Elefanti in salotto (17)

L’illusione della democrazia: governo dei ricchi per i più ricchi

“La democrazia ha poco significato quando le grandi imprese governano la vita del Paese attraverso il controllo dei mezzi di produzione, scambio, trasporto e comunicazione, rafforzato dal comando della stampa, degli addetti stampa e di altri mezzi di pubblicità e propaganda”.

(John Dewey, Filosofo statunitense [1])

Diversi sistemi di governo sono stati sperimentati in diversi paesi nel corso degli anni, ma a volte si dice che la democrazia sia il metodo meno peggiore per gestire un paese.[2] Democrazia dovrebbe significare “governo del popolo”, in cui ognuno ha voce in capitolo su come viene gestito il proprio paese e ha una reale influenza sulle decisioni che influiscono sulla propria vita. In teoria, tutti hanno la stessa voce nella definizione della politica. C’è stato un periodo, tra il 1950 e il 1970 circa, in cui la democrazia in Gran Bretagna e negli Stati Uniti sembrava funzionare. In Gran Bretagna il governo ha creato il National Health Service. Gli Stati Uniti hanno compiuto progressi significativi con i diritti civili. Il divario tra ricchi e poveri (disuguaglianza) in entrambi i paesi è diminuito enormemente. Tuttavia, le persone benestanti e gli imprenditori non hanno gradito le tasse elevate, che hanno raggiunto il 98% nel Regno Unito, quindi hanno lavorato sodo dietro le quinte per cambiare le cose. Negli anni ’80 il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e il primo ministro britannico Margaret Thatcher iniziarono una tendenza che continua ancora. Hanno dato sempre più potere alle grandi aziende e hanno preso sempre meno tasse dai ricchi. La disuguaglianza in entrambi i paesi è tornata a livelli che non vedevamo dall’inizio del secolo scorso[3] e la vita per i poveri è diventata sempre più difficile. Questo post e il prossimo spiegheranno i principali problemi con la democrazia statunitense e britannica.

Cattura politica

In pratica, non è troppo difficile per le persone e le organizzazioni ricche e potenti creare un sistema che dia l’apparenza della democrazia ma che in realtà non dia molta voce alla gente comune. Avere un voto una volta ogni pochi anni non è una vera democrazia se i candidati sono troppo simili. Nel suo libro intitolato “Tragedia e speranza”, Carroll Quigley ha spiegato che ciò di cui l’America aveva bisogno era un sistema in cui:

“I due partiti dovrebbero essere quasi identici in modo che il popolo americano possa ‘cacciare i mascalzoni’ a qualsiasi elezione senza portare a cambiamenti profondi o estesi nella politica”[4]

Questa è stata chiamata “finta” (falsa) democrazia.[5] Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna ne sono un buon esempio. Gli Stati Uniti hanno i partiti democratico e repubblicano. La Gran Bretagna ha i partiti laburista e conservatore. Da alcuni anni vi sono state poche differenze sulle politiche chiave tra i due principali partiti in ciascun paese.[6] I partiti presumibilmente di sinistra si sono spostati sempre più a destra. Ciò significa che molte delle loro politiche sono destinate a beneficiare le grandi aziende e i ricchi. I partiti britannici divennero così simili che l’ex leader laburista, Tony Blair, e l’ex leader conservatore, David Cameron, furono descritti come cloni l’uno dell’altro.[7] Negli Stati Uniti, Wikileaks ha rilasciato e-mail che mostrano che la candidata alla presidenza dei Democratici, Hillary Clinton, è stata pagata oltre $ 600.000 per 3 discorsi ai banchieri di Goldman Sachs, spiegando che le sue vere politiche, a favore delle grandi imprese, e le sue dichiarazioni pubbliche, non sono le stesse.[8] Questa si chiama cattura politica.

In entrambi i paesi ci sono state anche poche differenze pratiche nella politica estera. In particolare, entrambe le parti in ciascun paese hanno commesso crimini di guerra. Il leader russo, Stalin, disse dopo la seconda guerra mondiale che il partito laburista era più conservatore dei conservatori quando si trattava di preservare gli interessi della classe dirigente britannica all’estero.[9] L’Iraq fu distrutto quando i laburisti erano al potere, la Libia fu distrutta quando i conservatori erano al potere. Negli Stati Uniti, un ex funzionario della National Security Agency ha paragonato il presidente americano Bush (repubblicano) e il suo staff alla famiglia mafiosa Corleone del film Il padrino.[10] Obama (Democratico) era altrettanto criminale e ha iniziato più guerre. Lo stesso vale per tutti i presidenti recenti, a prescindere dal partito da cui provengono. Persino il presidente Carter (democratico), che si pensava fosse molto più moderato riguardo all’intervento straniero, era presidente quando l’Afghanistan fu destabilizzato dalla CIA nel 1979, portando alla creazione di al-Qaeda (vedi post precedente sul terrorismo).

La portata della presa politica è diventata di recente più chiara, poiché le prove hanno dimostrato che le persone che gestiscono il Partito laburista britannico e le persone che gestiscono il Partito democratico statunitense hanno deliberatamente lavorato contro i politici che volevano una società più equa. Negli Stati Uniti hanno truccato le elezioni interne per assicurarsi che Bernie Sanders non diventasse il loro candidato alla presidenza. In Gran Bretagna, Jeremy Corbyn è diventato con successo il leader del Partito Laburista, ma gli addetti ai lavori lo hanno attivamente minato quando ha cercato di diventare Primo Ministro.

La forma di governo esistente negli Stati Uniti dovrebbe davvero essere chiamata plutocrazia, il che significa un paese governato dai ricchi. Lo stesso è vero, in misura leggermente minore, in Gran Bretagna. Vari commentatori hanno indicato che la forma estrema di capitalismo che abbiamo oggi, nota come neoliberismo, in cui la ricchezza eccessiva è concentrata in poche mani e i ricchi hanno un’influenza significativa sulla politica, è incompatibile con la democrazia genuina.[11]

Le aziende scrivono le nostre leggi

Molte leggi sono fortemente influenzate dalle grandi aziende. (Questo è stato discusso nel post precedente sul lobbismo). Alcune leggi sono persino scritte da avvocati aziendali. Come ha scritto un commentatore sugli Stati Uniti:

“La Monsanto scrive la politica agricola e alimentare; ExxonMobil scrive energia e politica estera e Goldman Sachs scrive la politica finanziaria per il governo federale”.[12]

Fino al 2016 si è tentato di creare quello che era noto come TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership).[13] Si trattava di un insieme di regolamenti immensamente potente creato da ea beneficio delle grandi aziende. Questo è stato descritto come un accordo commerciale, ma è più corretto chiamarlo un accordo sui diritti degli investitori. Una parte fondamentale del TTIP è che un’azienda internazionale potrebbe citare in giudizio un governo perché potrebbe perdere profitti in futuro a causa di nuove leggi. Il sistema aggirerebbe i sistemi legali esistenti e sarebbe ascoltato in un tribunale segreto fortemente prevenuto nei confronti delle società. L’effetto di ciò sarebbe impedire ai governi di introdurre una nuova legislazione per proteggere l’ambiente, i diritti dei lavoratori, gli standard di sicurezza o gli standard alimentari. La pressione pubblica ha fermato il TTIP, ma regole simili esistono già in alcuni accordi commerciali e hanno seriamente compromesso la capacità dei governi di regolamentare le società. I lobbisti aziendali continueranno a perseguire questo tipo di accordo, inteso a minare la democrazia.

Acquisizione normativa

Molti regolatori senior provengono dalle società che vengono regolamentate. Queste persone vedono il mondo dal punto di vista di quelle aziende. Nel 2008 c’è stata una crisi finanziaria globale. È apparso chiaro che le banche erano impegnate in una diffusa attività fraudolenta che creava una grave instabilità. I principali regolatori finanziari in Gran Bretagna e negli Stati Uniti non vedevano il loro ruolo di finanzieri corrotti “di polizia”. Hanno visto il loro ruolo come consentire ai finanzieri di raggiungere i loro obiettivi. Il governo aveva deliberatamente strutturato il regolatore in questo modo. Gli esperti del mondo degli affari hanno aiutato il governo a scrivere le leggi e i regolamenti in primo luogo. Questo è noto come acquisizione normativa. A seguito della crisi, era ampiamente previsto l’introduzione di nuove leggi per limitare le attività delle banche e di altre società finanziarie. Nonostante siano stati apportati alcuni cambiamenti, non sono state introdotte regole che potrebbero limitare seriamente la capacità delle banche di frodare tutti.

Negli Stati Uniti, fino al 2017, le società Internet erano regolamentate dalla Federal Communications Commission (FCC). Ci sono state critiche regolari nei confronti della FCC che fosse stata catturata dalle più grandi società che avrebbe dovuto regolamentare.[14] Quelle aziende hanno esercitato pressioni sui politici affinché cambiassero il sistema in modo che in futuro alcune parti della loro attività saranno regolate da un diverso regolatore che ha meno potere e meno esperienza rispetto alla FCC.[15] La Food and Drug Administration (FDA) statunitense è nota per non aver regolamentato adeguatamente le società farmaceutiche[16] e Donald Trump ha ristrutturato deliberatamente l’Agenzia per la protezione ambientale (FDA) per servire gli interessi delle aziende.[17]

Il ruolo propagandistico dei media nel perpetuare l’illusione della democrazia

Ci sono stati una serie di recenti scandali in Gran Bretagna in cui i contributori che facevano generose donazioni politiche hanno ricevuto onori, come Knighthoods.[18] I media lo hanno giustamente criticato. Tuttavia, questo è un buon esempio di come funziona la propaganda mediatica. Criticano un aspetto banale del sistema, ma non discutono i problemi molto più profondi dell’intero sistema politico, che è molto più importante dei cavalieri.

Qualsiasi osservatore della politica statunitense può vedere che i due partiti sono estremamente simili e che le elezioni negli Stati Uniti sono diventate una forma di teatro, dove i media trasformano le elezioni in uno spettacolo immenso che dura da anni, sapendo che c’è poca differenza tra i due principali parti sulle questioni chiave. Lo stesso vale ora in Gran Bretagna. I media mainstream svolgono un ruolo essenziale in 2 modi principali. In primo luogo, mantengono la farsa che viviamo in una democrazia genuina e raramente discutono i problemi del sistema spiegati in questi post. In secondo luogo, distruggono la reputazione di chiunque sfidi il sistema, come Jeremy Corbyn o il fondatore di Wikileaks Julian Assange, infangandoli ripetutamente.

Punti chiave
  • I due principali partiti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna sono solo varianti di un partito pro-guerra e pro-corporazioni
  • I partiti Labour (Regno Unito) e Democratico (USA) stanno ora lavorando attivamente contro i politici che vogliono una società più giusta

References

[1] John Dewey, cited in Werner A. Meier, ‘Media Ownership: Does It Matter?’ at
www.lirne.net/resources/netknowledge/meier.pdf

[2] This quotation is attributed to Winston Churchill, see discussion by J.K Baltzersen, ‘Churchill On Democracy Revisited’, Jan 24, 2005, at www.enterstageright.com/archive/articles/0105/0105churchilldem.htm

[3] Max Roser and Esteban Ortiz-Ospina, ‘Income Inequality’, Oct 2016, at
https://ourworldindata.org/income-inequality

[4] Carroll Quigley, ‘Tragedy and Hope: A History of the World in our Time’, quoted at
https://www.goodreads.com/author/quotes/386296.Carroll_Quigley

[5] Scott Timberg, 4 April 2015, Salon, at
https://www.salon.com/2015/04/04/how_the_1_percent_always_wins_we_live_in_a_faux_democracy_which_is_why_everyones_so_cynical_and_nobody_votes/

George Tyler, 2 Feb 2018, Democratic Audit UK, at
https://www.democraticaudit.com/2018/02/02/american-democracy-sold-to-the-highest-bidder/

[6] Noam Chomsky, Profit Over People
https://www.goodreads.com/book/show/62659.Profit_Over_People

[7] Armando Iannucci, ‘Time Trumpet’, “changes” video excerpt from showing similarities between Tony Blair and David Cameron at
https://www.youtube.com/watch?v=3yEi72XfNbA

[8] Chelsea Gilmour, ‘Clinton stalls on Goldman Sachs speeches’, 7 March 2016, at
https://consortiumnews.com/2016/03/07/clinton-stalls-on-goldman-sachs-speeches/

[9] Geoffrey Roberts, Stalin’s Wars: From World War To Cold War
https://yalebooks.yale.edu/book/9780300136227/stalins-wars

[10] Philip Golub, ‘The sun sets early on the American Century’, Le Monde Diplomatique, at
http://mondediplo.com/2007/10/04empire

[11] Noam Chomsky really existing capitalism talk
https://www.youtube.com/watch?v=_uuYjUxf6Uk

[12] Rob Urie, ‘Capitalism and the Illusion of Democracy’, Counterpunch, 24 April 2020, at
https://www.counterpunch.org/2020/04/24/capitalism-and-the-illusion-of-democracy/

[13] Corporate Europe Observatory, 11 April 2016
https://corporateeurope.org/en/international-trade/2016/04/eus-ttip-position-regulations-be-made-and-big-business
Clare Provost and Matt Kennard, The Guardian
https://www.theguardian.com/business/2015/jun/10/obscure-legal-system-lets-corportations-sue-states-ttip-icsid

[14] Brian Kushnick, ‘Regulatory capture of the FCC — Yime to Clean House’, Huffington Post, 25 March 2013, at
https://www.huffpost.com/entry/regulatory-capture-of-the_b_2936693

[15] Tom Wheeler, A goal realized: Network lobbyists sweeping capture of their regulator, Brookings, 14 Dec 2017, at
https://www.brookings.edu/blog/techtank/2017/12/14/a-goal-realized-network-lobbyists-sweeping-capture-of-their-regulator/

[16] Donald W. Light, Joel Lexchin and Jonathan J. Darrow, ‘Institutional Corruption of Pharmaceuticals and the Myth of Safe and Effective Drugs’, The Journal of Law, Medicine and Ethics, Vol. 41, Issue 3, 1 Oct 2013, at
https://journals.sagepub.com/doi/10.1111/jlme.12068

[17] Bryan Bowman, ‘Captured: How the Fossil Fuel Industry Took Control of the EPA’, TheGlobePost, 12 March 2019, at
https://theglobepost.com/2019/02/01/epa-regulatory-capture/

[18] http://en.wikipedia.org/wiki/Cash_for_peerages

FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: