Estensione del ghiaccio marino artico la seconda più alta in 15 anni e in crescita…

19 novembre 2021; articolo di Cap Allon

I dati sul ghiaccio marino artico sono ben visibili ai media di tutto il mondo, ma i media preferirebbero comunque citare gli scienziati attivisti piuttosto che mostrare un grafico inequivocabile. Gli articoli sul “catastrofico scioglimento dei ghiacci” continuano a riempire i feed di notizie globali, anche se i segnali indicano uno spostamento ciclico nella regione polare settentrionale.

Sono consapevolmente ingenuo qui. Sono pienamente consapevole che il compito dei media non è informare; piuttosto, esiste per propagandare e spingere gli ordini del giorno e le narrazioni dei suoi sostenitori. Tuttavia, non posso fare a meno di chiedermi, quando un allarmista climatico che brandisce un cartellone urla “la fine è vicina!”, in chi è esattamente che hanno riposto la loro fiducia? Chi ha detto loro che il cielo sta cadendo? Lo chiedo perché è necessario essere informati della “crisi climatica” per discernerla: i propri sensi non sono sufficienti. Le persone non aprono la porta di casa al mattino per un'”emergenza esistenziale”, non si ritirano all’interno, chiamando i loro capi e dicendo “Non verrò oggi, sai… a causa del clima”. Questo dovrebbe essere un “riscaldamento globale catastrofico”, ricordi? Non “eventi meteorologici estremi casuali e selezionati con cura”? Per quello che viene annunciato come un “cataclisma mondano”, questo riscaldamento è sicuramente illusorio, periodico e localizzato.

Il potere della propaganda, immagino.

L’accettazione cieca delle pecore.

L’estensione del ghiaccio marino artico è attualmente la seconda più alta in 15 anni e sta crescendo

Il simbolo di AGW è ovviamente l’Artico. Per anni, le scadenze del punto di svolta di un “Artico senza ghiaccio” sono state profetizzate dagli “esperti” del clima su piedistallo, e per anni le scadenze del punto di non ritorno ci hanno superato senza incidenti.

Vedi:

In un ulteriore colpo alla credibilità dei cacciatori di ambulanze per il clima, a partire dal 17 novembre c’è significativamente più ghiaccio nell’Artico di quanto non ce ne sia stato negli ultimi anni: la differenza è netta.

Questa settimana, il ghiaccio marino artico si sta avvicinando a 10.000.000 km2, la seconda estensione di ghiaccio più alta degli ultimi 15 anni. Inoltre, gli anni 2008 e 2005 stanno per essere eclissati nei prossimi giorni/settimane, così come molti dei primi anni 2000 e metà/fine anni ’90 – questo significa che il 2021 rivendicherà presto il titolo di “il più alto mare artico”. estensione dei ghiacci degli ultimi due decenni» (dal 2001).

Inoltre, l’estensione è ora ampiamente al di sopra della media 2011-2020 e, secondo i dati NSIDC, entro la prossima settimana dovrebbe aver eliminato anche la media 2001-2010.

Vale anche la pena notare che “l’estensione” è in realtà molto variabile e suscettibile al cambiamento dei modelli del vento, ecc. Una metrica più affidabile da utilizzare quando si cerca di determinare la salute di una calotta glaciale è il suo spessore o volume.

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto meteorologico danese (DMI), il “volume” del ghiaccio marino artico è stato in una sorta di strappo nelle ultime settimane – ora sta seguendo soprattutto gli ultimi anni (linea nera nel grafico sottostante) e mostra nessun segno di cedimento:

[DMI]

Ecco uno sguardo più da vicino:

[DMI]

“Il freddo e la neve sono arrivati presto in gran parte dell’Artico quest’anno”, riporta woodtv.com [Questo sito non è attualmente disponibile per i visitatori dello Spazio economico europeo]. Questa realtà, come accennato in precedenza, è un grande cambiamento rispetto agli ultimi anni e credo che potrebbe indicare un “cambiamento di tendenza” più permanente poiché l’impatto della bassa attività solare sul clima della Terra continua a “vampare di neve”.

Solo il tempo potrà dirlo su questo fronte, ma a sostegno della mia tesi c’è il fatto che anche il Polo Sud ha appena assistito a un inverno storicamente freddo. Come riportato il mese scorso: “Tra i mesi di aprile e settembre, il Polo Sud ha registrato una temperatura media di -61,1°C (-78°F). In poche parole, questo è stato l’incantesimo di 6 mesi più freddo della regione mai registrato, e ha comodamente usurpato il precedente inverno senza nucleo più freddo mai registrato: i -60,6°C (-77°F) del 1976 (minimo solare del ciclo debole 20)”.

Non sorprende che i media mainstream rimangano in silenzio su tutto questo.

Non si adatta alla narrativa, e quindi non viene riportato: non è così che il giornalismo (e in effetti la scienza) dovrebbe funzionare.

In assenza di dibattito aperto, interrogatorio e responsabilità, sorgono forze autoritarie.

Avvistati gufi artici nel nord-ovest della Spagna

In un evento che si pensa sia collegato al freddo eccezionale che si è sentito alle latitudini settentrionali questo autunno, nel Principato delle Asturie, una regione della Spagna nordoccidentale, sono stati avvistati numerosi gufi delle nevi o artici.

La biologa Arancha Marcotegi, di Birdwatch Asturias, ha confermato la presenza di almeno tre di questi esemplari artici.

Marcotegi spiega che l’habitat abituale degli uccelli è la tundra – una regione polare di bassa vegetazione – e che non crede che dureranno a lungo in Spagna, non importa quanto rigido possa essere il prossimo inverno.

Un altro biologo, Nicolás López, responsabile della conservazione delle specie di BirdLife, spiega che le latitudini più meridionali frequentate dai gufi delle nevi “non vanno mai oltre il nord del Regno Unito o la Scandinavia”.

È senza precedenti trovarli così a sud.

Le teorie su come gli uccelli siano effettivamente arrivati ​​in Spagna sono numerose. Tra gli scenari c’è che gli uccelli, non essendo i migliori migratori, si sono riposati su una barca che ha finito per portarli nelle Asturie. Un’altra teoria tra gli esperti, e come riportato da plainsmenpost.com, è che, sì, hai indovinato, la colpa è del “cambiamento climatico” del lupo cattivo. López afferma che il riscaldamento globale potrebbe aver causato “fenomeni estremi di maggiore ghiaccio nelle loro aree”, il che significa che gli uccelli hanno viaggiato a sud per trovare cibo.

Sospiro.

Sto iniziando a pensare che ogni volta che si verifica un fenomeno in natura che gli “esperti” non capiscono bene, il “cambiamento climatico” è il punto di riferimento. Il capro espiatorio. Se la teoria non fosse così pervasiva e distruttiva, sarebbe in realtà piuttosto divertente.

Goditi il ​​weekend.

Rimani libero.

Electroverse


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


10 pensieri riguardo “Estensione del ghiaccio marino artico la seconda più alta in 15 anni e in crescita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: