996; Baliunas e Soon, 1995; Lassen e Friis-Christensen, 1995); Lau e Weng, 1995; Lean et al, 1995; Hoyt e Schatten, 1997; Reid, 1997; Presto et al. 1996; Svensmark e Friis-Christensen, 1997; Bianco et al. 1997; Cliver et al., 1998; Balachandran et al., 1999; Shindell et al., 1999; van Geel et al., 1999; Berner, 2000; Egorova et al., 2000; Palle Bago e Butler, 2000; Tinsley, 2000; Hodell et al., 2001; Neff et al., 2001; Rozelot, 2001; Udelhofen e Cess, 2001; Pang e Yau, 2002; Yu, 2002).

Il giudizio dell’IPCC che il fattore solare è trascurabile si basa su osservazioni satellitari disponibili dal 1978 che mostrano che l’irradiamento totale del Sole, pur non essendo costante, cambia solo di circa lo 0,1 percento nel corso del ciclo di 11 anni delle macchie solari. Questo argomento, tuttavia, non tiene conto del fatto che l’attività eruttiva del Sole (brillamenti energetici, espulsioni di massa coronale, protuberanze eruttive), che influenzano pesantemente il vento solare, così come i contributi del vento solare più deboli da parte dei buchi coronali hanno un effetto molto più forte del totale irraggiamento. Il flusso magnetico totale in uscita dal Sole, trascinato dal vento solare, è aumentato di un fattore 2,3 dal 1901 (Lockwood et al., 1999), mentre la temperatura globale sulla terra è aumentata di circa 0,6°C. L’energia nel flusso solare viene trasferita all’ambiente vicino alla Terra per riconnessione magnetica e direttamente nell’atmosfera da particelle cariche. I brillamenti energetici aumentano la radiazione ultravioletta del Sole di almeno il 16%. L’ozono nella stratosfera assorbe questa energia in eccesso che provoca il riscaldamento locale e disturbi della circolazione. Modelli di circolazione generale sviluppati da Haigh (1996), Shindell et al. (1999) e Balachandran et al. (1999) confermano che i cambiamenti di circolazione, inizialmente indotti nella stratosfera, possono penetrare nella troposfera e influenzare la temperatura, la pressione dell’aria, la circolazione di Hadley e le tracce delle tempeste modificando la distribuzione di grandi quantità di energia già presenti nell’atmosfera.

Impatto delle eruzioni solari sul tempo e sul clima

I maggiori contributori all’intensità del vento solare sono le eruzioni solari che creano le velocità più elevate nel vento solare e le onde d’urto che comprimono e intensificano i campi magnetici nel plasma del vento solare. Fig. 1 dopo Egorova et al. (2000) dimostra l’effetto delle eruzioni solari sulla temperatura e sulla pressione atmosferica.

Dal 1981 al 1991 Egorova, Vovk e Troshichev hanno osservato la temperatura superficiale (pannello inferiore) e la pressione atmosferica a 10 km di altitudine (pannello superiore) presso la stazione antartica Vostok. Piccoli cerchi aperti indicano osservazioni quotidiane sovrapposte durante la stagione invernale. La linea continua descrive la media di 10 inverni. Grandi cerchi contrassegnano gli eventi di Forbush.

Si tratta di forti diminuzioni dell’intensità dei raggi cosmici galattici causati da eruzioni solari energetiche che indicano che il rispettivo evento ha fortemente influenzato l’ambiente terrestre. Come si può vedere dalla Figura 1, dopo gli eventi di Forbush la temperatura è quasi sempre salita al di sopra della media, raggiungendo spesso partenze intorno ai 20° C, mentre la pressione dell’aria era solo in 8 casi su 52 al di sopra della media. Questi 52 esperimenti eseguiti dalla Natura e osservati dall’uomo mostrano una chiara connessione tra le eruzioni solari e un forte aumento della temperatura, per non parlare della forte diminuzione della pressione dell’aria. Sarebbe un esercizio ridondante valutare la significatività statistica di questo risultato distinto.

Fig. 1: Osservazioni della temperatura superficiale (pannello inferiore) e della pressione atmosferica a 10 km di altitudine (pannello superiore) presso la stazione antartica russa Vostok dal 1981 al 1991 (Da Egorova et al., 2000). Piccoli cerchi aperti indicano osservazioni quotidiane sovrapposte durante la stagione invernale. La linea continua descrive la media di 10 inverni. I cerchi di grasso contrassegnano tutti gli eventi di Forbush che si verificano nell’intervallo di osservazione. Si tratta di forti diminuzioni dell’intensità dei raggi cosmici galattici causati da eruzioni solari energetiche. La temperatura era quasi sempre al di sopra della media dopo gli eventi di Forbush, raggiungendo spesso partenze intorno ai 20° C, mentre la pressione dell’aria era solo in 8 casi su 52 al di sopra della media. L’impatto delle eruzioni solari sulla temperatura dell’aria e sulla pressione atmosferica vicino alla tropopausa è ovvio. Un’indagine sulla significatività statistica della relazione sarebbe ridondante.

Ci sono prove convincenti che anche l’attività eruttiva del Sole ha un forte effetto ai tropici. Fig. 2 dopo Neff et al. (2001) mostra una forte correlazione tra le eruzioni solari, la spinta del vento solare, la circolazione e le precipitazioni tropicali. Il profilo scuro rappresenta le variazioni dell’isotopo dell’ossigeno (ä18O) in una stalagmite datata dell’Oman. Il record ä18O, che copre più di 3000 anni (da 9,6 a 6,1 mila anni fa), funge da proxy per il cambiamento della circolazione tropicale e delle piogge monsoniche. Il profilo luminoso Ä14C mostra le deviazioni del radiocarbonio derivate dall’analisi degli anelli degli alberi datati. Il livello di produzione di radiocarbonio nell’atmosfera dipende dalla variazione dell’intensità dei raggi cosmici. A causa della relazione inversa dei raggi cosmici con l’attività solare – il forte vento solare forma un forte scudo magnetico contro i raggi cosmici mentre uno scudo solare debole riflette meno raggi cosmici – la registrazione del radiocarbonio funge da proxy dell’attività del Sole. La maggior parte degli scienziati pensa che questi dati proxy siano correlati all’attività delle macchie solari e delle facole legate a variazioni relativamente deboli dell’irradiamento. In realtà, i dati del radiocarbonio sono un proxy dell’attività eruttiva del Sole che guida il vento solare. Le eruzioni solari energetiche non si accumulano intorno al massimo delle macchie solari. Nella maggior parte dei cicli evitano la fase massima e possono anche verificarsi vicino a un minimo di macchie solari. Il pannello superiore in Fig. 2 copre l’intero intervallo indagato, mentre il pannello inferiore mostra in dettaglio la sincronicità quasi perfetta tra l’attività eruttiva del sole e la circolazione tropicale.

Fig. 2: Stretta correlazione tra eruzioni solari, guida del vento solare, circolazione tropicale e precipitazioni (Da Neff et al., 2001). Il profilo scuro rappresenta le variazioni dell’isotopo dell’ossigeno (18O) in una stalagmite datata dell’Oman che funge da proxy per il cambiamento nella circolazione e le precipitazioni monsoniche. Il profilo luminoso 14C mostra le deviazioni del radiocarbonio derivate dall’analisi degli anelli degli alberi datati. Il livello di produzione di radiocarbonio nell’atmosfera dipende dalla variazione dell’intensità dei raggi cosmici. A causa della relazione inversa dei raggi cosmici con l’attività eruttiva del sole, la registrazione del radiocarbonio funge da proxy per la frequenza e la forza delle eruzioni solari. Il pannello superiore copre l’intero intervallo indagato di oltre 3000 anni, mentre il pannello inferiore mostra in dettaglio la sincronicità quasi perfetta tra l’attività eruttiva del sole e la circolazione e le precipitazioni tropicali.

I nuclei del fondo del lago della penisola dello Yukatan mostrano una correlazione simile, che copre più di 2000 anni, tra siccità ricorrenti e il record di radiocarbonio legato all’attività eruttiva del Sole (Hodell et al., 2001). Questi risultati recenti e molti precedenti (Landscheidt, 1981-2001) documentano l’importanza dell’attività eruttiva del Sole per il clima.

Durata del ciclo di 11 anni e temperatura nell’emisfero settentrionale

In effetti, è abbastanza naturale chiedersi se il sole stia giocando un ruolo fondamentale nel cambiamento climatico perché il clima sulla terra deve la sua esistenza al sole, così come al carbone, al petrolio e all’energia del vento e dell’acqua in movimento. Se il gas serra biossido di carbonio (CO2) fosse la causa dominante dell’aumento osservato della temperatura globale, la tendenza di questo aumento sarebbe simile alla tendenza in continuo aumento della CO2 mostrata in Fig. 3 dopo Peixoto e Oort (1992). L’andamento della temperatura dell’aria terrestre nell’emisfero settentrionale, tuttavia, rappresentato dalla linea spessa in Fig. 4, non segue l’andamento della CO2. L’aumento della temperatura superficiale dal 1890 al 1940 è stato più ripido e graduale rispetto all’attuale fase di riscaldamento dall’inizio degli anni ’80, sebbene il tasso di emissioni antropiche a quel tempo fosse solo il 10% del tasso attuale. Dal 1940 fino alla fine degli anni ’60 le temperature sono diminuite nonostante il rapido aumento delle emissioni di CO2 di origine antropica.

Fig. 3: Serie temporale della concentrazione atmosferica di CO2 misurata all’Osservatorio di Mauna Loa, Hawai (da Peixoto e Oort, 1992). Questi dati sono accettati come rappresentativi della tendenza globale. La Fig. 4 mostra che il trend in costante aumento della CO2 non si adatta all’andamento al rialzo e al ribasso del clima osservato.

Contrariamente alla curva della CO2 in Fig. 3, la curva sottile in Fig. 4 dopo Friis-Christensen e Lassen (1991), che rappresenta la lunghezza livellata del ciclo di macchie solari di 11 anni, segue le ondulazioni della temperatura osservata. La durata del ciclo delle macchie solari (LSC) è un indicatore dell’attività eruttiva del sole. Quando Gleissberg (1958) ha studiato per la prima volta l’LSC, ha basato la sua serie temporale originale dell’LSC, risalente al 300 d.C., sul numero di aurore osservate che sono note per essere collegate a forti eruzioni solari. Ha scoperto che i cicli brevi vanno di pari passo con alti massimi di macchie solari e una forte attività eruttiva, mentre i cicli lunghi sono caratterizzati da massimi bassi e meno eruzioni solari. Quando Gleissberg ha smussato la sua serie temporale di LSC, è emerso un ciclo secolare di 80-90 anni che modula le ampiezze del ciclo delle macchie solari di 11 anni. Questo ciclo secolare, chiamato da Gleissberg, è indicato dalla linea sottile in Fig. 4.

Fig. 4: Stretta correlazione tra la temperatura dell’aria della superficie terrestre nell’emisfero settentrionale (curva spessa) e la lunghezza variabile del ciclo di macchie solari di 11 anni (curva sottile), che indica la variabile intensità dell’attività eruttiva del sole (da Friis-Christensen e Lassen, 1991). Contrariamente alla curva in Fig. 3, che rappresenta la quantità in costante aumento di anidride carbonica nell’atmosfera, la sottile curva solare varia con le ondulazioni della temperatura osservata.

Uno sguardo più attento mostra che quasi tutti i minimi di Gleissberg risalenti al 300 d.C., come ad esempio intorno al 1670 (minimo di Maunder), 1810 (minimo di Dalton) e 1895, coincidevano con il clima fresco nell’emisfero settentrionale, mentre i massimi di Gleissberg andavano di pari passo con il clima caldo come per esempio intorno al 1130 (ottimo climatico medievale). Il grado di variazione della temperatura era proporzionale alle rispettive ampiezze nel ciclo di Gleissberg. Durante il periodo di Maunder l’attività solare minima era minima e durante il clima ottimale medievale molto elevata, probabilmente anche superiore a quella dei sei decenni di intensa attività solare prima del 1996. Di conseguenza, Friis-Christensen e Lassen (1995) hanno dimostrato che la connessione tra il Nord La temperatura dell’aria terrestre dell’emisfero e la variazione di LSC risalgono al XVI secolo. Butler (1996) ha confermato questo risultato negli ultimi due secoli in Irlanda del Nord.

Relazione prevedibile tra eruzioni solari e temperatura globale

La Fig. 5 di Adler ed Elías (2000) presenta una replica estesa del risultato in Fig. 4. LSC (cerchi pieni), massima densità di elettroni ionosferici nel rispettivo ciclo di 11 anni (segno più), anomalie della temperatura dell’emisfero settentrionale (vuoto triangoli) e le anomalie di temperatura misurate a San Miguel de Tucuman, in Argentina, (cerchi vuoti) mostrano una covarianza statisticamente significativa. L’ultimo valore della serie storica LSC sembra indicare un movimento al ribasso, un passaggio da cicli brevi a cicli più lunghi, mentre le altre tre curve seguono la loro tendenza al rialzo. Da questa divergenza, Thejll e Lassen (2000) traggono la conclusione che l’impatto dell’attività solare sul clima, prevalente da secoli, improvvisamente non è più valido. Saltare a tale conclusione non è giustificato. Thejll e Lassen non tengono conto del fatto che la temperatura ritarda l’attività solare di diversi anni. Questo può essere visto in Fig. 5 intorno al 1930.

Fig. 5: Replica del risultato presentato in Fig. 4 (da Adler ed Elías (2000). Lunghezza del ciclo solare SCL (cerchi pieni), massima densità di elettroni ionosferici nel rispettivo ciclo di macchie solari di 11 anni (segno più), emisfero settentrionale le anomalie della temperatura (triangoli vuoti) e le anomalie della temperatura locale a San Miguel de Tucuman, Argentina (cerchi vuoti) mostrano una covarianza significativa.Come spiegato nel testo, il movimento verso il basso alla fine della curva SCL non indica che non ci sia più alcun effetto dell’attività solare sul clima.

LSC è un indicatore grossolano dell’attività eruttiva del Sole. Gli indici dei disturbi geomagnetici sono indicatori più precisi, soprattutto perché misurano la risposta a quelle eruzioni solari che effettivamente colpiscono la terra. L’indice aa dell’attività geomagnetica di Mayaud è omogeneo e copre il lungo periodo dal 1868 ad oggi. La Fig. 6 di Landscheidt (2000), che riporta questo indice, mostra chiaramente che la temperatura globale della superficie terrestre e marina è in ritardo rispetto alle tempeste geomagnetiche, causate da eruzioni solari energetiche. La curva continua mostra l’indice aa, la curva tratteggiata una combinazione di anomalie globali della temperatura terrestre, dell’aria e della superficie del mare. I dati annuali sono stati sottoposti a ripetuti livellamenti a tre punti.

La temperatura è in ritardo da aa da 4 a 8 anni, ma segue le ondulazioni della curva aa. La connessione tra l’aa-extrema principale e la successiva extrema di temperatura è evidenziata da numeri identici. Un disturbo della correlazione intorno al 1940 indica forzature interne eccezionali. Tra il 1942 e il 1952 è stato osservato il più forte aumento dell’attività vulcanica dal 1860 (Simkin et al., 1981). Il ritardo dei dati sulla temperatura suggerisce che parte dell’energia in eccesso legata all’attività solare viene immagazzinata e accumulata nel sistema climatico da processi che richiedono anni. Gli oceani sono un candidato a causa della loro inerzia termica (Hoyt, 1979; Wigley, 1988; White et al., 1997)

Fig. 6: La curva continua mostra l’indice aa dell’attività geomagnetica, che riflette l’effetto delle eruzioni solari energetiche vicino alla terra. La curva tratteggiata traccia una combinazione di anomalie globali della temperatura terrestre, dell’aria e della superficie del mare. I dati annuali sono stati sottoposti a ripetuti livellamenti a tre punti. La temperatura è in ritardo da aa da 4 a 8 anni, ma segue le ondulazioni della curva aa. La connessione tra l’aa-extrema principale e i successivi massimi o minimi di temperatura è evidenziata da numeri identici. Una perturbazione intorno al 1940 indica forzature interne eccezionali.

La Fig. 7 di Landscheidt (2000) è un’estensione dei dati in Fig. 6. Si può vedere che la curva aa raggiunge il suo massimo più alto, contrassegnato dal numero 7, intorno al 1990 e mostra un forte declino in seguito. Tenendo conto di un ritardo di 8 anni, il massimo più alto nella curva della temperatura globale dovrebbe essersi verificato intorno al 1998. Questo è stato l’anno con la temperatura superficiale più alta osservata dall’istituzione dei servizi meteorologici internazionali. La relazione in Fig. 7 indica il raffreddamento globale negli anni successivi al 1998 con l’eccezione del periodo intorno a El Niño che inizia nel 2002, previsto più di 3 anni prima dell’evento (Landscheidt, 1998, 2000, 2002).

Significativamente, questa previsione e la corretta previsione a lungo termine dei due precedenti El Niños si basavano su fasi speciali dei cicli solari che accompagnano accumuli di eruzioni solari (Landscheidt, 1995).

Fig. 7: Estensione dei dati in Fig. 6. La curva aa raggiunge il suo massimo, contrassegnato dal numero 7, intorno al 1990 e mostra un forte declino nel dopoguerra. Tenendo conto di un ritardo di 8 anni, un massimo nella curva della temperatura globale dovrebbe essersi verificato intorno al 1998. Questo è stato l’anno con la temperatura più alta osservata dall’istituzione dei servizi meteorologici internazionali. Questa relazione indica un raffreddamento globale prolungato. Come verrà mostrato, l’attività solare dovrebbe diminuire per tre decenni. Ciò contraddice la tesi sostenuta da Thjell e Lassen (2000) e dai sostenitori dell’IPCC secondo cui l’impatto del sole sul clima è svanito da decenni.

Previsione dei cicli di Gleissberg basata sulle oscillazioni baricentriche del sole

La variabilità solare è registrata nelle carote perforate dalle calotte glaciali. Il flusso dei raggi cosmici è modulato dal vento solare, la cui intensità è legata alle eruzioni solari. Durante i periodi di elevata attività eruttiva, il flusso di raggi cosmici nell’atmosfera si riduce così che il tasso di produzione di radionuclidi come 14C e 10Be è diminuito e viceversa. La maggior parte dei radionuclidi viene rimossa dall’atmosfera dalle precipitazioni umide e immagazzinata quasi permanentemente in calotte glaciali, principalmente nelle regioni polari. L’analisi di tali archivi di carote di ghiaccio rivela periodi estesi di attività solare eccezionalmente alta o bassa che coincidono con fasi di rapido cambiamento climatico (Beer, 2000). Il record annuale di 10Be “Dye 3” che risale al 1423 è di particolare interesse a questo proposito in quanto riflette il ciclo di Gleissberg di 80-90 anni e la sua relazione con il clima (Beer et al., 1994).

Le previsioni dei fenomeni naturali sono uno degli obiettivi più importanti delle scienze naturali. Poiché ci sono forti indicazioni di una connessione affidabile tra minimi e massimi nel ciclo di Gleissberg e periodi freddi e caldi nel clima, ci troviamo di fronte al problema di come fare previsioni a lungo termine degli estremi nel ciclo di Gleissberg. La conoscenza della sua lunghezza media non è di alcun aiuto in questo senso poiché il ciclo varia da 40 a 120 anni. Fortunatamente, ho dimostrato per decenni che l’attività variabile del sole è legata ai cicli nella sua oscillazione irregolare attorno al centro di massa del sistema solare. Poiché questi cicli sono collegati ai fenomeni climatici e possono essere calcolati per secoli, offrono un mezzo per prevedere minimi e massimi consecutivi nel ciclo di Gleissberg e fasi covarianti di clima fresco e caldo.

La teoria della dinamo solare sviluppata da Babcock, la prima teoria ancora rudimentale dell’attività solare, parte dalla premessa che la dinamica del ciclo delle macchie solari magnetiche è guidata dalla rotazione del sole. Eppure questa teoria tiene conto solo del momento di spin del sole, legato alla sua rotazione sul proprio asse, ma non del suo momento angolare orbitale legato alla sua oscillazione molto irregolare attorno al centro di massa del sistema solare (CM).

La figura 8 mostra questo movimento fondamentale, descritto da Newton tre secoli fa. È regolato dalla distribuzione delle masse dei pianeti giganti Giove, Saturno, Urano e Nettuno nello spazio. Il grafico mostra le posizioni relative dell’eclittica del centro di massa (cerchi piccoli) e del centro del sole (croce) per gli anni dal 1945 al 1995 in un sistema di coordinate eliocentrico.

Fig. 8: Oscillazione irregolare del sole attorno al centro di massa del sistema solare in prospettiva eliocentrica. L’arto del sole è segnato da uno spesso cerchio. La posizione del centro di massa rispetto al centro del sole (croce) nei rispettivi anni è indicata da piccoli cerchi. Le forti variazioni nelle quantità fisiche che misurano il moto orbitale del sole formano cicli di diversa lunghezza, ma funzione simile nelle relazioni solare-terrestre.

Il grande cerchio solido segna la superficie del sole. Il più delle volte, il CM si trova al di fuori del corpo del sole. Ampie oscillazioni con distanze fino a 2,2 raggi solari tra i due centri sono seguite da orbite strette che possono provocare incontri ravvicinati dei centri come nel 1951 e nel 1990. Il contributo del momento angolare orbitale del sole al suo momento angolare totale non è trascurabile. Può raggiungere il 25% del momento di rotazione. Il momento angolare orbitale varia da -0,1·1047 a 4,3·1047 g cm2 s-1, o viceversa, che è un aumento o una diminuzione di oltre quaranta volte (Landscheidt, 1988).

Quindi è ipotizzabile che queste variazioni siano legate a fenomeni variabili nell’attività del sole, specialmente se si considera che il momento angolare del sole gioca un ruolo importante nella teoria della dinamo dell’attività magnetica del sole.

Variazioni superiori al 7% nella velocità di rotazione equatoriale del sole, insieme alle variazioni dell’attività solare, sono state osservate a intervalli irregolari (Landscheidt, 1976, 1984). Questo potrebbe essere spiegato se ci fosse un trasferimento di momento angolare dall’orbita del sole allo spin sul suo asse. Propongo questo tipo di accoppiamento spin-orbita da decenni (Landscheidt, 1984, 1986). Parte dell’accoppiamento potrebbe derivare dal moto del sole attraverso i suoi stessi campi magnetici. Come ha mostrato Dicke (1964), la corona bassa può agire da freno sulla superficie del sole. I pianeti giganti, che regolano il moto del sole attorno al CM, trasportano più del 99 percento del momento angolare nel sistema solare, mentre il sole è limitato a meno dell’1 percento. Quindi c’è un alto potenziale di momento angolare che può essere trasferito dai pianeti esterni al sole rotante e infine al sole rotante.

Juckett (2000) ha sviluppato un modello di scambio di momento spin-orbita che spiega fenomeni asimmetrici ben consolidati nell’emisfero settentrionale e meridionale del sole e identifica i cambiamenti nei raggi di spin solare nei diversi emisferi come un meccanismo di trasferimento del momento. Un’accelerazione di Coriolis centrata sul sole potrebbe avere un ulteriore effetto perturbante sul flusso di plasma nel sole, soprattutto perché sviluppa grandi discontinuità quando il centro del sole si avvicina al CM come nel 1951 e nel 1990 (Blizard, 1987).

Le previsioni dell’attività solare e del clima confermano la validità dei cicli di moto solare

Queste considerazioni teoriche sono state corroborate da risultati pratici. Le previsioni basate sui cicli del moto del sole si sono rivelate corrette. Le mie previsioni a lungo termine di classi ben definite di brillamenti energetici di raggi X e forti tempeste geomagnetiche, che coprono il periodo 1979-1985, hanno raggiunto un tasso di successo complessivo del 90 percento, sebbene tali eventi mostrino una distribuzione molto irregolare. Queste previsioni sono state verificate dallo Space Environment Center, Boulder, e dagli astronomi Gleissberg, Wöhl e Pfleiderer (Landscheidt, 1986; Landscheidt e Wöhl, 1986). Anche gli accumuli di forti tempeste geomagnetiche intorno al 1982 e al 1990 sono stati correttamente previsti diversi anni prima degli eventi. Anch’io avevo previsto nel 1984 (Landscheidt, 1986, 1987) che l’attività del sole sarebbe diminuita oltre il 1990. Proprio questo è successo. Sebbene un gruppo di esperti (Joselyn, 1997) avesse previsto nel 1996 e anche due anni dopo che il ciclo di macchie solari 23 avrebbe avuto una grande ampiezza simile ai cicli precedenti (numero massimo di macchie solari levigato mensile R = 160), l’attività osservata era molto più debole (R = 120).
Anche le mie previsioni climatiche basate sui cicli del movimento solare hanno superato la prova. Prevedo correttamente la fine della siccità del Sahel tre anni prima dell’evento, gli ultimi quattro estremi di anomalie della temperatura globale, il massimo dell’indice di siccità di Palmer per gli USA intorno al 1999, gli scarichi estremi del fiume Po intorno all’inizio del 2001 e gli ultimi tre El Niños così come il corso dell’ultima La Niña (Landscheidt, 1983-2002).

Questa capacità di previsione, basata esclusivamente sui cicli di attività solare, è inconciliabile con l’affermazione dell’IPCC secondo cui è improbabile che la forzatura naturale possa spiegare il riscaldamento nella seconda metà del XX secolo.

Ciclo di 166 anni nelle variazioni della forza rotatoria che guida il moto orbitale del sole

La dinamica del moto del sole attorno al centro di massa può essere definita quantitativamente dalla variazione del suo momento angolare orbitale L. La velocità di variazione nel tempo di L è misurata dalla sua derivata prima dL/dt. Definisce la forza rotatoria, la coppia T che guida il moto del sole attorno al CM. Le variazioni della forza rotatoria definita dalla derivata dT/dt sono una grandezza chiave in questo contesto in quanto consentono di prevedere Gleissberg extrema per centinaia di anni e persino millenni.

Un ciclo di 166 anni e la sua seconda armonica di 83 anni emergono quando la velocità di variazione della coppia dT/dt viene sottoposta ad analisi di frequenza (Landscheidt, 1983).

Cicli di questa lunghezza, sebbene non molto conosciuti, sono stati menzionati in precedenza in letteratura.

Brier (1979) ha trovato un periodo di soli 83 anni nella trasformata del coseno non livellata di 2148 autocorrelazioni di 2628 numeri mensili di macchie solari. Cole (1973) ha confermato questo risultato quando ha studiato lo spettro di potenza dei dati sulle macchie solari che coprono il 1626 – 1968. Ha trovato un picco dominante a 84 anni. Juckett (2000) ha derivato periodi di 165 e 84 anni dal suo modello di scambio di momento spin-orbita nel moto del sole. Poiché la lunghezza d’onda del ciclo di Gleissberg non è lontana dalla seconda armonica del ciclo di 166 anni, si suggerisce di vedere se il ciclo di Gleissberg e il ciclo dT/dt hanno minimi e massimi sincronizzati. Questo è in realtà il caso.

Gleissberg (1958) ha trovato il ciclo che porta il suo nome attenuando la lunghezza del ciclo delle macchie solari di 11 anni, un parametro che è solo indirettamente correlato al numero di macchie solari R che misura l’intensità dell’attività delle macchie solari. Poiché potrebbe essere che i valori più piccoli o più grandi degli estremi positivi e negativi del ciclo dT/dt abbiano una funzione parametrica simile, le ampiezze di questi massimi e minimi sono prese per costituire una serie temporale livellata che copre 2000 anni. L’intervallo va dal 300 d.C. al 2300. I dati sono stati sottoposti a levigatura del kernel gaussiano a finestra mobile (Lorczak) con una larghezza di banda di 60.

La figura 9 mostra il risultato per il sottoperiodo 300 – 1200. Fino all’inversione di fase intorno al 1120, indicata da una freccia, le fasi zero del ciclo di 166 anni, contrassegnate da cerchi vuoti, coincidono entro un margine relativamente stretto con massimi nel Ciclo di Gleissberg, indicato da triangoli pieni. Solo vicino all’inversione di fase la deviazione del massimo secolare dalla fase zero è più ampia. Le epoche dei minimi di Gleissberg sono indicate da triangoli vuoti. Fino all’inversione di fase, seguono costantemente gli estremi nel ciclo di 166 anni. Non fa differenza se gli estremi sono positivi o negativi.

Questo ricorda il ciclo delle macchie solari di 11 anni con le sue ampiezze esclusivamente positive, sebbene il ciclo magnetico completo di Hale di 22 anni mostri ampiezze positive e negative che indicano polarità magnetiche diverse in cicli consecutivi di 11 anni.

Fig. 9: Serie temporali livellate (300 – 1200 d.C.) degli estremi nel cambiamento della forza rotatoria orbitale del sole dT/dt che formano un ciclo con una lunghezza media di 166 anni. Fino all’inversione di fase intorno al 1120, segnalata da una freccia, le fasi zero del ciclo, contrassegnate da cerchi vuoti, coincidono entro un margine relativamente stretto con i massimi osservati nel ciclo di Gleissberg indicati da triangoli pieni. I minimi nel ciclo di Gleissberg, contrassegnati da triangoli vuoti, vanno di pari passo con gli estremi nel ciclo di 166 anni. L’inversione di fase spiega l’eccezionale massimo di macchie solari medievali. Il massimo secolare intorno al 1100 è stato seguito da un altro massimo intorno al 1130 senza un minimo intermittente. Poiché i massimi di Gleissberg coincidono con il clima caldo e i minimi con il clima fresco, il massimo delle macchie solari medievali era correlato al clima eccezionalmente caldo.

La valutazione delle epoche dei minimi e dei massimi di Gleissberg (1958) si basa sui dati dell’attività aurorale di Schove (1955). Hartmann (1972) ha derivato i valori medi delle epoche dai dati elaborati da Gleissberg, Schove, Link e Henkel. Queste date sono state utilizzate nelle Figure 9 e 10. Un’analisi che copre 7000 anni di dati conferma non solo la durata media del ciclo di 166 anni, ma anche un intervallo medio di 83 anni tra estremi positivi e negativi consecutivi. L’inversione di fase di ð/2 radianti intorno al 1120 ha avuto l’effetto che un massimo di Gleissberg intorno al 1100 è stato seguito da un altro massimo intorno al 1130 senza un minimo secolare intermittente. Questo spiega il massimo delle macchie solari medievali indirettamente confermato da prove al radiocarbonio (Siscoe, 1978).

La Figura 10 mostra il ciclo di 166 anni nel periodo 900 – 2300. Dopo l’inversione di fase intorno al 1120 tutti i massimi di Gleissberg, contrassegnati da triangoli pieni, coincidono piuttosto strettamente con gli estremi della curva per centinaia di anni, ma intorno al 1976 il modello è cambiato di nuovo a causa di una nuova inversione di fase di ð/2 radianti. Dopo un massimo di Gleissberg intorno al 1952, un secondo massimo di Gleissberg si è verificato intorno al 1984 senza un minimo secolare intermittente. Solo il singolo ciclo 20 di macchie solari di 11 anni nel mezzo tra i massimi secolari ha mostrato un’attività delle macchie solari inferiore, mentre i cicli 18, 19, 21 e 22 hanno raggiunto livelli di attività molto elevati. La media dei massimi dei cinque cicli 18 – 22 è R = 156, un valore non direttamente osservato prima. Dobbiamo tornare al massimo medievale, basato sui dati proxy, per trovare uno schema simile. Le inversioni di fase, indicate nella Figura 10 dalle frecce, spiegano euristicamente queste caratteristiche speciali che si verificano solo due volte in quasi 17 secoli. Il recente massimo di Gleissberg intorno al 1984 è il primo di una lunga sequenza di massimi connessi con fasi zero nel ciclo di 166 anni, quattro dei quali sono contrassegnati da cerchi vuoti in Fig. 10. I seguenti massimi di Gleissberg dovrebbero verificarsi intorno al 2069, 2159, e 2235.

Fig. 10: Stesse serie temporali della Fig. 9 per gli anni 900 – 2300. Dopo l’inversione di fase intorno al 1120, i massimi nel ciclo di Gleissberg, indicati da triangoli pieni, vanno costantemente di pari passo con gli estremi nel ciclo di 166 anni, mentre I minimi di Gleissberg cadono a zero fasi del ciclo. Un’altra inversione di fase intorno al 1976 ha cambiato di nuovo il modello. Dopo un massimo secolare di macchie solari intorno al 1952, un secondo massimo seguì intorno al 1984 senza un minimo intermittente nel mezzo. L’effetto è stato un massimo di grande macchia solare paragonabile al massimo eccezionale intorno al 1120. Lo sfasamento intorno al 1976 ha invertito lo schema creato dall’inversione di fase intorno al 1120. Il massimo di Gleissberg intorno al 1984 è il primo di una lunga sequenza di massimi che vanno insieme a fasi zero nel ciclo di 166 anni. I seguenti massimi dovrebbero verificarsi intorno al 2069, 2159 e 2235. Dopo il 1976, i minimi di Gleissberg andranno di nuovo insieme agli estremi nel ciclo di 166 anni. Il prossimo minimo secolare, indicato da un triangolo vuoto, è previsto intorno al 2030. I seguenti minimi dovrebbero verificarsi intorno al 2122 e al 2201. La figura mostra che il ciclo di Gleissberg si comporta come un oscillatore bistabile. La fase attuale dovrebbe durare almeno fino al 2500. A causa del legame tra il ciclo di Gleissberg e il clima, è possibile prevedere periodi futuri di clima più caldo o più freddo per centinaia di anni. La prossima fase fredda è prevista intorno al 2030.

Dopo l’inversione di fase intorno al 1976, si prevede che i minimi secolari coincidano con gli estremi nel ciclo di 166 anni. Quindi il prossimo minimo di Gleissberg dovrebbe verificarsi intorno al 2030, come indicato da un triangolo vuoto. I seguenti minimi sono attesi intorno al 2122 e al 2201. La previsione di un minimo secolare intorno al 2030 è corroborata da un diverso approccio. Sýkora et al. (2000) hanno scoperto che le variazioni nella luminosità della linea verde coronale sono un indicatore a lungo raggio dell’attività solare. Sostengono che “siamo alla vigilia di un minimo profondo di attività solare simile a quello del 19° secolo”.

Previsione di inversioni di fase nel ciclo di 166 anni

I risultati presentati indicano che il ciclo di Gleissberg è un oscillatore bistabile in grado di assumere uno dei due stati. La transizione tra questi stati sembra essere innescata da fasi speciali nel ciclo di 166 anni che inducono inversioni di fase. Attira l’attenzione che le inversioni di fase mostrate nella Figura 10 si verificano appena prima degli estremi negativi più profondi rispetto al rispettivo ambiente. Ciò indica soglie quantitative che sono confermate da un caso aggiuntivo. L’estremo negativo eccezionale che precede il massimo medievale cade al 50 d.C. Significativamente, questo periodo coincide con l’optimum del clima romano, caldo o addirittura più caldo dell’optimum medievale (Schönwiese, 1979). Ci sono ulteriori argomenti di natura più tecnica su come prevedere le inversioni di fase nel ciclo dT/dt (Landscheidt, 1983). Tutti gli indicatori mostrano che la prossima inversione di fase non si verificherà prima del 2500. Quindi il modello attuale dovrebbe continuare per centinaia di anni e il prossimo minimo di Gleissberg dovrebbe essere collegato alla prossima fase zero nel ciclo dT/dt nel 2030.

Previsione dei minimi profondi di Gleissberg e del clima freddo intorno al 2030 e al 2200

Una domanda ancora più difficile è se i futuri minimi di Gleissberg saranno del tipo regolare con attività solare moderatamente ridotta intorno al 1895, del tipo di attività molto debole come il minimo di Dalton intorno al 1810, o del tipo grande minimo con attività quasi estinta come il nadir del minimo di Maunder intorno al 1670, il minimo di Spoerer intorno al 1490, il minimo di Wolf intorno al 1320 e il minimo normanno intorno al 1010 (Stuiver e Quay, 1981). La Fig. 11 offre una soluzione euristica. Mostra la serie temporale di dT/dt-extrema non livellati per l’intervallo 1000 – 2250. Una regolarità coerente attira l’attenzione. Ogni volta che l’ampiezza di un estremo negativo scende al di sotto di una soglia bassa, indicata da una linea orizzontale tratteggiata, questo coincide con un periodo di attività solare eccezionalmente debole.

Fig. 11: Serie temporale degli estremi non levigati nel cambiamento della forza rotatoria orbitale del sole dT/dt per gli anni 1000 – 2250. Ogni volta che l’ampiezza di un estremo negativo scende al di sotto di una soglia bassa, indicata da una linea orizzontale tratteggiata , si osserva un periodo di attività solare eccezionalmente debole. Due estremi negativi consecutivi che trasgrediscono la soglia indicano grandi minimi come il minimo di Maunder (circa 1670), il minimo di Spoerer (circa 1490), il minimo di Wolf (circa 1320) e il minimo normanno (circa 1010), mentre un singolo estremo al di sotto del soglia va di pari passo con eventi del tipo di minimo Dalton (intorno al 1810 e al 1170) non così gravi come i grandi minimi. Quindi i minimi di Gleissberg intorno al 2030 e al 2200 dovrebbero essere del tipo minimo di Maunder. Poiché il clima è strettamente legato all’attività del sole, le condizioni intorno al 2030 e al 2200 dovrebbero avvicinarsi a quelle del nadir della Piccola Era Glaciale intorno al 1670. Come spiegato nel testo, l’ipotesi dell’IPCC del riscaldamento globale causato dall’uomo non ostacola questa previsione basata esclusivamente sull’attività eruttiva del sole. Gli estremi positivi eccezionali hanno una funzione simile a quella dei periodi eccezionalmente caldi come l’ottimo medievale e il periodo caldo moderno.

Due estremi negativi consecutivi che trasgrediscono la soglia indicano grandi minimi di tipo minimo di Maunder, mentre un singolo estremo al di sotto della soglia accompagna un evento di tipo minimo di Dalton. I grandi minimi in Fig. 11 sono indicati dai loro nomi. Il singolo estremo negativo intorno al 1170 è di tipo Dalton. In quel momento l’attività solare crollò, ma questa tregua non durò a lungo. Secondo Lamb (1977), che ha esaminato il record di isotopi di ossigeno dal nord della Groenlandia fornito da Dansgaard, alla fine del XII secolo si verificò un periodo di raffreddamento improvviso. Quindi chiamo questo minimo profondo di Gleissberg come lui.

La Fig. 11 mostra che anche l’attività solare di eccezionale intensità e i corrispondenti periodi caldi sulla Terra sono indicati dagli estremi di dT/dt. Ad esempio, l’Optimum Medievale è contrassegnato da una freccia. Va notato che l’ampiezza positiva eccezionale intorno al 1120 è maggiore delle ampiezze intorno al 1952 e 1984 che indicano i moderni massimi di Gleissberg legati al riscaldamento non così alto intorno al 1120 (Schönwiese, 1979). Maggiori dettagli su questa relazione verranno presentati altrove.

Senza eccezione, gli estremi negativi eccezionali coincidono con periodi di attività solare eccezionalmente debole e viceversa. Quindi ci sono buone ragioni per aspettarsi che il prossimo minimo di Gleissberg intorno al 2030 sarà profondo. Poiché ci sono tre estremi consecutivi al di sotto della soglia quantitativa, c’è un’alta probabilità che l’evento sia del tipo minimo di Maunder. Questo vale anche per il minimo intorno al 2201, mentre il minimo intorno al 2122 dovrebbe essere di tipo regolare, come si vede in Fig. 11.

È stato dimostrato che esiste una stretta relazione tra i minimi profondi di Gleissberg e il clima freddo. Quindi è alta la probabilità che i minimi eccezionali di Gleissberg intorno al 2030 e al 2201 accompagnino periodi di clima freddo paragonabili al nadir della Piccola Era Glaciale. Per quanto riguarda il minimo intorno al 2030, ci sono ulteriori indicazioni che ci si aspetta un raffreddamento globale invece del riscaldamento globale. La Pacific Decadal Oscillation (PDO) mostrerà valori negativi almeno fino al 2016 (Landscheidt, 2001), e La Niñas sarà più frequente e più forte di El Niños fino al 2018 (Landscheidt, 2000).

I risultati euristici derivati ​​dal ciclo di 166 anni non sono ancora corroborati da una catena dettagliata di causa ed effetto. I progressi in questo senso saranno difficili poiché le teorie dell’attività solare e del cambiamento climatico sono ancora in uno stadio rudimentale di sviluppo, sebbene ci siano progressi per quanto riguarda la spiegazione fisica delle speciali relazioni solare-terrestre (Haigh, 1996; Tinsley e Yu, 2002 ). Eppure la connessione con la dinamica del sistema solare, la lunghezza delle serie di dati coinvolte che coprono i millenni e le abili previsioni dell’attività solare e degli eventi climatici basate sullo stesso fondamento parlano per l’affidabilità della previsione dei prossimi minimi di Gleissberg e dei loro impatto.

L’ipotesi dell’IPCC sul riscaldamento causato dall’uomo non ostacola il raffreddamento globale

Non mi aspetto che gli effetti dei gas serra prodotti dall’uomo eliminino la predominanza del sole. Se questi effetti fossero stati così forti come pretende l’IPCC, le mie diverse previsioni climatiche, basate esclusivamente sull’attività solare, non avrebbero avuto alcuna possibilità di rivelarsi corrette. Ciò tanto più che coprono gli ultimi anni e decenni il cui riscaldamento, secondo le dichiarazioni dell’IPCC, non può essere spiegato con forzature naturali.

Le “trame della storia” dell’IPCC, lontane dalle previsioni praticate in altri campi della scienza, sono quasi esclusivamente supportate da modelli di circolazione generale (GCM). Questi modelli si basano sullo stesso tipo di equazioni differenziali non lineari che indussero Lorenz nel 1961 a riconoscere che le previsioni meteorologiche a lungo termine sono impossibili a causa dell’estrema sensibilità dell’atmosfera alle condizioni iniziali. Non è concepibile che l’“Effetto Farfalla” scompaia quando l’intervallo di previsione di pochi giorni viene esteso a decenni e secoli.

Alcuni climatologi ammettono che c’è un problema. Schönwiese (1994) osserva: “Di conseguenza dovremmo concludere che il cambiamento climatico non può essere previsto (dai GCM). È vero che i vari e complessi processi nell’atmosfera non possono essere previsti oltre il limite teorico di un mese tramite calcoli passo passo nei modelli di circolazione, né oggi, né in futuro. Eppure c’è la possibilità di una previsione condizionata. La condizione è che un fattore speciale all’interno della complessa relazione di causa ed effetto sia così forte da dominare chiaramente tutti gli altri fattori. Inoltre, il comportamento di quel singolo fattore causale dominante deve essere prevedibile con certezza o con un alto grado di probabilità”. Uno sguardo alla letteratura mostra che queste condizioni non sono soddisfatte. Inoltre, ci sono difficoltà tecniche e matematiche. Peixoto e Oort (1992) commentano appropriatamente: “L’integrazione di un modello completamente accoppiato che includa l’atmosfera, l’oceano, la terra e la criosfera con scale temporali interne molto diverse pone difficoltà quasi insormontabili nel raggiungere una soluzione finale, anche se tutti i processi interagenti erano completamente inteso.”

Quindi non c’è da meravigliarsi che le previsioni GCM convalidate siano una specie rara. L’ipotesi IPCC del riscaldamento globale richiede che le radiazioni a onde lunghe nello spazio siano ridotte a causa dell’accumulo di gas serra antropogenici. In realtà, i satelliti hanno osservato una tendenza all’aumento della radiazione tropicale a onde lunghe verso lo spazio negli ultimi due decenni (Wielicki et al., 2002). I GCM prevedono un maggiore aumento della temperatura con l’aumentare della distanza dall’equatore, ma le osservazioni non mostrano alcun cambiamento netto nelle regioni polari negli ultimi quattro decenni (Comiso, 2000; Przybylak, 2000; Venegas e Mysak, 2000). Secondo i dati più recenti, l’Antartide si è notevolmente raffreddata (Doran et al., 2002) invece di riscaldarsi.

La cosa più importante è una discrepanza tra la previsione GMC e l’osservazione per quanto riguarda l’evaporazione. Anche se le considerazioni teoriche dell’IPCC fossero corrette, la CO2 da sola potrebbe gestire solo circa 0,8°C di riscaldamento in più di un secolo. Questa piccola quantità di riscaldamento, tuttavia, aumenterebbe l’evaporazione in superficie e aumenterebbe la concentrazione di vapore acqueo, di gran lunga il gas serra più forte nell’atmosfera. Secondo i modelli climatici, questo feedback positivo causerebbe un riscaldamento molto maggiore rispetto alla CO2 e ad altri deboli gas serra da soli. Quindi è cruciale per l’ipotesi IPCC del riscaldamento globale che l’osservazione mostri una diminuzione dell’evaporazione nell’emisfero settentrionale negli ultimi 50 anni invece dell’aumento previsto (Roderick e Farquhar (2002).

Ci sono molti altri punti, ma andrebbero oltre la cornice di questo documento.

Veduta

Non abbiamo bisogno di aspettare fino al 2030 per vedere se la previsione del prossimo minimo profondo di Gleissberg è corretta. Una tendenza al calo dell’attività solare e della temperatura globale dovrebbe manifestarsi molto prima del punto più profondo dello sviluppo. L’attuale ciclo 23 delle macchie solari di 11 anni con la sua attività considerevolmente più debole sembra essere una prima indicazione della nuova tendenza, soprattutto perché è stato previsto sulla base dei cicli di movimento solare di due decenni fa. Per quanto riguarda la temperatura, solo i periodi di El Niño dovrebbero interrompere la tendenza al ribasso, ma anche El Niños dovrebbe diventare meno frequente e forte. Il risultato di questa ulteriore previsione climatica a lungo termine basata esclusivamente sull’attività solare può essere considerata una pietra di paragone dell’ipotesi dell’IPCC del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Referenze

Adler, N. O. de and Elías, A. G. (2000): Solar variability associated to ionospheric, stratospheric, and tropospheric parameters.
https://www.researchgate.net/publication/234437116_Solar_Variability_Associated_to_Ionospheric_Stratospheric_and_Tropospheric_Parameters In: Vázquez , M. and Schmieder, B, ed.: The solar cycle and terrestrial climate. European Space Agency, Special Publication 463, 509-512.
https://www.jstor.org/stable/43734562

Balachandran, N. K., Rind, D., and Shindell, D. T. (1999): Effects of solar cycle variability on the lower stratosphere. J. Geophys. Res. 104, 27321-27339.
https://pubs.giss.nasa.gov/docs/1999/1999_Balachandran_ba03000u.pdf

Baliunas, S. und Soon, W. (1995): Are variations in the length of the activity cycle related to changes in brightness in solar-type stars? Astrophys. J. 450, 896.
https://link.springer.com/article/10.1023/A:1026754803423

Beer, J. (2000): Polar ice as an archive for solar cycles and the terrestrial climate. In: Vázquez, M. and Schmieder, B, ed.: The solar cycle and terrestrial climate.
https://www.iac.es/system/files/documents/2019-09/GEN86.pdf
European Space Agency, Special Publication 463, 671-680.

Beer, J. and Joos, C. F. (1994): 10Be as an indicator of solar variability and climate. In: E. Nesme-Ribes, ed.: The solar engine and its influence on terrestrial atmosphere and climate. Berlin, Springer-Verlag, 221-233.
https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-3-642-79257-1_14

Berner, U. and Streif, H. J., ed. (2000): Klimafakten: Der Rückblick – Ein Schlüssel für die Zukunft. Stuttgart, E. Schweizerbart’sche Verlagsbuchhandlung.

Blizard, J. B. (1987): Long-range prediction of solar activity. In: Rampino, M. R., Sanders, J. E., Newman, W. S. und Königsson, L. K., eds.: Climate. History, Periodicity, and predictability. New York, van Nostrand Reinhold, 415-420.
https://journals.flvc.org/jcr/article/view/77751/75202

Bossolasco, M., Dagnino, I., Elena, A. und Flocchini, G. (1973): Thunderstorm activity and interplanetary magnetic field. Riv. Italiana Geofis. 22, 293.

Brier, G. W. (1979): Use of the difference equation methods for predicting sunspot numbers.
https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-94-009-9428-7_20
In: B. M. McCormac und T. A. Seliga, ed.: Solar-terrestrial influences on weather and climate. Dordrecht, Reidel, 209-214.
https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/030913338200600112

Brooks, C. E. P. (1926): The relations of solar and meteorological phenomena – A summary of the literature from 1914 to 1924. Paris, First Report of the Commission for the Study of Solar and Terrestrial Relationships, ICSU, 66-100.

Bucha, V. (1983): Direct relations between solar activity and atmospheric circulation. Studia geophysica et geodaetica 27, 19-45.
https://link.springer.com/article/10.1007%2FBF01630744

Butler, C. J. (1996): A two-century comparison of sunspot cycle length and temperature change – the evidence from Northern Ireland. In: ESEF The Global Warming Debate. Cambridge, European Sciencce and Environment Forum, 215-223.
https://www.cambridge.org/core/journals/polar-record/article/global-warming-debate-report-of-the-european-science-and-environment-forum-john-emsley-editor-1996-london-european-science-and-environment-forum-288-p-soft-cover-isbn-0952773406-1500-us2500-dm3500/B1D82DD7586B51AABE2403CBB16EDDA9

Cliver, E. W., Boriakoff, V., Feynman, J. (1998): Solar variability and climate change: Geomagnetic aa index and global surface temperature. Geophys. Res. Lett. 25, 1035-1038.
http://ruby.fgcu.edu/courses/twimberley/envirophilo/cliver.pdf

Cole, T. W. (1973): Periodicities in solar activity. Solar Phys. 30, 103-110.
https://link.springer.com/article/10.1007%2FBF00156178

Comiso, J. C. (2000): Variability and trends in Antarctic surface temperatures from in situ and satellite infrared measurements. J. Climate 13, 1674-1696.
https://journals.ametsoc.org/view/journals/clim/13/10/1520-0442_2000_013_1674_vatias_2.0.co_2.xml

Dicke, R. H.: The sun’s rotation and relativity. Nature 202 (1964), 432.
https://www.nature.com/articles/202432a0

Doran, P. D., Priscu, J. C., Lyons, W. B., Walsh, J. E., Fountain, A. G., McKnight, D. M., Moorhead, D. L., Virginia, R. A., Wall, D. H., Clow, G. D., Fritsen, C. H., McKay, C. P., and Parsons, A. N. (2002): Antarctic climate cooling and terrestrial ecosystem response. Nature 415, 517-520.
https://www.nature.com/articles/nature710

Eddy, J. A. (1977): Climate and the changing sun. Clim. Change 1, 173-190.
Egorova, L. Y., Vovk, V. Ya., and Troshichev, O. A. (2000): Influence of variations of cosmic rays on atmospheric pressure and temperature in the Southern pole region. J. Atmos. Solar-Terr. Phys. 62, 955-966.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1364682600000808?via%3Dihub

Fairbridge, R. W. and Shirley, J. H. (1987): Prolonged minima and the 179-year cycle of the solar inertial motion. Solar Physics 110, 191-220.
https://www.researchgate.net/publication/227136874_Prolonged_minima_and_the_179-yr_cycle_of_the_solar_inertial_motion

Friis-Christensen, E. and Lassen, K. (1991): Length of the solar cycle: an indicator of solar activity closely associated with climate. Science 254, 698-700.
https://www.researchgate.net/publication/6065360_Length_of_the_Solar_Cycle_An_Indicator_of_Solar_Activity_Closely_Associated_with_Climate

Gleissberg, W. (1958): The 80-year sunspot cycle. J. Brit. Astron. Ass. 68, 150.
http://www.virtualacademia.com/pdf/cli267_293.pdf

Haigh, J. D. (1996): On the impact of solar variability on climate. Nature 272, 981-984.
https://science.sciencemag.org/content/272/5264/981

Hartmann, R. (1972): Vorläufige Epochen der Maxima und Minima des 80-jährigen Sonnenfleckenzyklus. Veröff. Astr. Inst. Univ. Frankfurt 50, 118.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1973MitAG..34..116H/abstract

Herman, J. R. and Goldberg (1978): Sun, weather, and climate. New York, Dover Publications.
https://svalgaard.leif.org/EOS/SWC-Extract.pdf

Hodell, D. A., Brenner, M., Curtis, J. H., and Guilderson, T. (2001): Solar forcing of drought frequency in the Maya lowlands. Science 292, 1367-1370.
http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.586.6815&rep=rep1&type=pdf

Hoyt, D. V. (1979): Variations in sunspot structure and climate. Clim. Change 2, 79-92.
https://link.springer.com/article/10.1007/BF00138229

Hoyt, D. V. and Schatten, K. H. (1997): The role of the sun in climate change. New York-Oxford, Oxford University Press, 1997.
https://library.uniteddiversity.coop/Climate_Change/The_Role_of_the_Sun_in_Climate_Change.pdf

Joselyn, J. A. (1997): EOS. Trans. Geophys. Union 78, 210.
https://www.researchgate.net/journal/Eos-Transactions-American-Geophysical-Union-0096-3941

Juckett, D. A. (2000): Solar activity cycles, north/south asymmetries, and differential rotation associated with spin-orbit variations. Solar Phys. 191, 201.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0273117707007296

Labitzke, K. und van Loon, H. (1993): Some recent studies of probable connection between solar and atmospheric variability. Ann. Geophysicae 11, 1084.
https://www.scirp.org/pdf/IJAA_2016031617330253.pdf

Lamb, H. H. (1977): Climate: Present, past, and future. Vol. 2: Climatic history and the future. London, Methuen, p. 430.
https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/030913337800200313

Landscheidt, T.(1976): Beziehungen zwischen der Sonnenaktivität und dem Massenzentrum des Sonnensystems. Nachr. D. Olbersgesellschaft Bremen 100, 3-19.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1976NOGB..100….2L/abstract

Landscheidt, T. (1981): Swinging sun, 79-year cycle, and climatic change. J. interdiscipl. Cycle Res. 12, 3-19.
http://bourabai.kz/landscheidt/swinging.htm

Landscheidt, T. (1983): Solar oscillations, sunspot cycles, and climatic change.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1983wcrs.proc..293L/abstract
In: McCormac, B. M., ed.: Weather and climate responses to solar variations. Boulder, Associated University Press, 293-308.
https://www.researchgate.net/search?context=publicSearchHeader&q=McCormac%2C+B.+M.%2C+ed.%3A+Weather+and+climate+responses+to+solar+variations

Landscheidt, T. (1984): Cycles of solar flares and weather.
https://link.springer.com/chapter/10.1007%2F978-94-015-7692-5_47
In: Moerner, N.A. und Karlén, W., eds..: Climatic changes on a yearly to millenial basis. Dordrecht, D. Reidel, 475, 476.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1985IJCli…5..583./abstract

Landscheidt, T. (1986 a): Long-range forecast of energetic x-ray bursts based on cycles of flares.
https://www.researchgate.net/publication/234426085_Long-Range_Forecast_of_Energetic_X-Ray_Bursts_Based_on_Cycles_of_Flares
In: Simon, P. A., Heckman, G., and Shea, M. A., eds.: Solar-terrestrial
predictions. Proceedings of a workshop at Meudon, 18.-22. Juni 1984. Boulder, National Oceanic and Atmospheric Administration, 81-89.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1986stp..conf…..S/abstract

Landscheidt, T. (1986 b): Long-range forecast of sunspot cycles.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1986stp..conf…48L/abstract
In: Simon, P. A., Heckman, G. and Shea, M. A., eds.: Solar-terrestrial predictions. Proceedings of a workshop at Meudon, 18.-22. Juni 1984. Boulder, National Oceanic and Atmospheric Administration, 48-57.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1986stp..conf…..S/abstract

Landscheidt, T. (1987): Long-range forecasts of solar cycles and climate change. In: Rampino, M. R., Sanders, J. E., Newman, W. S. and Königsson, L. K., eds.: Climate.
History, Periodicity, and predictability. New York, van Nostrand Reinhold, 421-445.
https://www.springer.com/gp/book/9780442278663

Landscheidt, T. (1988): Solar rotation, impulses of the torque in the Sun’s motion, and climatic variation. Clim. Change 12, 265-295.
https://link.springer.com/article/10.1007/BF00139433

Landscheidt, T.(1990): Relationship between rainfall in the northern hemisphere and impulses of the torque in the Sun’s motion.
https://ntrs.nasa.gov/api/citations/19910003178/downloads/19910003178.pdf?attachment=true
In: K. H. Schatten and A. Arking, eds.: Climate impact of solar variability. Greenbelt, NASA, 259-266.

Landscheidt, T. (1995a): Global warming or Little Ice Age?
https://www.jstor.org/stable/25735664
In: Finkl, C. W., ed.: Holocene cycles. A Jubilee volume in celebration of the 80th birthday of Rhodes W. Fairbridge. Fort Lauderdale, The Coastal Education and Research Foundation (CERF), 371-382.
https://www.jstor.org/stable/25735617

Landscheidt, T. (1995b): Die kosmische Funktion des Goldenen Schnitts.
http://www.john-daly.com/theodor/co2new.htm
In: Richter, P. H., ed.: Sterne, Mond und Kometen. Bremen, Hauschild, 240-276.
http://www.john-daly.com/theodor/co2new.htm

Landscheidt, T. (1998 a): Forecast of global temperature, El Niño, and cloud coverage by astronomical means. In: Bate, R., ed.: Global Warming. The continuing debate. Cambridge, The European Science and Environment Forum (ESEF), 172-183.

Landscheidt, T. (1998 b): Solar activity – A dominant factor in climate dynamics.
http://www.john-daly.com/solar/solar.htm.

Landscheidt, T. (1999 a): Solar activity controls El Niño and La Niña.
http://www.john-daly.com/sun-enso/sun-enso.htm

Landscheidt, T. (1999 b): Extrema in sunspot cycle linked to Sun’s motion. Solar Physics 189, 413-424.
http://bourabai.kz/landscheidt/extrema.htm

Landscheidt, T. (2000 a): Solar forcing of El Niño and La Niña. In: Vázquez , M. and Schmieder, B, ed.: The solar cycle and terrestrial climate. European Space Agency, Special Publication 463, 135-140.
http://www.icecap.us/images/uploads/FORECASTING_SOLAR_CYCLE.pdf

Landscheidt, T. (2000 b): Solar wind near Earth: Indicator of variations in global temperature.
http://ruby.fgcu.edu/courses/twimberley/envirophilo/solarwind.pdf
In: Vázquez, M. and Schmieder, B, ed.: The solar cycle and terrestrial climate. European Space Agency, Special Publication 463, 497-500.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2000ESASP.463D..13V/abstract

Landscheidt, T. (2000 c): River Po discharges and cycles of solar activity. Hydrol. Sci. J. 45, 491-493.
http://john-daly.com/po.htm

Landscheidt, T. (2000 d): Sun’s role in the satellite-balloon-surface issue.
http://www.john-daly.com/solar/temps.htm.Landscheidt, T. (2000 e): New confirmation of strong solar forcing of climate.
http://www.john-daly.com/po.htm

Landscheidt, T. (2001 a): Solar eruptions linked to North Atlantic Oscillation.
http://www.john-daly.com/theodor/solarnao.htm

Landscheidt, T. (2001 b): Trends in Pacific Decadal Oscillation subjected to solar forcing.
http://www.john-daly.com/theodor/pdotrend.htm

Landscheidt, T. (2002): http://www.john-daly.com/theodor/new-enso.htm.

El Niño forecast revisited. http://www.john-daly.com/sun-enso/revisit.htm, T. und Wöhl, H. (1986): Solares Aktivitätsminimum erst 1989/90? Sterne und Weltraum, 584.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1986S%26W….25..584L/abstract

Lassen, K. and Friis-Christensen, E. (1995): Variability of the solar cycle length during the past five centuries and the apparent association with terrestrial climate. J. Atmos. Sol. Terr. Phys., 835.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/0021916994000886

Lau, K. M. and Weng, H. (1995): Climate signal detection using wavelet transform. Bull. Am. Meteorol. Soc. 76, 2391-2402.
https://journals.ametsoc.org/view/journals/bams/76/12/1520-0477_1995_076_2391_csduwt_2_0_co_2.xml

Lean, J., Beer, J., and Bradley, R. (1995): Reconstruction of solar irradiance since 1610: implications for climate change. Geophys. Res. Lett. 22, 3195-3198.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/95GL03093

Lockwood, R., Stamper, R., and Wild, M. N. (1999): A doubling of the Sun’s coronal magnetic field during the past 100 years. Nature 399, 437-439.
https://www.nature.com/articles/20867

Neubauer, L. (1983): Sudden stratospheric warmings correlated with sudden commencements and solar proton events.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1983wcrs.proc..395N/abstract
In: McCormac, B. M. (ed.), Weather and Climate Responses to Solar Variations. Colorado Associated University Press, Boulder, 395-397.
http://adsabs.harvard.edu/full/1984SSRv…38..182M

Markson, R. und Muir, M. (1980): Solar wind control of the earth’s electric field. Science 208, 979.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1980Sci…208..979M/abstract

Neff, U., Burns, S. J., Mangini, A., Mudelsee, M., Fleitmann, D., and Matter, A. (2001): Strong coherence between solar variability and the monsoon in Oman between 9 and 6 kyr ago. Nature 411, 290-293.
https://www.nature.com/articles/35077048

Pallé Bagó, E. and Butler, C. J. (2000): The influence of cosmic rays on terrestrial clouds and global warming. Astron. Geophys. 41, 4.18-4.22.
http://urly.it/3d_vt

Pang, K. D. and Yau, K. K. (2002): Ancient observations link changes in the sun’s brightness and erath’s climate. EOS, Transactions, American Geophysical Union 83, 481, 489-490.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/2002EO000336

Peixoto, J. P. and Oort, A. H. (1992): Physics of climate. New York, American Institute of Physics.
https://www.scirp.org/%28S%28351jmbntvnsjt1aadkposzje%29%29/reference/ReferencesPapers.aspx?ReferenceID=1549790

Prohaska, J. T., Willett, H. C. (1983): Dominant modes of relationships between temperature and geomagnetic activity.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1983wcrs.proc..489P/abstract
In: McCormac, B. M. (ed.), Weather and Climate Responses to Solar Variations. Colorado Associated University Press, Boulder, 489-494.
https://link.springer.com/chapter/10.1007/0-387-37625-9_2

Przybylak, R. (2000): Temporal and spatial variation of surface air temperature over the period of instrumental observations in the Arctic. Intern. J. Climatology 20, 587-614.
https://rmets.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/%28SICI%291097-0088%28200005%2920%3A6%3C587%3A%3AAID-JOC480%3E3.0.CO%3B2-H

Reid, G. C. (1997): Solar forcing of global climate change since the mid-17th century. Clim. Change 37, 391-405.
https://link.springer.com/article/10.1023/A:1005307009726

Reiter, R. (1983): Modification of the stratospheric ozone profile after acute solar events. In: McCormac, B. M., ed.: Weather and climate responses to solar variations. Boulder, Associated University Press, 95-116.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/1983wcrs.proc…..M/abstract

Roderick, M.L. and Farquhar, G. D. (2002): The cause of decreased pan evaporation over the past 50 years. Science 298, 1410.
https://science.sciencemag.org/content/298/5597/1410.full

Rozelot, J. P. (2001): Possible links between the solar radius variations and the Earth’s climate evolution over the past four centuries. J. Atmos. Sol. Terr. Phys. 63, 375-386.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1364682600002108?via%3Dihub

Scherhag, R., 1952: Die explosionsartigen Stratosphärenerwärmungen des Spätwinters 1951/52. Berichte des Deutschen Wetterdienstes der US-Zone Nr. 38,51.
https://gmao.gsfc.nasa.gov/researchhighlights/SSW/

Schönwiese, C. D. (1979): Klimaschwankungen. Berlin, Springer-Verlag, p. 79.
https://www.cambridge.org/core/journals/geological-magazine/article/abs/c-d-schonwiese-1979-klimaschwankungen-xii-181-pp-54-figs-14-tables-berlin-heidelberg-new-york-springerverlag-price-dm-1200-isbn-3-540-09635-3/DC68C8C2D6242D0A3C49E585D021F481

Schönwiese, C. D. (1994): Klima im Wandel. Hamburg, Rowohlt Taschenbuch Verlag, p.99.
https://www.amazon.de/Klima-im-Wandel-Christian-Dietrich-Sch%C3%B6nwiese/dp/3499195550

Schove, J. D. (1955): The sunspot cycle 649 BC to AD 2000. J. Geophys. Res. 60, 127.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/JZ060i002p00127

Schuurmans, C. J. E (1979).: Effects of solar flares on the atmospheric circulation.
https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-94-009-9428-7_11
In: B. M. McCormac und T. A. Seliga, ed.: Solar-terrestrial influences on weather and climate. Dordrecht, Reidel, 105.
https://www.springer.com/de/product-marketing-tool/flyer/9789027709783?downloadType=PRODUCTFLYER

Science editor’s comment, 2002: Areas to watch in 2003. Science 298, 2298.

Shindell, D., Rind, D., Balachandran, N., Lean, J., and Lonergan, P. (1999). Solar cycle variability, ozone, and climate. Science 284, 305-309.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10195893/

Simkin, T., Siebert., L., McClelland, L. Bridge, D., Newhall, C., and Latter, J. H. (1981): Volcanoes of the world. Stroudsburg, Hutchinson Ross.
https://volcano.si.edu/gvp_votw.cfm

Siscoe, G. L. (1978): Solar-terrestrial influences on weather and climate. Nature 276, 348-351.
https://www.nature.com/articles/276348a0

Soon, W. H., Posmentier, E. S., and Baliunas, S. L. (1996): Inference of solar irradiance variability from terrestrial temperature changes, 1880-1993. Astrophys. J. 472, 891-902.
https://iopscience.iop.org/article/10.1086/178119/pdf

Stuiver, M. and Quay, P. D. (1981): a 1600-year long record of solar change derived from 14 C levels. Solar Phys. 74, 479-481.
https://ui.adsabs.harvard.edu/link_gateway/1981SoPh…74..479S/ADS_PDF

Svensmark, H. and Friis-Christensen, E. (1997): Variation of cosmic ray flux and cloud coverage. J. Atmos. Terr. Phys. 59,1225-1232.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1364682697000011

Sýkora, J., Badalyan, O. G., and Obridko, V. N. (2000): Coronal holes, recorded from 1943 – A source of solar-induced terrestrial responses?
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2000ESASP.463…95S/abstract
In: Vázquez, M. and Schmieder, B, ed.: The solar cycle and terrestrial climate. European Space Agency, Special Publication 463, 95-100.
https://ui.adsabs.harvard.edu/abs/2000ESASP.463D..13V/abstract

Thejll, P. and Lassen, K. (2000): Solar Forcing of the Northern Hemisphere land air temperature: New data. J. Atm. Sol. Terr. Phys. 62, 1207-1213.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1364682600001048

Tinsley, B. A. (2000): Influence of the solar wind on the global electric circuit, and inferred effects on cloud microphysics, temperature, and the dynamics of the troposphere. Space Sci. Rev. 94, 231-258.
https://link.springer.com/article/10.1023/A:1026775408875

Tinsley, B. A. and Yu, F. (2002):Atmospheric ionisation and clouds as links between solar activity and climate.
https://www.megakastro.gr/weather_agro/Atmos_060302.pdf
In: AGU-monograph: Solar variability and its effects on the earth’s atmosphere and climate system.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/book/10.1029/GM141

Udelhofen, P. M. and Cess, R. (2001): Cloud cover variations over the United States: An influence of cosmic rays, or solar variability? Geophys. Res. Lett. 28, 2617-2620.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/2000GL012659

Van Geel, B., Raspopov, O. M., Rennsen, H., van der Pflicht, J., Dergachev, V. A., and Meijer, H. A. J. (1999): The role of solar forcing upon climate change. Quaternary Science Rev. 18, 331-338.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0277379198000882

Venegas, S. A. and Mysak, L. A. (2000): Is there a dominant timescale of natural climate variability in the Arctic? J. Climate 13, 3412-3434.
https://journals.ametsoc.org/view/journals/clim/13/19/1520-0442_2000_013_3412_itadto_2.0.co_2.xml

White, W. B., Lean, J., Cayan, D. R., and Dettinger, M. D. (1997): Response of global upper ocean temperature to changing solar irradiance. J. Geophys. Res. 102, 3255-3266.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/96JC03549

Wielicki, B. A., Wong, T., Allan, R. P., Slingo, A., Kiehl, J. T., Soden, B. J., Gordon, C. T., Miller, A. J., Yang, S. K., Randall, D. A., Robertson, F., Susskind, J., and Jacobowitz, H. (2002): Evidence of large decadal variability in the tropical mean radiative energy budget. Science 295, 841-844.
https://science.sciencemag.org/content/295/5556/841.full

Wigley, T. M. L. (1988): The climate of the past 10,000 years and the role of the sun.
In: Stephenson, F. R., Wolfendale, A. W. (eds.), Secular Solar and Geomagnetic Variations in the Last 10,000 Years. Kluwer, Dordrecht.
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0033589485710794?via%3Dihub

Yu, F. (2002): Altitude variations of cosmic ray induced production of aerosols: Implications for global cloudiness and climate. Geophys. Res. Lett. 107.
https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1029/2001JA000248



Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

2 pensieri riguardo “E se fosse una nuova piccola era glaciale invece del riscaldamento globale?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: