Le ramificazioni genocide della cospirazione criminale COVID

Source: February 03, 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [Fact Checked]

I repubblicani del Comitato di sorveglianza della Camera hanno recentemente pubblicato il contenuto delle e-mail inviate tra il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), il suo capo, l’allora direttore del National Institutes of Health, il dottor Francis Collins nel 2020.

La storia in breve
  • I repubblicani del Comitato di sorveglianza della Camera hanno recentemente pubblicato il contenuto delle e-mail inviate tra il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), e il suo capo, l’allora direttore del National Institutes of Health, il dottor Francis Collins nel 2020
  • Le e-mail mostrano che Fauci e Collins hanno rapidamente accettato di sopprimere la teoria secondo cui SARS-CoV-2 proveniva da un laboratorio. Mentre restano dubbi sulle intenzioni, sembra che questa decisione sia stata presa per ragioni politiche
  • Sir Jeremy Farrar, direttore del Wellcome Trust di Londra, che ha anche contribuito a promuovere la narrativa secondo cui la teoria della perdita di laboratorio non era altro che una teoria della cospirazione selvaggia, ha pubblicamente sottolineato di temere che l’allora presidente Trump potesse usare le prove di una perdita di laboratorio per iniziare una guerra contro la Cina
  • Le domande di sovvenzione dell’EcoHealth Alliance al NIAID rivelano che gli Stati Uniti stavano finanziando proprio la ricerca che avrebbe potuto portare a questo nuovo virus. Alcune di queste ricerche sono state persino condotte nel laboratorio di Wuhan, in Cina
  • Sembra che l’establishment scientifico coprirà la Cina, a qualunque costo, per paura di essere definanziato e/o di perdere credibilità scientifica e reputazione. La volontà delle autorità statunitensi di nascondere l’origine di SARS-CoV-2 significa che i paesi possono ora attaccarci con armi biologiche a tempo indeterminato, in piena impunità
Bret Baier: New internal documents reveal COVID origins downplayed

I repubblicani del Comitato di sorveglianza della Camera hanno recentemente pubblicato il contenuto delle e-mail inviate tra il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), il suo capo, l’allora direttore del National Institutes of Health, il dottor Francis Collins nel 2020.

Il 1° febbraio 2020, Fauci, Collins e altri 11 scienziati si sono uniti a una teleconferenza convocata da Sir Jeremy Farrar, direttore del Wellcome Trust a Londra, durante la quale è stato detto loro che il virus sembrava essere trapelato dal Wuhan Institute of Virology (WIV) a Wuhan, in Cina, e che potrebbe essere stato geneticamente modificato.

Le e-mail mostrano che Fauci e Collins hanno accettato rapidamente e all’unanimità di sopprimere questa prova e annullare chiunque promuova la teoria della perdita di laboratorio. Mentre restano dubbi sulle intenzioni, sembra che questa decisione sia stata presa per ragioni politiche e non scientifiche.

Da un lato, sembra che non volessero inasprire le relazioni con la Cina, e dall’altro, potrebbero aver temuto cosa sarebbe potuto succedere se la loro stessa ricerca sul guadagno di funzione, svolta al WIV, fosse stata collegata al nuovo virus.


La cospirazione dell’origine del COVID

Come riportato da Nicholas Wade, scrivendo per il City Journal, 23 gennaio 2022:1

“Dal momento in cui è scoppiata la pandemia di COVID-19 nella città di Wuhan, l’istituto di ricerca medica di Washington e Londra ha insistito sul fatto che il virus fosse emerso naturalmente. Solo i teorici della cospirazione, hanno detto, darebbero credito all’idea che il virus sia sfuggito al Wuhan Institute of Virology.

Ora una serie di e-mail portate alla luce… sta facendo sembrare sempre più probabile che ci fosse, in effetti, una cospirazione, il cui scopo era sopprimere l’idea che il virus fosse emerso da una ricerca finanziata dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive ( NIAID), guidato da Anthony Fauci.

Le ultime e-mail non dimostrano una tale cospirazione, ma la rendono più plausibile, per due motivi: perché gli esperti virologi ivi presentano un argomento così forte per pensare che il virus avesse caratteristiche fabbricate in laboratorio e per la reazione del tutto politica a questa bomba da parte di Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health.

Nel suo articolo, Wade ripercorre la catena di eventi, ricreata in parte utilizzando le e-mail rilasciate. Il giorno prima della teleconferenza del 1° febbraio, quattro virologi guidati da Kristian G. Andersen dello Scripps Research Institute hanno inviato un’e-mail a Fauci sulla sequenza genomica del virus, che era stata pubblicata tre settimane prima.

Secondo Andersen, il genoma era “incoerente con le aspettative della teoria evolutiva”. Andersen e i suoi tre collaboratori, Edward C. Holmes dell’Università di Sydney, Robert F. Garry della Tulane University e Michael Farzan della Scripps Research, hanno concordato all’unanimità che il virus non era naturale e potrebbe essere scappato da un laboratorio. Wade scrive:2

“… i virologi avevano pochi dubbi sul fatto che il virus portasse le impronte digitali della manipolazione. Il fulcro della loro attenzione era un elemento genetico chiamato sito di scissione della furina. Questo breve frammento di materiale genetico è ciò che rende il virus così contagioso per le cellule umane.

Gli scienziati a volte aggiungono questo elemento ai virus di laboratorio per renderli più virulenti, ma in natura i virus di solito acquisiscono tracce di materiale genetico come questo scambiandoli con altri membri della loro famiglia.

Il sito di scissione della furina nel virus COVID sporge come un pollice dolorante perché nessun altro membro noto della sua famiglia – un gruppo chiamato Sarbecovirus – possiede un sito di scissione della furina. Quindi, come l’ha acquisito il virus?

Un membro del gruppo Andersen, Garry della Tulane University, osserva nelle ultime e-mail sul fatto che il sito di scissione della furina inserito, una stringa di 12 unità di RNA, il materiale genetico del virus, era esattamente della lunghezza richiesta, una precisione insolita in natura:

‘Non riesco proprio a capire come questo venga realizzato in natura… è sbalorditivo. Naturalmente, in laboratorio sarebbe facile generare il perfetto inserto a 12 basi che volevi.'”

Nel suo libro del 2021, “Spike: The Virus Versus the People”, Farrar ammette di preoccuparsi per le ricadute politiche se questi risultati preliminari fossero veri.

“Con le relazioni statunitensi estremamente tese e un presidente americano imprevedibile determinato a vedere una minaccia biologica attraverso la lente distorta del nazionalismo, non sembrava troppo melodrammatico chiedersi se un virus ingegnerizzato, trapelato accidentalmente o rilasciato intenzionalmente, potesse essere il tipo di cosa per cui i paesi potrebbero entrare in guerra”, ha scritto.3


Una bugia per prevenire la guerra?

Tre giorni dopo la teleconferenza di Farrar, il 4 febbraio 2020, Andersen ha improvvisamente cambiato tono. In un’e-mail, ha deriso le idee “pazzo” che “si riferiscono a questo virus in qualche modo progettato con l’intento”.

Lo stesso giorno, Farrar inviò a Fauci una bozza di un documento firmato da Andersen, Garry, Holmes e altri due colleghi, Andrew Rambaut e Ian Lipkin. Il documento, “The Proximal Origin of SARS-CoV-2”,4 è stato pubblicato nella sua forma finale a metà marzo 2020. In esso, hanno respinto categoricamente la teoria della perdita di laboratorio e hanno insistito sul fatto che il virus avesse un’origine naturale.

Ora, anche se Andersen era convinto che non ci fossero cattive intenzioni coinvolte, perché ha scartato le prove che inizialmente lo avevano convinto che il virus doveva essere ingegnerizzato?

Farrar, nel suo libro, afferma che i timori di una fuga di dati dal laboratorio sono stati soppressi solo dopo un’analisi approfondita e l’emergere di nuovi dati,5 ma la corrispondenza e-mail non sembra adattarsi a questa narrazione, a meno che non si creda che un’indagine scientifica approfondita possa essere ben confezionata in tre giorni.

Comunque sia, con l’articolo “The Proximal Origin”, la stampa mainstream ha avuto le munizioni necessarie per “sfatare” affermazioni sull’ingegneria genetica e/o un rilascio di laboratorio.

Farrar ha anche firmato una lettera aperta su The Lancet, denunciando la teoria della perdita di laboratorio come teoria della cospirazione infondata. Insieme, queste due “dichiarazioni di consenso scientifico” sono state, per oltre un anno, utilizzate per mettere a tacere la discussione su una perdita di laboratorio.


Politica, non scienza, in gioco

Come Farrar, anche Collins e Fauci erano più preoccupati per le ramificazioni politiche che per la verità scientifica stessa. Il 2 febbraio 2020, dopo essere stato detto a bruciapelo che il virus sembrava fabbricato e probabilmente sfuggito al WIV, Collins si è lamentato del fatto che “voci di cospirazione” potrebbero causare “un grande potenziale danno alla scienza e all’armonia internazionale”.

Anche dopo la pubblicazione della dichiarazione sull’origine naturale di Andersen, Collins era ancora preoccupato per il fatto che la teoria delle perdite di laboratorio non sarebbe andata via. “Chiedendo se c’è qualcosa che i NIH possono fare per aiutare a reprimere questa cospirazione molto distruttiva”, ha chiesto a Fauci in un’e-mail del 16 aprile 2020. Fauci gli ha detto di ignorarlo, dicendo che alla fine sarebbe svanito.

Il problema era che i dati emergenti continuavano a indicare l’ingegneria genetica e una perdita di laboratorio, quindi la teoria non sarebbe rimasta sepolta. Peggio ancora, le domande di sovvenzione dell’EcoHealth Alliance al NIAID rivelano che gli Stati Uniti stavano in realtà finanziando la ricerca stessa che avrebbe potuto portare a questo nuovo virus.

Le persone coinvolte sostengono ancora che la scienza, non la politica, ha diretto le loro azioni,6 ma l’evidenza racconta una storia diversa. Come si può spiegare come le preoccupazioni iniziali sull’ingegneria genetica in tre giorni si siano spostate su un solido consenso sul fatto che avessimo a che fare con l’evoluzione naturale?

Allo stesso tempo, Farrar, nel suo libro, fa un grosso problema riguardo ai suoi timori che l’allora presidente Trump stesse “cercando di incolpare il virus della Cina” e che potesse abusare delle prove di una perdita di laboratorio per iniziare una guerra.7

Eppure ci viene chiesto di credere che questa presunta paura della guerra non abbia avuto alcun ruolo e che la scienza possa davvero cambiare in un centesimo ed essere risolta nel giro di pochi giorni. No, semmai, ciò che questo ci dice è che l’establishment scientifico coprirà la Cina, a qualunque costo, per paura di essere definanziato e/o di perdere credibilità scientifica e reputazione.

La volontà delle autorità statunitensi di nascondere l’origine di SARS-CoV-2 significa che i paesi possono ora attaccarci con armi biologiche a tempo indeterminato, in piena impunità.

Senza dubbio, i ricercatori coinvolti in pericolose ricerche sul guadagno di funzione vogliono continuare il loro lavoro, ancora una volta, indipendentemente dal costo per l’umanità. Come notato da Wade:8

“Il ripudio da parte di Andersen, Garry e Holmes della loro conclusione originale, espressa nell’e-mail del 31 gennaio 2020, è stato di enorme beneficio per Collins e Fauci.

Sebbene la responsabilità primaria di qualsiasi perdita di laboratorio ricada su Shi presso il Wuhan Institute of Virology e sulle autorità di regolamentazione cinesi, Collins e Fauci potrebbero condividere una parte della colpa per aver finanziato la ricerca sul guadagno di funzione nonostante i suoi ovvi rischi e quindi non essere riusciti a assicurarsi che i beneficiari delle sovvenzioni adottassero tutte le precauzioni necessarie”.

Il risultato finale di tutto questo potrebbe essere altrettanto negativo o peggiore di una guerra cinetica aperta. La volontà delle autorità statunitensi di nascondere l’origine di SARS-CoV-2 significa che i paesi possono ora attaccarci con armi biologiche a tempo indeterminato, in piena impunità.

“Se c’era davvero una cospirazione sull’origine di SARS-CoV-2, il Congresso dovrebbe cercarla”, scrive Wade.9 “In primo luogo, nei registri ancora chiusi del National Institutes of Health e dell’EcoHealth Alliance. Il Congresso deve quindi chiedere agli scienziati liberi da pressioni o conflitti esterni di rivalutare la probabile origine di un virus che ora ha ucciso circa 5 milioni di persone in tutto il mondo”.


Non tutti gli scienziati sono affidabili

Nelle notizie correlate, il giornalista Paul Thacker si è recentemente tuffato in un altro esempio di scienza andata storta:10

“Perché le persone non ‘si fidano della scienza’?” chiede Thacker. “Perché, come tutte le persone, gli scienziati non sono sempre affidabili … A volte sembra che i ricercatori si stiano sforzando di dare alle persone ragioni per dubitare della scienza nell’era del COVID.

Nell’esempio più recente, il DisInformation Chronicle ha scoperto che, in uno degli articoli di riviste scientifiche più letti del 2020, i ricercatori hanno scritto che si trattava di una “teoria del complotto” affermare che la pandemia di COVID-19 potrebbe essere iniziata da un incidente di laboratorio in Cina.

Tuttavia, hanno violato l’etica editoriale non rivelando che l’articolo era stato segretamente modificato da due scienziati la cui ricerca di laboratorio coinvolge l’ingegneria genetica dei coronavirus.

Il commento intitolato “Nessuna prova credibile a supporto delle affermazioni dell’ingegneria di laboratorio di SARS-CoV-2”11 è apparso sulla rivista Emerging Microbes & Infections, pubblicata da Taylor e Francis. Gli autori sembrano anche aver aggirato il normale processo di revisione tra pari, secondo le e-mail12 rese pubbliche da US Right to Know.13

Come riportato da Thacker, il commento è stato curato nientemeno che da Shi Zhengli del WIV e da Ralph Baric, Ph.D., dell’Università della Carolina del Nord, i quali hanno entrambi condotto il tipo di rischioso guadagno di funzione esperimenti sui coronavirus che si pensa abbiano portato a SARS-CoV-2.

Baric ha chiesto specificamente di non essere citato per aver commentato l’articolo prima della presentazione, il che è una violazione diretta della politica di paternità di Taylor e Francis. Né i nomi di Baric né Zhengli compaiono nell’articolo finale. Sono state omesse anche le fonti di finanziamento.


Attenti al complesso industriale dei vaccini

La questione se possiamo semplicemente “fidarci nella scienza” diventa ancora più pertinente alla luce dell’ascesa del “complesso industriale dei vaccini”, in cui i dirigenti delle società di vaccini si infiltrano nelle posizioni del governo e viceversa.

In un articolo14 del 16 febbraio 2021 sul Singapore Business Times, il preside associato della California Western Law School, James Cooper, avverte del potenziale sviluppo di una porta girevole tra il governo e l’industria dei vaccini sulla scia del COVID-19. Se me lo chiedi, quella porta girevole esiste già da molti anni.

Cooper cita il famoso discorso militare-industriale dell’ex presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower, in cui metteva in guardia contro la natura insidiosa delle relazioni tra il governo e i fornitori di armi. Cooper teme che lo stesso tipo di relazione insidiosa stia prendendo forma con Big Pharma, dove la scienza finisce per giocare in secondo piano rispetto ai profitti.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, un forte complesso militare-industriale ha assicurato enormi profitti ai fornitori di armi nei programmi di appalti pubblici e prolungati conflitti armati in tutto il mondo. Lo stesso potrebbe essere possibile per le soluzioni mediche preventive alla pandemia?

chiede Cooper.

“Dopotutto, al fine di mantenere le attuali valutazioni di cui godono le aziende che producono vaccini e test diagnostici correlati al COVID, la pandemia dovrà diventare perpetua…

Le conseguenze indesiderate della creazione di un’industria dei vaccini multimiliardaria che non esisteva solo un anno fa non dovrebbero essere ignorate. Nella precedente amministrazione degli Stati Uniti, sono emerse preoccupazioni sul fatto che la politica stesse spiazzando la scienza.
C’è il rischio che la scienza possa passare in secondo piano rispetto all’economia: di fronte al potenziale di ricompense finanziarie ancora maggiori, studi randomizzati controllati e studi peer-reviewed possono rivelarsi ripensamenti.

Per citare il signor Eisenhower alla fine del suo discorso: “Nei consigli di governo, dobbiamo guardarci dall’acquisizione di un’influenza ingiustificata, ricercata o meno, da parte del complesso militare-industriale. Il potenziale per la disastrosa ascesa del potere fuori luogo esiste e persisterà.’”

In effetti, è improbabile che le aziende farmaceutiche lascino andare volontariamente l’industria dell’mRNA a cui è stato permesso di emergere prematuramente grazie alla presunta emergenza del COVID-19. Nuovi virus e nuovi vaccini sono il proverbiale lucchetto e la chiave della più grande e pericolosa frode finanziaria che il mondo abbia mai conosciuto.

Il risultato finale di questo complesso industriale di vaccini è l’ascesa di un totalitarismo mondiale e di un genocidio globale. Mai prima d’ora è stato così importante esaminare attentamente i nostri leader di governo per accertare la loro vera lealtà.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non costituiscono un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista sanitario qualificato. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti basati su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Le ramificazioni genocide della cospirazione criminale COVID"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: