Gli inglesi preparati per i blackout invernali

Source: ; by Cap Allon

  • La neve cade nella catena dello Stirling mentre l’esplosione antartica spazza l’Australia occidentale;
  • “Boomer Season” mantiene aperti i campi da sci della Nuova Zelanda per una settimana in più;
  • Gli inglesi preparati per i blackout invernali, il governo elabora un piano di emergenza

La neve cade nella catena dello Stirling mentre l’esplosione antartica spazza l’Australia occidentale

Come previsto, martedì la neve si è depositata sullo Stirling Range, nell’Australia occidentale, dopo che le temperature dell’aria ai livelli superiori si sono notevolmente raffreddate e hanno creato condizioni quasi ideali per le raffiche.

I caricamenti sui social media mostrano grandi quantità di neve che ricoprono il terreno di Bluff Knoll, mentre aleggia una fitta nebbia:

L’anno scorso, la neve è stata registrata almeno cinque volte nello Stirling Range, eguagliando il record di tutti i tempi stabilito 53 anni fa, un punto dati che funge da ulteriore segnale che il clima terrestre si sta raffreddando.


“Boomer Season” mantiene aperti i campi da sci della Nuova Zelanda per una settimana in più

I campi da sci del sud della Nuova Zelanda stanno raggiungendo l’alto numero di visitatori e rimarranno aperti una settimana in più grazie a una sana coltre di neve.

Coronet Peak e Treble Cone hanno deciso di concedersi una settimana in più e chiuderanno il 2 ottobre.

Il direttore generale di Coronet Peak Nigel Kerr ha detto che la decisione è stata facile: “Abbiamo avuto un boomer di una stagione, non c’è dubbio, il 75° anno sarà molto memorabile per le nevicate e la quantità di sciatori su per la collina, tra le altre cose”.

Kerr ha concluso: “In caso contrario, è molto vicino a una stagione da record, è stata sicuramente la nostra migliore stagione da un po’ di tempo”.

Coronet Peak sta guardando a una ‘stagione boomer’ da record.

Guardando al futuro, e in tutto il paese, MetService ha avvertito i neozelandesi di prepararsi per la “settimana più fredda dell’anno” mentre temperature record sotto lo zero, ulteriori nevicate e forti piogge si preparano a colpire.

Minimi di -8.1°C, -6°C e -5.7°C sono già stati registrati Manapouri, Lumsden e Alexandra, rispettivamente – lunedì – e c’è molto altro in arrivo, ha avvertito MetService in un tweet:

Altrove, le tempeste hanno generato 261 fulmini in tutta la regione di Auckland solo martedì mattina:

261 fulmini hanno colpito Auckland lunedì mattina.

A causa del freddo impegnativo per i benchmark, la neozelandese Transpower ha invitato le società energetiche a stimolare più generazione questa settimana dopo aver avvertito che ha solo un piccolo buffer per far fronte a quello che potrebbe essere un picco record della domanda.

L’impresa statale ha emesso un ‘avviso di consulenza ai clienti’ alle società elettriche martedì esortandole a fornire più elettricità al mercato tra le 7.30 e le 9 di venerdì.

“Con il peggioramento della temperature e lo spostamento a nord del paese verso centri abitati più elevati, ora prevediamo che venerdì mattina potrebbe potenzialmente vedere un picco mattutino record”, ha dichiarato il direttore generale delle operazioni Stephen Jay.

“Ci siamo anche consultati a stretto contatto con il MetService, che prevede pochissimo vento venerdì mattina, il che significherebbe che la quantità di elettricità generata dal vento sarebbe molto più piccola del previsto”.

Transpower ha emesso l’ultima volta un avviso di consulenza ai clienti all’inizio di luglio, quando anche la generazione sembrava stretta. E a giugno, ha emesso un raro avviso di emergenza alla rete dopo che un guasto meccanico ha dimezzato l’uscita di una delle turbine della centrale elettrica di Huntly e un improvviso calo della velocità del vento combinato per lasciare la generazione 315 MW inferiore al previsto.

In entrambi i casi, le interruzioni di corrente sono state evitate, ma gli episodi espongono l’inaffidabilità dell’energia generata dal vento.


Gli inglesi preparati per i blackout invernali, il governo elabora un piano di emergenza

Sul tema dei problemi energetici, il governo del Regno Unito (e in effetti i governi di gran parte dell’Europa continentale) stanno preparando i loro cittadini per un duro inverno di razionamento dell’energia e, a seconda di quanto freddo diventa, avremo blackout prolungati.

Avvertire di questa eventualità negli ultimi anni mi ha visto etichettare ogni sorta di cose, ma ora siamo qui – l'”impossibile” è su di noi; vale a dire, le politiche energetiche suicide, ideate da politici corrotti dal verde, ingannati nel pensare che il pianeta abbia bisogno di essere salvato, sono tornate a casa per posarsi.

“Loro” – quegli individui che collettivamente detengono l’autorità sulle nostre vite – hanno giocato a farci indossare il paraocchi.

[La mascherina ne è un esempio chiaro come la luce del sole: non serve a niente ma tientela appiccicata in faccia e non parlare, e soprattutto stammi lontano (distanziamento sociale) ndr.]

Mentre i governi e i cittadini sono stati distratti da una pandemia esagerata, da un conflitto tra Stati Uniti e Russia e dalle ondate di calore durante l’estate – per fantasia – ci sono state minacce molto più pervasive in agguato: carenza di cibo ed energia.

Incolpare le distrazioni elencate per queste carenze è una follia; piuttosto, la causa principale di questo disastro umanitario che si avvicina rapidamente sono i decenni di politiche ambientali dolorosamente stupide lanciate in tutto il mondo occidentale da politici fantoccio curati e messi in atto dal WEF. Tutto ciò che le distrazioni di cui sopra hanno fatto è esasperare e accelerare il collasso orchestrato, piuttosto che istigarlo.

Concentrandosi sull’energia, il Regno Unito si sta preparando per la combinazione potenzialmente mortale di epidemie artiche e carenza di gas questo inverno. Il governo ha elaborato piani che prevedono blackout organizzati sia per l’industria che per le famiglie a gennaio.

Secondo il “ragionevole scenario peggiore” rivisto dal governo, la Gran Bretagna sta affrontando una grave carenza di capacità elettrica, anche dopo che le centrali a carbone di emergenza sono state accese.

Lo scenario prevede temperature al di sotto della media e una riduzione delle importazioni di elettricità da Norvegia e Francia innescando il piano di emergenza per conservare il gas, secondo fonti vicine al governo, anche se il Dipartimento per le imprese, l’energia e la strategia industriale non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Come ulteriore schiaffo in faccia, i blackout arriverebbero mentre i britannici affrontano bollette energetiche annuali in aumento che sono destinate a salire sopra £ 4.200 ($ 5.086) per la prima volta da £ 2.000 attualmente – che è già paralizzante – alimentando l’inflazione già in aumento.

Più freddo è l’inverno, sempre più dipendente sarà la Gran Bretagna dalle spedizioni di gas dall’Europa continentale, dove le forniture sono già limitate mentre Mosca frena i flussi. Il Regno Unito ha pochissima capacità di stoccaggio nazionale, le energie rinnovabili stanno fallendo e ha mantenuto solo una manciata di centrali a carbone come backup.

Come riportato da bloomberg.com, la principale opzione di ripiego del Regno Unito era quella di ripristinare il suo più grande sito di stoccaggio di gas naturale, “Rough”. Tuttavia, il proprietario del sito, Centrica Plc, afferma che il suo ritorno iniziale in servizio questo inverno equivarrebbe a soli 10 carichi di GNL, non abbastanza per fare una differenza significativa. Inoltre, la nazione dovrà anche affrontare una forte concorrenza internazionale per i carichi di gas naturale liquefatto, il che significa che garantire le importazioni avrà un costo esorbitante con conseguente aumento delle bollette dei consumatori.

Un’altra probabilità è che l’elettricità fornita lungo enormi cavi che collegano il Regno Unito a Francia, Norvegia, Belgio e Paesi Bassi sarà ridotta. La Norvegia ha annunciato, lunedì, che dovrà limitare le esportazioni di energia quest’inverno per prevenire carenze interne.

La flotta nucleare francese sta anche minacciando di dare priorità alla sicurezza interna, il che è abbastanza giusto. Di solito un esportatore di energia, meno della metà dei reattori francesi sono attualmente online con la manutenzione e le riparazioni che richiedono più tempo del previsto – il che, se si prescrive all’idea che questa è una “demolizione controllata della società”, come faccio io, solleva sopracciglia – sopracciglia che ora hanno attraversato la parte superiore della mia testa e si sono trasferite nella parte posteriore del collo.

La prima fase del piano di emergenza del Regno Unito prevede che l’operatore di rete reindirizzi i flussi di gas, annullando temporaneamente gli accordi commerciali, ha detto una fonte governativa, chiedendo di non essere identificata perché “le informazioni sono private”.

La seconda fase prevede l’interruzione delle forniture alle centrali elettriche a gas, innescando blackout pianificati sia per l’industria che per gli utenti domestici. Questa è una prospettiva davvero spaventosa, in particolare se questo inverno vede una serie di epidemie artiche che è resa più probabile dato il prolungato periodo di attività solare storicamente bassa in cui ci troviamo attualmente.

Un sonno indebolisce le correnti a getto, riportando il loro solito flusso ZONALE rettilineo a più di uno ondulato MERIDIONALE (questa configurazione spiega anche come il pennacchio africano tostato di luglio sia riuscito a cavalcare così a nord):

Rafforza la tua sicurezza energetica personale ora.

Il governo non ha questo sotto controllo. Non può creare energia magica, o addirittura cibo, dal nulla, non può propagandarti a sentirti caldo – il “riscaldamento globale” sembrerà solo un’ideologia lontana e astratta a gennaio.

Il Regno Unito si è rassegnato allo status di “ingranaggio” all’interno della macchina globalista; ora è una nazione priva di nazionalismo, di sicurezza: è un paese che dipende dalla comunità più ampia per funzionare correttamente, il che è problematico in tempi di difficoltà.

Questi passi indietro sono veri per la maggior parte delle nazioni sviluppate, naturalmente, poiché il WEF ha lavorato, negli ultimi decenni, per infondere i suoi ideali distruttivi in profondità nella maggior parte delle strutture politiche occidentali.

E così sta in questi tempi di difficoltà, quelli con l’orda, e quelli senza sono rimasti a combattere per gli scarti del tavolo.

Per l’individuo: compra un generatore di backup, carburante, una stufa a gas, coperte e quelle piccole cose più calde in cui fai scattare il disco. Fai scorta di tutto e poi spera per il meglio, spera che il peggio che questo prossimo Grand Solar Minimum ha da offrire colpirà un’altra regione dell’emisfero settentrionale e risparmierà un Regno Unito e l’Europa completamente impreparati.

Buona Fortuna.

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, lattività solare storicamente bassaraggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare “in piena regola” alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come il più debole degli ultimi 200 anni, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale QUI.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI

Una opinione su "Gli inglesi preparati per i blackout invernali"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: