Quindici sfumature di clima… la caduta dei dadi e l’effetto farfalla

di John Maunder

Alcune delle risposte alle complessità del sistema climatico sono fornite dal libro di John Maunder, di recente pubblicazione, Quindici sfumature di clima… la caduta dei dadi meteorologici e l’effetto farfalla.

Quelli che seguono sono estratti dalle pagine 203-207:

Il disastro meteorologico del 19° secolo – soprannominato “L’anno senza estate” – avvenne nel 1816, quando il clima in Europa e Nord America prese una svolta bizzarra che portò a diffusi fallimenti dei raccolti e carestia.

Il 10 aprile 1815, il monte Tambora in Indonesia ha prodotto la più grande eruzione conosciuta sul pianeta negli ultimi 10.000 anni. Il vulcano ha eruttato più di 50 chilometri cubi di magma. L’eruzione ha prodotto effetti climatici globali e ha ucciso più di 100.000 persone, direttamente e indirettamente. I flussi piroclastici hanno raggiunto il mare su tutti i lati della penisola e la pesante caduta di tefra ha devastato i terreni coltivati, causando circa 60.000 vittime. Interi villaggi furono sepolti sotto spessi depositi di pomice. Alcuni degli insediamenti sono stati recentemente riportati alla luce da scavi archeologici, creando un sito chiamato “Pompei dell’Indonesia”. Mentre il bilancio delle vittime delle persone che vivono a Sumbawa e nelle aree costiere circostanti è stato abbastanza alto, ancora più vittime possono essere attribuite a un effetto indiretto del deterioramento climatico globale dopo l’eruzione.

Questi cambiamenti trasformarono il 1816 in “L’anno senza estate” per gran parte dell’Europa, causando una carestia diffusa. Il motivo dei cambiamenti climatici è stato l’aumento dell’assorbimento della luce solare dovuto a un velo di aerosol disperso attorno a entrambi gli emisferi dalle correnti stratosferiche provenienti dall’alta colonna eruttiva. Le temperature globali sono scese di ben 3°C nel 1816.

Tempo senza precedenti nel 1816

“L’anno senza estate” è stato ben segnalato negli Stati Uniti e in Europa, come suggerisce la seguente descrizione.

Il tempo nel 1816 era senza precedenti. La primavera è arrivata ma poi tutto sembrava tornare indietro, con il ritorno del freddo. Il cielo sembrava costantemente coperto. La mancanza di luce solare è diventata così grave che gli agricoltori hanno perso i raccolti e sono state segnalate carenze alimentari in Irlanda, Francia, Inghilterra e Stati Uniti. In Virginia, Thomas Jefferson si ritirò dalla presidenza e l’agricoltura a Monticello subì i fallimenti dei raccolti che lo fecero indebitare ulteriormente.

Sarebbe passato più di un secolo prima che qualcuno capisse il motivo del singolare disastro climatico: l’eruzione di un enorme vulcano su un’isola remota nell’Oceano Indiano un anno prima aveva gettato enormi quantità di cenere vulcanica nell’atmosfera superiore.

Ma prima che se ne conoscesse la causa, in Svizzera, l’umida e lugubre estate del 1816 portò alla realizzazione di un’importante opera letteraria. Un gruppo di scrittori, tra cui Lord Byron, Percy Bysshe Shelley e la sua futura moglie, si sfidarono a scrivere storie oscure ispirate al clima cupo e freddo. Durante il tempo inclemente Mary Shelley scrisse il suo romanzo classico Frankenstein.

The Albany Advertiser ha continuato a proporre alcune teorie sul perché il tempo fosse così bizzarro.

La menzione delle macchie solari è interessante, poiché le macchie solari erano state viste dagli astronomi. La cosa affascinante è che l’articolo di giornale del 1816 propone che tali eventi dovrebbero essere studiati, in modo che le persone possano imparare cosa sta succedendo. Per esempio:

“Molti sembrano disposti ad addebitare le peculiarità della stagione, l’anno in corso, alle macchie del sole. Se la siccità della stagione è dipesa in qualche misura da quest’ultima causa, non ha funzionato in modo uniforme in luoghi diversi – le macchie sono state visibili in Europa, così come negli Stati Uniti e tuttavia in alcune parti d’Europa, come abbiamo hanno già notato, sono stati inzuppati di pioggia”.

“Senza impegnarsi a discutere, tanto meno a decidere, un argomento così dotto come questo, saremmo lieti se si prendesse la dovuta cura per accertare, di anno in anno, con regolari giornali del tempo, lo stato delle stagioni in questo paese e Europa, così come lo stato di salute generale in entrambi i quarti del globo. Riteniamo che i fatti possano essere raccolti, e il confronto effettuato, senza troppe difficoltà; e una volta fatto, sarebbe di grande vantaggio per i medici e la scienza medica”.

Rischi vulcanici

Oggi, nel 2021, sappiamo che i vulcani possono rappresentare molti pericoli. Un pericolo è che la cenere vulcanica può essere una minaccia per gli aerei a reazione, dove le particelle di cenere possono essere sciolte dall’elevata temperatura di esercizio. Le particelle fuse poi aderiscono alle pale della turbina e ne alterano la forma, interrompendo il funzionamento della turbina.

Le grandi eruzioni vulcaniche possono influenzare la temperatura, poiché la cenere e le goccioline di acido solforico oscurano il sole e raffreddano l’atmosfera inferiore della Terra, o troposfera. Tuttavia, assorbono anche il calore irradiato dalla Terra, riscaldando così l’alta atmosfera, o stratosfera. Storicamente, i cosiddetti inverni vulcanici hanno causato carestie catastrofiche.

Da Wood, Gillen D’Arcy, “1816, L’anno senza estate”. Gran Bretagna, rappresentazione e storia dell’Ottocento. Ed. Dino Franco Felluga. Estensione del romanticismo e del vittorianesimo in rete, leggiamo quanto segue:

“Essere vivi negli anni 1816-18, quasi ovunque nel mondo, significava essere affamati. In tutto il mondo durante il cosiddetto “Anno senza estate” – che è stato, in effetti, una crisi climatica di tre anni – i raccolti sono periti a causa del gelo e della siccità o sono stati spazzati via dalle piogge alluvionali. Gli abitanti dei villaggi del Vermont sopravvivevano mangiando ricci e ortiche bollite, mentre i contadini dello Yunnan in Cina succhiavano argilla bianca. I turisti estivi che viaggiano in Francia hanno scambiato i mendicanti che affollavano le strade per eserciti in marcia”.

“Le malattie legate alla carestia, il colera e il tifo, hanno invaso il mondo dall’India all’Italia, mentre il prezzo del pane e del riso, gli alimenti di base del mondo, è salito alle stelle senza alcun sollievo in vista. In un continente europeo devastato dalle guerre napoleoniche, decine di migliaia di veterani disoccupati si sono trovati nell’impossibilità di sfamare le loro famiglie. Hanno dato sfogo alla loro disperazione in rivolte nelle piazze cittadine e campagne di incendi dolosi in stile militare, mentre i governi di tutto il mondo temevano la rivoluzione. Nel New England, il 1816 fu soprannominato “Diciottocento e congelato a morte” mentre i tedeschi chiamarono il 1817 “L’anno del mendicante”. “

“Nella letteratura scientifica, la fredda estate del 1816 fu l’evento meteorologico più significativo del XIX secolo. Il periodo di emergenza climatica globale del 1816-18, nel suo insieme, ci offre una chiara finestra su un mondo convulso da anomalie meteorologiche, con comunità umane ovunque che lottano per adattarsi a cambiamenti improvvisi e radicali nei modelli meteorologici e a un conseguente tsunami di carestia , malattia, dislocazione e disordini”.

Aurore a sorpresa

Non c’erano aurore nelle previsioni del 10 luglio. Poi, inaspettatamente, si è aperta una “crepa” nel campo magnetico terrestre.

Ciò ha permesso al vento solare di precipitarsi e alimentare questo impressionante spettacolo:

[MaryBeth Kiczenski July 10, 2021]

L’immagine è stata catturata da MaryBeth Kiczenski mentre si trovava su una barca appena al largo di Pictured Rocks National Lakeshore nella penisola superiore del Michigan – e suggerisce ancora una volta la magnetosfera in costante declino del nostro pianeta mentre i suoi poli magnetici continuano la loro escursione.

Clicca sull’articolo seguente per ulteriori informazioni:

FONTE



Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

Grand Solar Minimum + Pole Shift

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter sta eliminando i follower e fa scherzi su tentativi di intromissione nel tentativo di bloccare l’account; mentre Facebook ha creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo e mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti documentati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: