La piramide del potere: Episodio 2 – Istituzioni Media

15 maggio 2021; articolo di Derrick Broze

Per molte persone, una delle prime cose che fanno al mattino è controllare le loro stazioni di notizie preferite, giornali, feed di social media e siti Web per essere informati sugli eventi importanti della giornata.

Più dettagli:
https://theconsciousresistance.com/the-pop/

Le persone di tutte le convinzioni politiche hanno il desiderio di essere informate sul mondo che li circonda e sugli argomenti a cui tengono. La persona media potrebbe credere che le centinaia di stazioni televisive, i milioni di siti Web e gli infiniti feed dei social media offrano una risorsa illimitata di informazioni fattuali e credibili che li terranno aggiornati sulle questioni importanti.

Tuttavia, come per il sistema educativo, ci sono molte preoccupazioni legate ai mass media e ai numerosi conflitti di interesse. Innanzitutto, iniziamo esaminando la storia della proprietà dei media negli Stati Uniti e nel mondo.

All’inizio degli anni ’80, circa 50 società controllavano la maggior parte dei media americani, tra cui riviste, libri, musica, giornali, studi cinematografici, stazioni radiofoniche e televisive. Entro un decennio quel numero sarebbe sceso a circa 25 e entro l’anno 2000, solo sei società avevano il controllo di circa il 90% dei media. A partire dal 2020, quel numero è sceso a 5 società. Queste società includono ATT, Disney, Comcast, Fox Corp e National Amusements. Molte delle precedenti grandi società di media sono state acquistate o fuse con una delle prime 5.

Comcast possiede NBC, Telemundo, MSNBC, CNBC, USA Network, Syfy, Oxygen, Bravo, lo studio cinematografico Universal Pictures, diversi studi di animazione e Universal Parks & Resorts.

Disney possiede Walt Disney Studios che include Pixar, Marvel Studios, LucasFilm e 20th Century Studios. Disney possiede anche ESPN e ABC News e reti.

Fox Corp possiede Fox, Fox New Channel, Fox Business, Fox Sports, mentre National Amusements possiede ViacomCBS che possiede Paramount Pictures, CBS Entertainment Network, Nickelodeon, BET, MTV, Comedy Central e varie reti internazionali.

ATT è la più grande azienda di media e intrattenimento al mondo in termini di entrate. La mega corporation possiede il gruppo WarnerMedia che ha risorse cinematografiche, televisive e via cavo, tra cui WarnerBros, HBO, Cartoon Network, Adult Swim, DC Entertainment, TBS, TNT e TruTv.

A livello globale, i grandi conglomerati dei media includono Bertelsmann, National Amusements (ViacomCBS), Sony Corporation, Hearst Communications, MGM Holdings Inc. e Grupo Globo in Sud America.

Ci sono anche importanti testate giornalistiche non di proprietà dei “big five”. Il New York Times è di proprietà della New York Times Corporation, di proprietà pubblica, mentre il Washington Post è di proprietà di Nash Holdings, una LLC di proprietà di Jeff Bezos di Amazon. La Hearst Publications, di proprietà della famiglia Hearst, possiede 24 giornali tra cui il San Francisco Chronicle e lo Houston Chronicle, nonché riviste, stazioni televisive e media via cavo e interattivi.

Rupert Murdoch è il co-presidente esecutivo di Fox Corporation ed è anche presidente di News Corp, che possiede il Wall Street Journal e altre pubblicazioni. Complessivamente, la sua famiglia controlla 120 giornali in cinque paesi. Il miliardario Michael Bloomberg è anche un magnate dei media di lunga data con Bloomberg LP e Bloomberg Media.

Donald Newhouse e suo fratello Samuel Newhouse hanno ereditato Advance Publications, una società di media privata che controlla giornali, riviste, TV via cavo e risorse di intrattenimento tra cui Discovery Channel, Reddit e Conde Nast, che pubblica riviste Wired, Vanity Fair, GQ, The New Yorker e Vogue. Diversi altri miliardari, tra cui il CEO di Comcast Brian Roberts e il presidente di Liberty Media John Malone, possiedono o controllano reti televisive via cavo potenti ma non focalizzate principalmente sulle notizie.

Un chiaro esempio di come il finanziamento da parte di miliardari e mega-corporazioni possa creare un conflitto di interessi è arrivato nel 2016 quando il New York Times ha pubblicato un articolo che criticava il potere che i miliardari esercitano sulle società dei media. Un investitore di media ultra-ricco non menzionato nella storia: il miliardario messicano Carlos Slim. All’epoca, Slim possedeva la più grande partecipazione individuale nel Times, ma non era menzionata. Slim ha venduto metà delle azioni nel 2017, ma rimane ancora il secondo maggiore azionista. Sebbene non ci siano prove chiare che Slim abbia giocato un ruolo nell’omissione della sua proprietà del Times, illustra la difficoltà che il lettore medio affronta nel valutare chi sta cercando di influenzare la propria visione del mondo.

È chiaro che il consolidamento dei media rappresenta un’opportunità per le aziende, gli azionisti, le famiglie e gli individui dietro i media di influenzare e modellare l’opinione pubblica. Questo è uno dei motivi per cui i media sono stati spesso chiamati “Il quarto potere”, una frase derivata dal tradizionale concetto europeo dei tre stati: il clero, la nobiltà e la gente comune. Il Quarto Potere rappresenta un “quarto potere” nella stampa e nei mezzi di informazione che hanno la capacità di sostenere e inquadrare questioni politiche.

Nel libro del 1988 Manufacturing Consent, il noto intellettuale e linguista Noam Chomsky e Edward S. Herman sostengono che i mass media degli Stati Uniti sono istituzioni efficaci e potenti che usano la “propaganda a sostegno del sistema” per influenzare il pubblico senza l’uso della coercizione. Lo chiamano il modello di comunicazione propagandistico.

(al minuto 1:35)

Nell’introduzione del libro del 2002, scrivono: “I media servono e fanno propaganda per conto dei potenti interessi sociali che li controllano e li finanziano. I rappresentanti di questi interessi hanno importanti programmi e principi che vogliono portare avanti e sono ben posizionati per modellare e limitare la politica dei media”.

Chomsky ha continuato a descrivere vari metodi che i media usano per influenzare l’opinione pubblica, anche per distrazione; gradualismo; rinviare le azioni a una data successiva che il pubblico potrebbe essere più accettabile; parlare al pubblico come bambini; suscitare le emozioni degli spettatori; mantenere il pubblico ignorante; promuovere le tendenze; incolpare il pubblico per i problemi; e comprendendo la psicologia di fondo delle masse.

Ben Bagdikian, [giornalista vincitore del premio Pulitzer, ex preside della Graduate School of Journalism all’Università di Berkeley e autore di The New Media Monopoly,] descrive i cinque giganti dei media come un “cartello” che esercita un’influenza sufficiente per cambiare la politica degli Stati Uniti e definire valori sociali.

“La Ford Motor Company e la General Motors non competono fino alla morte perché ognuna ha troppo da perdere in una rivalità del tutto o niente. Allo stesso modo, i principali media mantengono le loro relazioni simili a cartelli con differenze solo marginali tra loro, una relazione che li lascia tutti vivi e vegeti, ma lascia la maggior parte degli americani con scelte artificialmente ristrette nei loro media”.

Giornalismo della classe dirigente

Già nel 1973, i rapporti iniziarono a rivelare che la comunità dell’intelligence statunitense si stava infiltrando nei media stranieri e nazionali. Alla fine di novembre di quell’anno, il NY Times riferì che la CIA aveva circa tre dozzine di giornalisti americani che lavoravano all’estero come informatori sotto copertura, alcuni dei quali come agenti a tempo pieno. Nessuno dei nomi dei giornalisti è stato rivelato al pubblico.

Nel 1975, il Senato degli Stati Uniti organizzò il Comitato ristretto del Senato degli Stati Uniti per studiare le operazioni governative in relazione alle attività di intelligence, altrimenti noto come Comitato Church, dal nome del senatore dell’Idaho Frank Church che presiedeva il comitato. Church e il suo team sono stati incaricati di indagare sugli abusi da parte della Central Intelligence Agency (CIA), della National Security Agency (NSA), del Federal Bureau of Investigation (FBI) e dell’Internal Revenue Service (IRS). Le indagini del Church Committee sono note per aver rivelato molte attività illegali da parte della comunità dell’intelligence, inclusa la scoperta dell’Operazione SHAMROCK, in cui le principali società di telecomunicazioni hanno condiviso il loro traffico con la NSA dal 1945 ai primi anni ’70. C’è stata anche una discussione su un programma di freccette avvelenate che potrebbe causare un attacco di cuore a qualcuno. E, naturalmente, c’erano i famigerati documenti MK ULTRA che rivelavano gli sforzi della CIA per manipolare e controllare la mente umana.

Il Church Committee’s final report, pubblicato nell’aprile 1976, copriva anche i legami della CIA con i media sia stranieri che nazionali. Il rapporto menziona che gli agenti avevano seminato false storie sugli attivisti, tra cui Martin Luther King Jr. Il rapporto ha rilevato che la CIA ha mantenuto una rete di diverse centinaia di individui stranieri in tutto il mondo che forniscono intelligence per la CIA e, a volte, hanno tentato di influenzare l’opinione attraverso il uso di propaganda occulta. Questi individui forniscono alla CIA l’accesso diretto a molti giornali e periodici, servizi di stampa e agenzie di stampa, stazioni radiofoniche e televisive, editori di libri commerciali e altri media stranieri.

Negli Stati Uniti, la CIA ha stimato di avere circa 50 risorse che sono singoli giornalisti americani o dipendenti di organizzazioni dei media statunitensi. Il Comitato ha scoperto che più di una dozzina di testate giornalistiche e case editrici commerciali statunitensi in precedenza fornivano copertura per agenti della CIA all’estero. Alcune di queste organizzazioni non sapevano di aver fornito questa copertura.

In un’udienza del Comitato di intelligence della Camera nel 1975, il direttore della CIA William Colby fu interrogato sul fatto che l’agenzia avesse dipendenti nelle reti televisive e nei giornali. Colby ha rifiutato di rispondere e ha insistito per una “sessione esecutiva privata” per discutere i dettagli dell’accordo.

Nell’articolo del 28 gennaio 1976 La C.I.A. Legami ai giornalisti, il New York Times ha riportato:

“Una bozza di un rapporto della House Select Committee on Intelligence la scorsa settimana affermava che 11 ufficiali a tempo pieno della Central Intelligence Agency si spacciavano per giornalisti all’estero in relazione al loro lavoro di intelligence. Il rapporto afferma inoltre che fino al 1978 gli agenti dal vivo si sono posti come corrispondenti a tempo pieno con organizzazioni che hanno “un grande impatto sulle notizie generali”. Inoltre, afferma il rapporto, circa 15 testate giornalistiche avevano collaborato con la C.I.A. nel fornire “copertura” alla C.I.A. operatori”.

Il Times prosegue affermando che:

“La libertà di stampa qui è protetta dall’intrusione del governo ai sensi del Primo Emendamento alla Costituzione e quindi un lettore, spettatore o ascoltatore ha il diritto di aspettarsi che le notizie non siano inclinate per conformarsi a una posizione governativa.
Un agente che riferisce dall’estero agli Stati Uniti affronterebbe un compito impossibile nel separare la sua fedeltà al suo vero datore di lavoro, la CIA, da quella alla sua testata giornalistica e ai suoi lettori”
.

La C.I.A. si è formalmente rifiutato di rendere pubblici i nomi di cui le agenzie di stampa americane collaborano con la C.I.A., quali si sono lasciati usare come copertura e i nomi dei giornalisti che segretamente lavoravano per la C.I.A. Il Times ha anche notato che Sam Jaffe, un ex giornalista televisivo che ha ammesso di lavorare con l’FBI, ha accusato giornalisti popolari come Walter Cronkite della CBS di essere nella lista dei giornalisti pagati dalla CIA.

La manipolazione da parte della CIA dei media mainstream è diventata nota come “Operazione Mockingbird” nonostante il nome non sia mai stato effettivamente utilizzato dal governo.

(Risposta Corbett Mockingbird)

L’articolo di Carl Bernstein su Rolling Stone del 1977, The CIA and the Media, riportava che il rapporto tra la comunità dell’intelligence e i media mainstream era molto più esteso di quanto rivelato anche dal Church Committee. Bernstein ha affermato che il comitato ha effettivamente contribuito a coprire alcuni degli aspetti peggiori della partnership perché avrebbe rivelato “relazioni imbarazzanti negli anni ’50 e ’60 con alcune delle organizzazioni e degli individui più potenti del giornalismo americano”.

Bernstein ha riferito che dal 1950 al 1966, circa dieci dipendenti della CIA sono stati coperti dal NY Times in base ad accordi approvati dal defunto editore del giornale, Arthur Hays Sulzberger. Gli accordi di copertura facevano parte di una politica generale del Times per “fornire assistenza alla CIA quando possibile”. Inoltre, Sulzberger era un caro amico del direttore della CIA Allen Dulles.

Il resoconto di Bernstein mostrava anche che durante gli anni ’50 la CIA condusse un “programma di addestramento formale” per istruire i suoi agenti a fungere da giornalisti. “Questi erano i ragazzi che hanno attraversato i ranghi e gli è stato detto ‘Diventerai un giornalista’”, ha detto un funzionario della CIA a Bernstein. Bernstein ha anche riferito che l’ex direttore della CIA Allen Dulles e l’amico intimo Henry Luce, il fondatore delle riviste Time e Life, consentivano regolarmente ai membri del suo staff di lavorare per la CIA.

Diverse altre rivelazioni sono emerse nel 1977, tra cui Sig Mickelson, ex capo della CBS, che ammetteva di aver spesso lavorato con la comunità dell’intelligence negli anni ’50. Inoltre, il Times ha riferito che “come parte di una rete di propaganda globale gestita dall’agenzia”. Forse ancora più dannoso, William Colby ha ammesso che alcune reti americane hanno inconsapevolmente ripetuto false storie piantate dalla CIA.

La CIA ha affermato che la pratica di utilizzare giornalisti per distribuire storie era terminata nel 1973. Il Comitato ristretto per l’intelligence del Senato ha tenuto un’audizione sulla politica pubblica sul possibile uso da parte della CIA di giornalisti, clero o corpi di pace. L’allora direttore della CIA, John Deutch, voleva modificare i regolamenti che vietavano l’uso di giornalisti, clero e missionari e dei Peace Corps all’estero per svolgere operazioni di intelligence politica.

Un articolo del NY Times del febbraio 1996 rileva che Deutch è stato interrogato sui rapporti secondo cui la CIA aveva segretamente rinunciato ai regolamenti del 1977 in occasioni “straordinariamente rare” e aveva utilizzato la copertura giornalistica o dei media per attività di intelligence all’estero. I funzionari della CIA hanno rifiutato di riconoscere se anche i membri della leadership della chiesa sono stati utilizzati come risorse della CIA. È interessante notare che gli articoli del Times osservano che la controversia sull’uso da parte della CIA di “coperture non diplomatiche” è arrivata dopo le raccomandazioni di una “task force sponsorizzata dal Council on Foreign Relations”. La task force ha chiesto di porre fine alle “restrizioni legali e politiche” che limitavano l’uso da parte della CIA di coperture non diplomatiche come giornalisti e membri del clero.

La ragione per cui questa connessione è interessante è perché solo 3 anni prima, nel 1993, Richard Harwood, giornalista ed ex redattore del Washington Post, ha scritto un potente articolo intitolato Ruling Class Journalists, in cui delinea come i principali media aziendali americani servono il agenda della classe dirigente. Harwood non concentra la sua rubrica sulle agenzie di intelligence statunitensi che utilizzano i media per diffondere vari tipi di propaganda. Invece, Harwood discute la connessione tra i media americani e il Council on Foreign Relations.

Harwood scrive:

“Nei suoi 70 anni di storia, il trimestrale Foreign Affairs ha avuto solo cinque direttori. Il quinto, nominato di recente, è James Hoge, già editore del New York Daily News e prima ancora direttore del Chicago Sun-Times. Il trimestrale è pubblicato dal Council on Foreign Relations, i cui membri sono la cosa più vicina che abbiamo a un’istituzione dominante negli Stati Uniti.

Il presidente è un membro. Lo stesso vale per il suo segretario di Stato, il vicesegretario di Stato, tutti e cinque i sottosegretari, diversi vicesegretari e il consulente legale del dipartimento. Ne fanno parte il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente e il suo vice di lui. Ne fanno parte il direttore della Central Intelligence (come tutti i precedenti direttori) e il presidente del Foreign Intelligence Advisory Board”.

Nei capitoli successivi di questa serie ritorneremo sull’argomento del Council on Foreign Relations e su come anche le organizzazioni non governative, i think tank e le organizzazioni non profit svolgano un ruolo ne La piramide del potere.

Il punto è che i media di tutto il mondo non sono solo influenzati dai dollari e dagli interessi aziendali, ma sono spesso uno strumento per diffondere la propaganda della comunità di intelligence e promuovere l’agenda della classe dominante. Nonostante le promesse di porre fine alla collaborazione tra agenzie di spionaggio e giornalisti, di recente, nel 2014, la CIA è stata sorpresa a collaborare con un giornalista del LA Times.

L’ascesa dei media indipendenti

A causa dei consistenti fallimenti dei media aziendali e dell’evidente pregiudizio, il pubblico ha sviluppato una sete di servizi onesti e non filtrati che non si trovano spesso sulle reti televisive e radiofoniche. Internet ha contribuito ad accelerare l’ascesa di media “indipendenti” o “alternativi” in cui giornalisti cittadini, attivisti, reporter autodidatti e commentatori dei social media competono direttamente con i media aziendali. Internet ha anche visto il lancio di centinaia di migliaia di nuovi siti Web che non rientrano nella tradizionale gerarchia dei media. A metà degli anni 2000, con l’emergere di YouTube e di altri popolari social network, i media alternativi sono stati in grado di superare i media tradizionali e raggiungere le masse a un ritmo senza precedenti.

Entro il 2010, un ecosistema in crescita di siti Web, canali, podcast e reporter di media alternativi ha iniziato a materializzarsi. Alcuni organi di stampa hanno evitato lo sfarzo e il glamour dei media aziendali a favore di servizi trasmessi nei salotti e dalle strade. Altri punti vendita miravano a ricreare la professionalità del mainstream pur mantenendo la volontà di mettere in discussione tutti gli angoli.

Sfortunatamente, la natura decentralizzata di Internet è stata abbandonata a favore di istituzioni centralizzate che offrono motori di ricerca, social media e altri servizi Internet. La stragrande maggioranza del pubblico utilizza Google, Facebook e YouTube per conoscere il mondo che li circonda. Queste persone presumono erroneamente di vedere tutto ciò che è disponibile su Internet. Come spiegheremo nel dettaglio nel nostro prossimo capitolo sulla Big Tech, questo è tutt’altro che vero.

Dopo le elezioni presidenziali statunitensi del 2016, molti organi di stampa indipendenti e giornalisti di tutto lo spettro politico hanno dovuto affrontare un altro attacco sotto forma di meme “fake news”. Resa popolare per la prima volta da Donald Trump, l’etichetta di notizie false è stata rapidamente utilizzata per attaccare qualsiasi punto vendita che non ripetesse a pappagallo la versione tradizionale degli eventi intorno alle elezioni del 2016. Uno per uno, i siti web e le pagine dei media indipendenti sono stati etichettati come “notizie false” o “disinformazione russa” e successivamente cancellati da varie piattaforme di social media. Da quel momento, il panorama dei social media si è ulteriormente spostato, con l’uso di verificatori di fatti aziendali e il divieto totale di determinati argomenti.

Un altro modo in cui la Piramide del Potere mantiene l’influenza è attraverso l’acquisto e/o il finanziamento di società cosiddette “new media” che tentano di ritrarre se stesse come indipendenti e sono tipicamente commercializzate verso un pubblico più giovane. Nonostante la presentazione brillante e l’uso di una folla più giovane e diversificata come reporter, queste società sono semplicemente un rebranding della stessa propaganda distribuita dai miliardari, dalle corporazioni e dalle agenzie di intelligence. Alcune di queste società includono Vice Media, Vox Media e Buzzfeed.

I tentativi delle agenzie di intelligence di manipolare e influenzare l’opinione pubblica vanno oltre l’assunzione di giornalisti. Secondo uno dei documenti trapelati da Edward Snowden, il governo britannico mantiene un software per “Online Persona Management”. Il quartier generale delle comunicazioni del governo britannico (GCHQ) gestisce un’unità d’élite nota come Joint Threat Research Intelligence Group (JTRIG). I documenti delineano le tattiche impiegate dall’agenzia, compresi i modi per manipolare l’opinione pubblica, comprendere il pensiero e il comportamento umano e incoraggiare il conformismo. Uno dei rapporti del 2011 delinea le tattiche di JTRIG, incluso il caricamento di video di YouTube contenenti “comunicazioni persuasive”, l’avvio di gruppi Facebook e account Twitter e la creazione di false personalità e sostenitori online “per screditare, promuovere la sfiducia, dissuadere, scoraggiare, ritardare o interrompere”. L’unità ha utilizzato campagne sui social media per incoraggiare e promuovere l'”obbedienza” e il “conformismo”.

Sia l’intelligence britannica che la comunità dell’intelligence statunitense desiderano promuovere l’obbedienza e il conformismo all’interno del pubblico. Mirano a mantenere il pubblico propagandato, distratto, disinformato e in lotta tra di loro. I miliardari usano i loro media e i loro amici nel governo per mantenere il pubblico beatamente all’oscuro dei loro sforzi per ottenere potere e ricchezza.

Per fortuna, ci sono soluzioni.

Anche con la censura e l’eliminazione totale di giornalisti e testate di media alternativi, ci sono alcune soluzioni disponibili. Tanto per cominciare, sempre più giornalisti tradizionali scelgono di lasciarsi alle spalle il mondo aziendale e di unirsi ai media indipendenti nell’interesse di riportare giornalismo di fatto e investigativo. L’ultimo decennio ha visto Amber Lyon lasciare la CNN, Sharyl Attkisson lasciare la CBS, Glenn Greenwald lasciare The Guardian per The Intercept e poi lasciare The Intercept per diventare completamente indipendente. Un altro giornalista mainstream diventato reporter indipendente è Ben Swann, un ex conduttore della CBS Atlanta che ha lasciato dopo aver affrontato la censura per i suoi servizi.

Di recente ho parlato con Ben Swann di quelli che vede come i fallimenti del MSM, inclusa l’idea che i giornalisti non possano avere opinioni.

Swann e altri ex giornalisti mainstream non hanno solo abbandonato i media tradizionali. Molti hanno iniziato a utilizzare piattaforme e siti Web di social media alternativi per trasmettere i loro report e articoli video. Glenn Greenwald e il giornalista Matt Taibi hanno iniziato a utilizzare il servizio indipendente SubStack per pubblicare i loro servizi, mentre Swann ha lanciato il suo servizio video, Ise.Media, per raccontare liberamente senza essere censurato dalle società di social media e dai motori di ricerca.

Inoltre, ci sono una serie di siti di social media alternativi e piattaforme di hosting video che hanno iniziato a offrire un’esperienza senza censura per coloro che desiderano un social media e una piattaforma di notizie non filtrati. Siti come Bitchute, LBRY, Minds, Flote e Hive offrono ai creatori di contenuti opzioni per superare il dominio dei media mainstream.

In qualità di consumatori dei media, abbiamo l’opportunità di supportare siti Web e piattaforme che forniscono una copertura equa di eventi importanti. Come ha notato Ben Swann, questo non significa che i media non abbiano opinioni o pregiudizi. Piuttosto, è l’aspettativa che i media si fidino dello spettatore per consumare contenuti da una vasta gamma di opinioni e punti di vista e prendere una decisione.

La risposta è che ognuno di noi prenda una decisione consapevole di staccare la spina dalle reti di propaganda statali e dalle piattaforme online che tentano di prendere una decisione per te. La risposta è sostenere le organizzazioni di media indipendenti e i giornalisti che svolgono il lavoro vitale di sezionare il mondo che ci circonda e presentare i fatti al pubblico. Solo scegliendo consapevolmente di supportare veri media indipendenti che non siano finanziati da miliardari, corporazioni e agenzie di spionaggio, possiamo sperare di preservare un media libero che dia potere ed educare il pubblico.

Per saperne di più sul controllo e la manipolazione dei media, ti consigliamo di leggere:

theconsciousresistance


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: